Asteroid City (2023) – Recensione del film

Asteroid City (2023) – Recensione del film

Città degli asteroidi2023.

Scritto e diretto da Wes Anderson.
Con Jason Schwartzman, Scarlett Johansson, Tom Hanks, Jake Ryan, Jeffrey Wright, Tilda Swinton, Bryan Cranston, Willem Dafoe, Edouard Norton, Adrien Brody, Liev Schreiber, Hope Davis, Stephen Park, Rupert Friend, Maya Hawke, Steve Carell, Matt Dillon, Hong Zhao, Margot Robbie, Jeff Goldblum, Tony Revolori, Grace Edwards, Aristo Meehan, Sophia Lillis, Rita Wilson, Ethan Josh Lee, Fisher Stevens, Sue George, Jarvis Cocker, Preston Mota, Jack Iman, Gracie Faris, Ella Faris Whelan Faris, Brayden Frasher, Evan Lopez, Zoe Bernard, Melanie Hubert, Sebastian Stevens e Bob Balaban.

Conclusione:

Ambientato in un’immaginaria città desertica americana intorno al 1955, la Junior Stargazer/Space Cadet Conference (organizzata per riunire studenti e genitori di tutto il paese per borse di studio e competizioni scientifiche) è sconvolta in modo spettacolare da eventi che alterano il mondo.

Durante l’apice dell’undicesimo lungometraggio dello sceneggiatore/regista Wes Anderson, Città degli asteroidi (e una storia concepita insieme a Roman Coppola), a un personaggio che fatica a capire e connettersi con il personaggio che interpreta in uno spettacolo teatrale a tema Asteroid City viene detto che niente di tutto ciò ha importanza e si concentra sul provare emozione quando arriva a recitare la parte . Questa rivelazione ha uno scopo se la persona è un creatore artistico o un attore (sullo schermo o sul palco), ma è anche una rivelazione folle che conferma che non c’è molto qui per i suoi numerosi personaggi e sottotrame.

Sarebbe perdonabile se Città degli asteroidi Racchiude un sacco di sensibilità tangibili, ma a parte alcuni numeri musicali intelligenti, una colonna sonora sobria ma sorprendente del collaboratore abituale Alexandre Desplat e interpretazioni toccanti di Jason Schwartzman e Scarlett Johansson in cui, purtroppo, la sceneggiatura non coglie mai completamente l’intera profondità di i loro personaggi, il film serve come una bella rivendicazione dei marchi commerciali di Wes Anderson e del suo bizzarro senso dell’umorismo senza sentirsi troppo sensato.

READ  I lavoratori di Amazon in Italia lanciano il primo sciopero a livello aziendale il 22 marzo, Retail News, ET Retail

Affinché la suddetta linea di dialogo risulti tutt’altro che frustrante, la storia di fondo (raccontata attraverso l’obiettivo di uno show televisivo in bianco e nero condotto da Bryan Cranston), che stuzzica le informazioni sulle varie influenze creative coinvolte nello spettacolo all’interno del il film (che interpreta) ha bisogno che Edward Norton, Adrien Brody, Jason Schwartzman, Scarlett Johansson e Margot Robbie abbiano un breve cameo) per immergersi più a fondo nelle loro vite, nelle loro motivazioni e nei loro desideri. Non capisco perché capire il personaggio di Jason Schwartzman svolga un ruolo che brama una comprensione più forte del materiale diverso da quello che la recitazione è il suo lavoro.

Per quanto riguarda lo spettacolo in sé, è incentrato su una piccola città nel deserto nel 1955 e sulla sua convention annuale Junior Stargazer/Space Cadet. Il sito è anche un sito di meteoriti, da cui il nome Asteroid City. Jones Hall di Jason Schwartzman interpreta Augie Stenbeck, un padre in lutto che è in ritardo di tre settimane per dire a suo figlio Woodrow (Jake Ryan) e a tre giovani figlie che sua madre è morta per una malattia non specificata dopo molteplici interventi chirurgici e tentativi di cura. Sulla strada per ricongiungersi con suo suocero e il nonno (Tom Hanks), l’auto della famiglia si guasta, bloccandoli in città, dove anche Woodrow sta partecipando a un esilarante divertimento scientifico.

La famiglia è completata da una moltitudine di personaggi secondari che vanno da generali militari ed eccentrici astronomi a padri e figli amanti della psichedelia e personale vario, consentendo un enorme ensemble che rende scoraggiante la lettura dei titoli di testa. Tuttavia, quel crepacuore e quel conflitto paterno derivanti dalla performance di Jason Schwartzman è una delle uniche dinamiche emotive presenti qui, ed è reso ancora più attraente quando si connette con la Mercedes Ford di Scarlett Johansson, che interpreta Midge Campbell, un’attrice nota per il suo ruolo drammatico in Play Coniugi maltrattati. Anche se ha un talento per la commedia e vorrebbe interpretare quei ruoli.

READ  Per prima cosa guarda cosa accadrà su Netflix UK a maggio 2021

Durante una delle loro conversazioni vulnerabili e profonde – parlando tra loro, fissando edifici separati, con la familiare inquadratura simmetrica di Wes Anderson, qui per gentile concessione del direttore della fotografia Robert D. Yeoman – Midge afferma di essere un genitore cattivo ed egoista per aver dato priorità alla sua carriera a Hollywood. Ama sua figlia (Grace Edwards). Allo stesso modo, Auggie sembra prendersi cura dei suoi figli anche se ammette di considerare temporaneamente di abbandonarli a faccia in giù (uno spettacolo molto divertente e confuso) sulla scia della sua depressione e di portare la famiglia dal nonno. Tuttavia, si riferiscono ragionevolmente alla loro professione e alle complesse dinamiche genitoriali.

Nel frattempo, Wes Anderson si dedica a infondere meraviglia nei bambini e incoraggiarli a sognare. Alla fine del capitolo 1, un visitatore inaspettato manda fuori dai binari l’itinerario della conferenza, suscitando l’interesse dei bambini per la scienza e per ciò che si trova oltre la Terra. C’è anche un approccio alla scienza da corsa allo zucchero, inclusa una sequenza iper-animata in cui menti brillanti dimostrano le loro invenzioni.

non sorprendere nessuno, Città degli asteroidiLa produzione è stata accuratamente progettata e metodicamente costruita fino al punto di stupire. Un prologo vede lo stimato drammaturgo Edward Norton Conrad Earp visualizzare l’ambientazione, leggere la narrazione da ogni sezione distinta, generando rapidamente un ampio interesse, sapendo che ogni dettaglio mescolato verrà presto alla luce e sarà esteticamente accattivante. Wes Anderson ha realizzato un altro grande film con la sua esperta tecnica di ripresa, soprattutto per tirare fuori battute speciali (come un ragazzo che si gira per riempire il suo pattino con l’olio della stazione di servizio). Non si può negare che ogni scena sia piena di strane risate.

READ  Diljit Dosanjh risponde ai rapporti secondo cui è "permaloso" con Taylor Swift, dice: "Privacy naam di v koi cheez hundi aa" | Film di notizie hindi

Dal punto di vista direttivo, Città degli asteroidi È un’altra affascinante gemma di Wes Anderson. È solo un peccato che le narrazioni e gli atti dei personaggi in competizione manchino di slancio e non si uniscano mai in qualcosa di così potente come i temi e i messaggi suggeriti.

Valutazione del mito tremolante – Film: ★ ★ / Film: ★ ★ ★ ★

Robert Cogder è membro della Chicago Film Critics Association e della Critics’ Choice Association. È anche l’editore di Flickering Myth Reviews. Controlla qui per nuove recensioni, seguimi Cinguettio O Cassetta delle lettere do e-mail m

https://www.youtube.com/watch?v=embed/playlist

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *