Gli scienziati affermano che le lune ghiacciate di Urano potrebbero nascondere oceani sepolti

Un nuovo studio ha scoperto che le due più grandi lune di Urano, il settimo pianeta del nostro sistema solare, potrebbero nascondere oceani sepolti.

Urano ha 27 lune conosciute, di cui Titania e Oberon sono rispettivamente la più grande e la seconda più grande.

Entrambi potrebbero supportare un oceano sotto la superficie oggi se ci fosse poca perdita di calore attraverso i gusci di ghiaccio esterni, hanno rivelato i ricercatori che eseguono simulazioni al computer.

Questo composito a colori ad alta risoluzione di Titania è stato realizzato con le immagini della Voyager 2 catturate il 24 gennaio 1986, quando la navicella spaziale ha fatto il suo avvicinamento più vicino a Urano.

Cosa sappiamo di Urano?

Urano fu scoperto da William Herschel nel 1781 e prese il nome dal dio greco del cielo Urano.

Si trova a 1,84 miliardi di miglia dal sole e orbita ogni 84 anni. Le sue lune più grandi sono Miranda, Ariel, Umbriel, Titania e Oberon.

Ruota sul proprio asse una volta ogni 17 ore e 14 minuti.

Ha le temperature più fredde di qualsiasi pianeta del sistema solare con una temperatura minima di 371 gradi Fahrenheit.

È circondato da un gruppo di anelli molto sottili di colore scuro.

“Scommetto che hanno gli oceani”, ha detto l’autrice dello studio Frances Nimo dell’Università della California, Santa Cruz. nuovo mondo. “Non sarebbe affatto sorprendente.”

Urano, noto come il “gigante di ghiaccio”, è largo 31.000 miglia (50.000 km) e orbita a 1,6 miliardi di miglia (2,6 miliardi di km) dalla Terra.

La sua luna più grande, Titania, ha un diametro di circa 980 miglia (1.576 km), mentre Oberon ha un diametro di circa 946 miglia (1.522 km).

READ  Astronomi dilettanti catturano il momento in cui un UFO si è scontrato con Giove

Entrambi hanno temperature superficiali che si aggirano in media intorno a -392 gradi Fahrenheit (-200 gradi Celsius), ma gli elementi radioattivi trovati nelle profondità di queste lune potrebbero far sciogliere parte delle acque interne.

Molte delle lune più piccole di Urano orbitano attorno al pianeta vicino a Titania e Oberon Ottiene la maggior parte del suo calore interno dal riscaldamento delle maree Riscaldamento per attrito del nucleo causato dalla gravità del pianeta genitore.

Tuttavia, il riscaldamento delle maree non sarebbe sufficiente per sciogliere il ghiaccio sotto le superfici ghiacciate più grandi e più lontane, tra cui Titania e Oberon, dicono.

Tuttavia, il congelamento degli oceani liquidi sotto la superficie di Titania e Oberon potrebbe essere dovuto ad altri fattori.

Questa immagine in Voyager 2 di Oberon è la migliore navicella spaziale che abbia mai ottenuto dalla seconda luna più grande di Urano

Questa immagine in Voyager 2 di Oberon è la migliore navicella spaziale che abbia mai ottenuto dalla seconda luna più grande di Urano

Uno di questi fattori è il numero di pori nelle lune e quanto sono larghi quei pori. Una luna con una superficie meno porosa potrebbe perdere più calore nello spazio rispetto a una superficie porosa.

Un altro fattore è se gli oceani liquidi contengono o meno ammoniaca, che abbassa la temperatura di fusione del liquido.

Terzo, i crateri, gabbie di atomi con un altro atomo intrappolato al loro interno, possono limitare il flusso di calore fuori dall’oceano.

Su Plutone, è stato suggerito che i crateri alla base della crosta di ghiaccio svolgano un ruolo importante nel mantenimento dell’oceano sotterraneo.

Secondo i risultati dei modelli, se Titania avesse una crosta di ghiaccio porosa che conteneva più del 12% o più del 10% di ammoniaca nel mare in peso, la luna potrebbe sostenere un oceano lungo più di 1 chilometro oggi.

READ  L'IAU concorda con i nomi cinesi per designare regioni sulla luna

Queste stime potrebbero essere le stesse del fratello leggermente più giovane della Luna, Oberon.

Una vista di Urano presa dalla navicella spaziale Voyager 2 nel 1986. Si scopre che Urano ha un campo magnetico che non è allineato con il suo asse di rotazione, a differenza di altri pianeti visitati fino a quel punto

Una vista di Urano presa dalla navicella spaziale Voyager 2 nel 1986. Si scopre che Urano ha un campo magnetico che non è allineato con il suo asse di rotazione, a differenza di altri pianeti visitati fino a quel punto

I ricercatori hanno sottolineato l’importanza di progettare missioni future con la capacità di esplorare l’oceano su tutte e cinque le principali lune di Urano: Oberon, Titania, Umbriel, Ariel e Miranda.

La NASA sta conducendo gli sforzi per lanciare una sonda spaziale su Urano e il suo vicino planetario Nettuno, così come i satelliti che li circondano, negli anni ’30.

Poco si sapeva delle lune di Urano fino a quando la sonda spaziale Voyager 2 della NASA le ha passate mentre sorvolava Urano nel gennaio 1986.

Si scopre che Urano ha un campo magnetico che non è allineato con il suo asse di rotazione, a differenza di altri pianeti visitati fino ad allora.

Come si confronta il campo magnetico di Urano con il campo magnetico della Terra?

Un recente studio che ha analizzato i dati raccolti più di 30 anni fa dalla navicella spaziale Voyager 2 ha scoperto che la magnetosfera globale di Urano è diversa da quella della Terra, che è nota approssimativamente per allinearsi con l’asse di rotazione del nostro pianeta.

Una visione a falsi colori di Urano catturata da Hubble

Una visione a falsi colori di Urano catturata da Hubble

Secondo i ricercatori del Georgia Institute of Technology, questo allineamento porterà a comportamenti molto diversi da quelli che vediamo intorno alla Terra.

Urano giace e ruota su un fianco, lasciando il suo campo magnetico inclinato di 60 gradi rispetto al suo asse.

READ  Hanno calcolato che la Terra si trova alla periferia della regione della Via Lattea dove potrebbe esistere la vita intelligente

Di conseguenza, il campo magnetico “collassa” in modo asimmetrico rispetto al vento solare.

Di conseguenza, il campo magnetico “collassa” in modo asimmetrico rispetto al vento solare.

Quando la magnetosfera è aperta, permette al vento solare di fluire.

Ma quando si chiude, crea uno scudo contro queste particelle.

I ricercatori ritengono che la riconnessione del vento solare avvenga nella parte superiore della magnetosfera di Urano a diverse latitudini, provocando l’interruzione del flusso magnetico in diverse parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *