Harry Belafonte, leggendario attore e attivista, è morto all’età di 96 anni

Harry Belafonte, leggendario attore e attivista, è morto all’età di 96 anni

È morto Harry Belafonte, il cantante, attore e attivista sociale americano meglio conosciuto come il Re di Calypso. Aveva 96 anni.

Belafonte è morto martedì per insufficienza cardiaca congestizia nella sua casa di New York, ha detto Paula M. Witt della società di pubbliche relazioni Sunshine Sachs Morgan & Lylis.

Belafonte, la cui famiglia era giamaicana, trascorse parte della sua infanzia sull’isola e negli anni ’50 rese popolare la musica caraibica al pubblico internazionale con successi come Canzone della barca a banana Con il famoso richiamo “Daaayy-o”. Ha ripreso la canzone per una nuova generazione nel suo debutto nel 1978 spettacolo di marionette.

guarda | Harry Belafonte parlando alla CBC negli anni ’60 sul mescolare arte e politica:

Harry Belafonte sul motivo per cui è stato coinvolto in politica

Il cantante riflette su come la sua esperienza di vita personale abbia spinto il suo coinvolgimento politico.

Belafonte ha avuto un’importante carriera come attore, sfidando i tabù nel 1957 Un’isola al sole, in cui interpretava un uomo di colore che contemplava una relazione con Joan Fontaine. Il film è stato bandito in molte città del sud, poiché i proprietari del teatro sono stati minacciati dal Ku Klux Klan a causa della storia d’amore interrazziale nel film.

Ha vinto un Tony Award nel 1954 per il suo ruolo da protagonista in John Murray Anderson calendario È stato il primo uomo di colore a vincere un Emmy Award nel 1959 per il suo speciale televisivo personale stasera con Belfonte.

Fuori dal palco, ha partecipato attivamente al movimento per i diritti civili degli anni ’60, spesso lavorando a stretto contatto con il Rev. Martin Luther King Jr. Nel 1963 Belafonte fu profondamente coinvolto nella marcia del re su Washington e due anni dopo aiutò a reclutare Tony Bennett, Joan Baez e altri cantanti per esibirsi alla marcia a Selma, Ala.

Ha anche svolto ruoli nella lotta contro l’apartheid in Sud Africa e ha contribuito a raccogliere fondi per gli aiuti alimentari attraverso il progetto USA for Africa e Record All-Stars. Noi siamo il mondocosì come enti di beneficenza per l’AIDS in Africa.

Servizio militare, poi celebrità

Harold George Belafonte è nato ad Harlem, New York, il 1 marzo 1927, figlio di una governante e chef giamaicana che ha prestato servizio nella Royal Navy. Ha trascorso parte della sua infanzia in Giamaica, ma è tornato a New York per frequentare il liceo.

READ  Sia dà soldi ai concorrenti di "Survivor" - Rolling Stone

Belafonte si arruolò nella Marina degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale e quando tornò iniziò a prendere lezioni di recitazione presso il famoso Erwin Piscator Dramatic Workshop di New York, dove studiò al fianco di Marlon Brando, Tony Curtis e Sidney Poitier.

Ha iniziato a cantare nei nightclub di New York in modo da poter pagare le lezioni di recitazione: all’inizio ha cantato pop e jazz, apparendo con la Charlie Parker Band in una delle prime apparizioni.

Due uomini in smoking portano premi.
Belafonte e Ken Cragen hanno ricevuto premi speciali il 28 gennaio 1986, durante il 13 ° Annual American Music Awards per i loro sforzi nel progetto USA Africa, che ha prodotto la registrazione di star We Are the World. (Red Saxon / Associated Press)

Durante questo periodo, sviluppò un interesse per la musica folk e iniziò a ricercarla presso la Library of Congress, interessandosi anche alla musica dell’India occidentale. Girato verso la celebrità con il ruolo principale nel musical Carmen JonesCon musiche di Oscar Hammerstein.

il suo primo singolo, matilde, Rilasciato nel 1953, divenne la sua canzone d’autore e sviluppò un seguito introducendo la musica delle Indie occidentali in America. il suo album del 1956 Calipso Ha venduto oltre un milione di copie, che all’epoca era un record.

Bello e un esecutore affermato, ha continuato a registrare una serie di successi tra cui Spirituals Mary Boy piccola e canzoni popolari Giamaica addio E Giovanni Enrico.

Ha guadagnato molta leva dal suo successo commerciale ed è stato in grado di usarlo per dare impulso alla carriera di altre star nere, tra cui Miriam Makeba, Odetta e Chad Mitchell Trio.

Ha cercato di espandere le immagini dei leoni

È diventato il primo produttore nero della televisione Stasera con Harry Belafonte. In un’intervista del 1969 con CBC, ha detto di aver avviato la sua società di produzione in modo da poter portare sullo schermo il tipo di film e programmi TV che pensava valesse la pena fare.

“Non mi piace molto fare il regista, ma ho scoperto che quando non potevo fare quello che volevo fare come artista con le organizzazioni esistenti, dovevo creare il tipo di organizzazione che mi permettesse economicamente e personalmente perseguire il tipo di cose che mi interessavano”, ha detto Belafonte. “.

Harry Belafonte si esibisce sul palco davanti a un cartello con la scritta Belafonte Canada CBC, anni '70 circa.
Harry Belafonte appare mentre si esibisce in uno speciale televisivo della CBC del 1974. (Raccolta di immagini fisse CBC)

Una delle cose che ha detto che spera di fare è rimodellare pensando ai ruoli neri sullo schermo.

Ha detto: “Se vuoi mostrarci sullo schermo mentre balliamo e sorridiamo… va bene, ma è un gioco da ragazzi, non scuote la barca. Soddisfa lo status quo e lascia tutti felici”. disse. .

READ  La moglie di Michael Buble rivela di essere incinta in un'anteprima di un nuovo video musicale

Nel cinema e in televisione ha avuto una serie di ruoli che hanno sfidato gli stereotipi razziali. Ha anche interpretato un rapinatore di banche con un partner razzista probabilità contro domanipoi ha recitato accanto al suo amico Poitiers nel 1972 Buck e il predicatore e 1974 Sabato sera nei quartieri alti.

Negli ultimi decenni, i suoi ruoli cinematografici hanno incluso BobbyE Kansas CityE Il fardello dell’uomo bianco E Voto alternativo. Nel film Spike Lee 2018 BlacKkKlansmanè giustamente ritratto come un anziano statista che istruisce i giovani attivisti sul passato del paese.

Sul palco compaiono due uomini, uno dei quali in giacca e cravatta.
Belafonte, a sinistra, e Spike Lee sono mostrati sul palco della 28a cerimonia annuale di investitura nella Rock and Roll Hall of Fame a Los Angeles. Belafonte è poi apparso in BlacKkKlansman di Lee. (Kevin Winter/Getty Images)

Seguendo le orme del suo eroe e mentore Paul Robeson, Belafonte si è espresso contro i pregiudizi negli Stati Uniti e contro il colonialismo in Africa.

In un’intervista radiofonica del 2002 con NPR, Belafonte ha parlato del senso di tradimento che provava, avendo combattuto per il suo paese nella seconda guerra mondiale, ma costretto a fare i conti con la discriminazione razziale a casa.

“Molti di noi erano molto turbati e molto arrabbiati per il fatto che la democrazia esistesse qui, dove è stata così vigorosamente combattuta, che non abbiamo raggiunto quelli di noi che erano vittime dell’assenza di democrazia. E in quel contesto, piuttosto che sottometterci, ci siamo uniti, organizzati e abbiamo fatto tutto il possibile.È in nostro potere preservare i principi della democrazia nella nostra costituzione.

Tre uomini in giacca e cravatta sono mostrati in una fotografia in bianco e nero.
In questa foto del 5 luglio 1966, Belafonte è a New York City con il Rev. Martin Luther King Jr., a sinistra, e Tore Talroth, Console Generale di Svezia. (Jacob Harris/Associated Press)

Era uno stretto confidente del dottor Martin Luther King e sosteneva la sua famiglia, poiché King guadagnava solo $ 8.000 all’anno come predicatore.

“Ho visto le minacce alla sua vita e ho deciso di stipulare la sua assicurazione sulla vita nell’interesse della sua famiglia in modo che se gli fosse successo qualcosa, non sarebbero stati economicamente indigenti”, ha detto in un’intervista del 2007 alla BBC.

Belafonte “irradia grandezza”: Dylan

Belafonte fece amicizia con King nella primavera del 1956 dopo aver chiamato il giovane leader dei diritti civili e chiesto un incontro. Parlarono per ore e Belafonte ricordava di aver sentito che King lo aveva innalzato al “livello più alto di protesta sociale”.

Poi, al culmine della sua carriera di cantante, Belafonte iniziò presto a produrre un concerto di beneficenza per il boicottaggio degli autobus a Montgomery, Ala. , che ha contribuito a rendere King una figura nazionale. All’inizio degli anni ’60, aveva deciso di fare dei diritti civili la sua priorità.

Ha fatto uscire di prigione King e altri manifestanti per i diritti civili e ha finanziato le campagne di registrazione degli elettori.

Vengono mostrati un uomo in giacca e cravatta e un uomo in costume tradizionale.
Belafonte e l’ex presidente sudafricano Nelson Mandela compaiono il 9 maggio 2002 a un evento delle Nazioni Unite a New York. Questo evento faceva parte della sessione speciale sui bambini dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. (Stan Honda/AFP/Getty Image)

Tra gli ammiratori di Belafonte c’era un giovane Bob Dylan, che suonava l’armonica su Belafonte Lo speciale di mezzanotte Si è anche esibito al fianco di Bayes alla King’s March a Washington.

READ  Caitlyn Jenner interrompe i contatti con Kanye West per rispetto nei confronti di Kim Kardashian - Entertainment News

“Harry era il miglior scribacchino del paese”, scrisse Dylan nel 2004, “e lo sanno tutti”. record. “Era un bravo intrattenitore, che cantava di amanti e schiavi – gangster, santi, peccatori e bambini. … Harry era quel raro tipo di personaggio che irradiava grandezza, e spero che alcuni di loro ti tocchino.”

Nel 1985 è stato uno degli organizzatori della canzone Noi siamo il mondo per raccogliere fondi per soccorrere la carestia in Africa, e ha anche suonato al successivo concerto Live Aid.

Nel 1987 è stato nominato Ambasciatore di buona volontà dell’UNICEF, un ruolo che gli ha permesso di mettere in luce la difficile situazione dei bambini in Senegal, Kenya e Ruanda e l’impatto dell’AIDS nel continente africano.

Belafonte ha talvolta criticato la politica estera statunitense ei suoi effetti a lungo termine.

“La nostra politica estera ha distrutto questo pianeta”, ha detto in un’intervista del 1995. “Sono sempre in Africa… E quando vado in questi posti, vedo la politica americana scritta sui muri dell’oppressione ovunque”.

È stato coinvolgente e risoluto, criticando celebrità come Jay-Z e Beyoncé per quello che dice non è all’altezza delle loro “responsabilità sociali”.

Barack Obama, il primo presidente nero del paese, ha chiesto a Belafonte di dargli “un po’ di tregua” nell’andamento della sua amministrazione.

Belafonte ha detto di aver risposto: “Cosa ti fa pensare che non sia quello che ho fatto?”

La vita e i tempi di Belafonte sono stati descritti nel documentario della HBO del 2011 Canta la tua canzone.

Oltre alla moglie, Belafonte lascia i figli Adrienne Belafonte Bessemer, Shari Belafonte, Gina Belafonte e David Belafonte; due figli, Sarah Frank e Lindsey Frank; e otto nipoti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *