Google espande la funzione di accoppiamento rapido oltre le cuffie – TechCrunch

È probabile che il CES di quest’anno sia un po’ la luce di Google sul fronte hardware, ma l’azienda ha una serie di nuove funzionalità software da annunciare. I principali tra questi sono alcuni importanti aggiornamenti alla sua offerta Fast Pair, che fino ad ora è stata in gran parte il regno dell’accoppiamento degli auricolari. Una serie di nuove aggiunte stanno cercando di posizionare la funzione come una sorta di piattaforma unificante tra i dispositivi Google e persino i sistemi operativi.

“Continuiamo a lavorare con i partner per espandere la funzionalità Fast Pair ancora oltre la comunicazione vocale con dispositivi indossabili, cuffie, amplificatori e auto, ed estenderla a TV ed elettrodomestici intelligenti, così puoi iniziare immediatamente a utilizzare tutti i dispositivi della tua vita, “, scrive l’azienda. In un post sul blog.

Crediti immagine: google browser

Le aggiunte arrivano mentre Google si sta muovendo verso l’adozione diffusa dello standard Matter, progettato per offrire una sorta di piattaforma unificata per i dispositivi domestici intelligenti connessi. Innanzitutto, aumenta la funzionalità per i Chromebook, con conseguente accoppiamento istantaneo delle cuffie con ChromeOS. Questa funzione dovrebbe arrivare tra poche settimane.

Entro la fine dell’anno, nel frattempo, i possessori di nuovi Chromebook potranno configurare istantaneamente il proprio dispositivo con un telefono Android e accedere immediatamente a elementi come gli accessi di Google e le password Wi-Fi. Oltre alla capacità esistente di sbloccare i Chromebook tramite un dispositivo Android, Google aggiungerà la possibilità di farlo con Wear OS mentre continua a guardare alla creazione di un sistema operativo indossabile competitivo.

Crediti immagine: google browser

Fast Pair sincronizzerà anche le cuffie con i dispositivi Google TV e Android TV OS nei prossimi mesi, mentre il supporto per Android Matter aiuterà il dispositivo per la casa intelligente a diventare operativo rapidamente. La commutazione automatica arriva anche alle cuffie di Google, consentendo agli utenti di cambiare connessione tra dispositivi Android. Questo arriverà anche ad un certo punto nei prossimi mesi, insieme alla funzionalità audio spaziale, poiché Google cerca di competere in modo più diretto con le offerte di cuffie di Apple.

READ  Niente più FaceTime FOMO: come utilizzare l'app per iPhone su Android o Windows

Google sta inoltre collaborando con produttori di terze parti per integrare la funzionalità Chromecast nei dispositivi, dagli altoparlanti Bose agli altoparlanti intelligenti.

Maggiori informazioni sul CES 2022 al TechCrunch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *