Gli spettatori individuano importanti problemi nei video sulla sicurezza in Italia

Gli spettatori individuano importanti problemi nei video sulla sicurezza in Italia

Il Ministero dei Trasporti italiano ammette un “possibile errore”: rapporto (rappresentante)

Roma:

Mercoledì un messaggio di servizio pubblico italiano che invitava i giovani conducenti a mettere da parte i loro smartphone ha attirato molta attenzione per le ragioni sbagliate, poiché gli attori non indossavano le cinture di sicurezza.

Il video, prodotto per il Ministero dei Trasporti italiano, mostra quattro giovani donne che viaggiano in macchina quando il passeggero del sedile anteriore condivide un video sul suo telefono.

L'annunciatore offre al conducente una scelta: guardarlo adesso o più tardi quando non è al volante.

«Fai l'unica scelta possibile, perché ne va della tua vita e di quella degli altri», ha scritto in un post su X il vicepremier responsabile dei Trasporti Matteo Salvini per lanciare la campagna sui social.

Quando l'autista sceglie di guardare il video, l'auto subisce un incidente, mentre quando l'autista sceglie di guardarlo più tardi, l'incidente viene evitato.

Ma gli spettatori hanno subito notato un problema.

“Matteo Salvini, le giovani donne hanno dimenticato di indossare le cinture di sicurezza”, aveva detto in precedenza su Twitter Giulia Pastorella, deputata del Partito Democratico di centrosinistra.

In risposta a una domanda dell'AFP, il Ministero dei Trasporti italiano ha ammesso che c'è stato un “possibile errore” in una campagna sui social media volta ad attirare l'attenzione sulle tre principali cause di incidenti da parte dei giovani conducenti: uso dello smartphone, velocità eccessiva, droga e /o uso di alcol. .

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

READ  Italia: i partiti di centrodestra vogliono Silvio Berlusconi presidente | notizie | DW

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *