I saltatori in alto del Qatar e dell’Italia eleggono due medaglie d’oro su Jump-off-Sports News, Firstpost

Gianmarco Temperi e il Qatar Mutaz Barshim si sono accordati per il sorteggio domenica alle Olimpiadi di Tokyo in una competizione che è stata decisa non saltando la vetta ma con un gesto sottile.

Il Qatar Moataz Issa Barshim (a sinistra) e l’italiano Gianmarco Tampere hanno scelto di condividere la loro medaglia d’oro piuttosto che saltare alle Olimpiadi di Tokyo. AP

Tokio: Il saltatore in alto italiano è saltato tra le braccia del suo avversario, poi si è spaccato lo stomaco sulla pista difficile, si è rotolato più volte e ha urlato.

Anche Gianmarco Tampere ha sentito il caldo.

Non capita tutti i giorni di associare il tuo buon amico all’oro.

Timbery e Moataz Barshim del Qatar hanno concordato il pareggio domenica alle Olimpiadi di Tokyo in una competizione che è stata decisa non rimuovendo la vetta ma con un gesto sottile.

Edge è sicuramente a Tampere, però, al punto che i festeggiamenti sono difficili da trovare. Questo non include nemmeno tutti gli abbracci e i baci che ha dato – o tutte le persone che ha saltato nel suo abbraccio.

Era molto eccitato. Questa è stata la follia della fine.

“Ancora non riesco a credere a quello che è successo”, ha detto Tampere. “Condividere con un’amica più bella…è stato affascinante.”

In una riunione con gli ufficiali di pista, agli atleti è stata data la possibilità di risolvere un pareggio saltando.

Barshim ha avuto un’idea migliore: che ne dici di due ori?

Il funzionario ha detto che era possibile.

Barshim annuì e Tampere accettò immediatamente, schiaffeggiò la mano di Barshim e saltò tra le sue braccia. Sarà lontano dalla sua ultima celebrazione.

READ  Euro 2020: Angelo Ogbona 'sorpreso e amareggiato' dopo il disprezzo per il Ct dell'Italia Roberto Mancini

“Per quanto mi riguarda, venendo qui, so per certo che per la mia prestazione, merito questo oro”, ha detto Barshim. “Ha fatto la stessa cosa, quindi so che si merita quell’oro”.

Ha anche enfatizzato la sportività, o almeno così sperano. Si aggiunge anche al pool di medaglie olimpiche di Barshim, abbinandosi bene con una medaglia d’argento a Rio e un’altra medaglia alle Olimpiadi di Londra 2012.

“Questo è fuori dallo sport”, ha detto Barshim. “Questo è il messaggio che stiamo inviando alle nuove generazioni”.

Entrambi i saltatori in alto sono stati perfetti fino a quando la barra non è stata impostata all’altezza record olimpica di 2,39 metri (7 piedi, 10 pollici). Perse tutte e tre le volte.

Divertente, hanno già parlato di questo tipo di situazione prima. Non in modo molto dettagliato, però.

“Abbiamo appena detto, immagina”, ricorda Barshim. Oggi è successo questo.

Quando il velocista italiano Marcel Jacobs ha sorprendentemente vinto la gara dei 100 metri pochi minuti dopo, Tampere era lì per salutarlo. Salutalo non tanto quanto con la celebrazione saltando tra le braccia del corridore e avvolgendo il suo braccio intorno alla testa pelata di Jacobs.

“Ero in estasi”, ha detto Tampere, “il mio cuore stava esplodendo”. “Ero solo pieno di emozione e gli stavo urlando contro prima che colpisse la barriera e io lo sostenevo. Sono il capitano della nazionale quindi mi sentivo come se stessi facendo qualcosa”.

Tampere ha mantenuto un equipaggio per cinque anni, in ricordo della sua caviglia rotta prima di Rio. Anche lui era al suo meglio, costringendolo a guardare le partite di Rio. Quando è uscito, ha scritto “Road to Tokyo 2020” su di esso. Ha poi cancellato il 2020 dopo che la pandemia lo ha ritardato e ha scritto in rosso “2021”.

READ  Il Comitato Paralimpico Italiano e la Lega Marittima firmano l'accordo sugli sport marini

“Mi sono detto quel giorno che voglio tornare a Tokyo e voglio lottare per la medaglia d’oro”, ha detto Tampere.

Sembrava che si stessero divertendo di tutti i tipi durante una competizione in cui Maxim Nidasekow della Bielorussia ha preso il bronzo. Tampere ha sparato un fantastico tiro in sospensione dopo aver superato una collina.

fruscio.

Barshim era un perfetto esempio delle ombre che continuavano a cadere dopo i suoi salti. In un’occasione, li ha buttati via dopo un salto riuscito.

Si sono rotte.

“Ho 50 mariti”, ha detto Barshim.

Ora uno è andato.

Un altro anche per il suo amico.

“È uno dei miei migliori amici”, ha detto Barshim, “non solo in pista ma anche fuori pista”. “Siamo quasi sempre insieme, vero spirito, sportività, veniamo qui per trasmettere questo messaggio.

“Apprezzo quello che ha fatto, lui apprezza quello che hai fatto. È incredibile.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *