I kiwi popolano i piccoli locali di Le Mans

I kiwi popolano i piccoli locali di Le Mans

La Ferrari festeggia la vittoria a Le Mans
immagine: Francia Agenzia di stampa

La Ferrari ha vinto il centenario della 24 Ore di Le Mans, con l’italiano Alessandro Pier Guidi che ha guidato il suo ultimo stint fino alla bandiera a scacchi, ottenendo la prima vittoria assoluta del marchio in 58 anni.

Il successo dopo 342 giri del circuito della Sarthe, nel nord-ovest della Francia, ha posto fine alla serie di cinque vittorie consecutive della Toyota nella gara di resistenza attiva più antica del mondo.

La Ferrari 499P numero 51 condivisa da Pierre Guidi, il connazionale Antonio Giovinazzi e il britannico James Calado, ha battuto di un minuto e 21 secondi la Toyota numero 8, guidata dallo svizzero Sebastian Buemi, dal neozelandese Brendon Hartley e dal giapponese Ryo Hirakawa.

“È emozionante. È incredibile. Non ho parole”, ha detto l’ex pilota di Formula 1 Giovinazzi a Eurosport TV.

“È un grande risultato e dopo tanto tempo penso che questo traguardo passerà sicuramente alla storia”, ha detto Calado.

Una Cadillac al secondo posto guidata dal due volte vincitore neozelandese Earl Bamber e dai britannici Alex Lane e Richard Westbrook è arrivata terza ma è arrivata alla 91esima corsa della gara da quando è stata corsa per la prima volta nel 1923.

Scott Dixon sull’altra Cadillac è arrivato quarto.

È stata la prima vittoria assoluta della Ferrari sul circuito della Sarthe dal 1965, quando vinsero l’americano Masten Gregory e il pilota austriaco di Formula 1 Jochen Rindt, e la decima assoluta per il marchio di auto sportive di lusso.

READ  Il Real Madrid conquista il primo posto dopo l'entusiasmante vittoria sul Napoli

La Ferrari ha anche 29 vittorie di classe al suo attivo.

Dramma beatstop

Tuttavia, la vittoria è stata da mangiarsi le unghie fino alla fine, dopo che un dramma finale si è interrotto quando Pierre Guidi è entrato per alimentarlo per il traguardo.

L’italiano non è riuscito a uscire dall’ultimo pit-stop e le Ferrari hanno resistito mentre i meccanici della Toyota lo osservavano, chiedendosi se la splendida vittoria potesse, dopo tutto, essere strappata alla sconfitta imminente.

Pier Guidi è partito dopo un reset che sembrava richiedere molto tempo, ma il vantaggio del team AF Corse si è ridotto a 51 secondi prima dell’ultimo pit stop della Toyota.

“Abbiamo dato tutto. Oggi eravamo gli sfavoriti”, ha detto Hartley. “Per la maggior parte della gara siamo stati vetture più lente, alla fine ci siamo alzati un po’ con la temperatura della pista più calda.

“Gli ultimi giri sono stati probabilmente i giri migliori che ho fatto. Ho fatto solo un giro di qualifica dopo un giro di qualifica. “

Hirakawa, a cui era stato detto di andare al limite negli ultimi due giri, è andato in testacoda contro le barriere ad Arnage nella penultima ora ed è dovuto rientrare ai box per riparare l’anteriore e il posteriore.

La Ferrari è partita con le vetture 50 e 51 in prima fila, la prima volta in 50 anni per il marchio che ha combattuto epiche battaglie con Ford negli anni ’60 prima di andarsene nel 1973 per poi tornare quest’anno nel segmento delle hypercar.

Il capo della Ferrari Formula 1 Fred Vasseur e il pilota Charles Leclerc, nessuno dei quali aveva molto da festeggiare in questa stagione, si sono uniti ai festeggiamenti dopo il più grande successo del marchio italiano quest’anno finora.

READ  Jesse James Shedden firma con l'italiano Pierti Racing

“È una sensazione assolutamente incredibile, soprattutto vincere per la Ferrari dopo così tanti anni”, ha detto Leclerc.

Terminatore NASCAR

Ferrari e Toyota hanno lottato tutta la notte, con le vetture a soli 14 secondi di distanza e tre ore rimaste.

L’altra Toyota, la numero sette, si è ritirata dopo aver urtato al volante il pilota/manager Kamui Kobayashi a 103 giri dalla fine.

“La gomma era forata nella parte posteriore e l’albero di trasmissione posteriore sinistro era rotto, quindi non ho avuto la spinta per rientrare”, ha detto il pilota giapponese dopo la sua uscita.

La Ferrari 50, scattata dalla pole grazie all’italiano Antonio Fuoco, è arrivata quinta dopo aver perso tempo per le riparazioni durante la notte.

La NASCAR Chevrolet Camaro gestita da Hendrick Motorsports con il sette volte campione della Coppa Jimmy Johnson, l’ex vincitore della 24 Ore di Le Mans Mike Rockenfeller e il campione di F1 2009 Jenson Button è arrivato 39esimo su 62 partenti.

L’auto era in competizione come voce “Garage 56” che metteva in risalto la tecnologia futuristica.

L’attore di Hollywood Michael Fassbender si è schiantato con la sua Porsche 911 contro una barriera di pneumatici a Porsche Curves e si è ritirato circa 20 ore dopo.

– Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *