Nel primo ritorno della NASA sulla Luna dopo 50 anni, una donna di origine indiana per supervisionare una parte importante del lancio | Notizie dall’India

Melbourne: come prima tappa in ArtemideE il NASAA Coimbatore nascerà un ambizioso progetto per inviare una navicella spaziale nello spazio profondo, e sovrintenderà allo stadio centrale del razzo, o spina dorsale. Subashini Ayer.
“Sono passati quasi 50 anni dall’ultima volta che abbiamo messo piede sulla luna… Ci stiamo preparando a riportare gli umani sulla luna e oltre, MarteIyer per TOI.
Artemis I sarà il volo senza equipaggio della navicella spaziale Orion, la prima di tre complesse missioni per esplorare la Luna e Marte. Orion viaggerà per 280.000 miglia (più di 4.50.000 km) dalla Terra e migliaia di miglia oltre la Luna in una missione di tre settimane. A quel tempo, raccoglierà dati mentre i controllori di missione esamineranno le prestazioni della navicella per aprire la strada ad Artemis 2, quando una navicella spaziale con equipaggio orbita intorno alla luna. Infine, nel 2024, Artemis III trasporterà gli astronauti sulla Luna.

Dirige anche un team di lancio del prodotto integrato con Boeing, Iyer sta collaborando con il componente Artemis I che porterà Orion nello spazio – lo Space Launch System (SLS) – il cui stadio principale è arrivato al Kennedy Space Center in Florida alla fine di aprile. Sono stato coinvolto in SLS per due anni.
L’SLS è il razzo più potente al mondo … Boeing è responsabile della costruzione dello stadio principale del razzo, che contiene il sistema di propulsione principale e l’avionica (sistemi elettronici). È progettato per funzionare per circa 500 secondi e raggiunge un’altezza di 530.000 piedi prima di staccarsi. Il mio ruolo include la supervisione di qualsiasi supporto post-produzione di cui la NASA ha bisogno una volta che lo stadio principale è stato costruito e consegnato alla NASA.” “Le parti chiave del razzo Artemis I sono state costruite e testate separatamente. Il mio team della Boeing… supporterà la NASA al Kennedy Space Center con assemblaggio, integrazione e test. Monitoreremo anche le presentazioni dei dati e forniremo supporto il giorno del lancio”. Il lancio è previsto per novembre di quest’anno.
Iyer è stata una delle prime donne a laurearsi in ingegneria meccanica presso il suo college, il VLB Janakiammal College, nel 1992. “Ero la quarta classe del mio college a conseguire una laurea in ingegneria meccanica e lei è stata una delle prime donne a guadagnarla. Quando sono stata assunta, ero l’unica donna nel mio gruppo. Mi è stato chiesto di trovare un’altra donna “per sicurezza”, ha detto.
Ora guida un team eterogeneo di ingegneri meccanici ed elettrici. “La SLS è stata lanciata da ingegneri che hanno fatto parte del programma di esplorazione umana dello spazio per 30-40 anni dai giorni dello shuttle. Ci sono nuovi ingegneri. Sono anche felice di guidare donne e persone provenienti da diversi paesi”. “Il mio manager – il direttore della produzione, dei test e del lancio – è una donna. Anche il suo direttore – il vicepresidente dell’ingegneria spaziale e di lancio – lo è. Il direttore del lancio della NASA SLS e il leader del componente principale della NASA sono donne… È stato fantastico vedere più donne in questo campo”.

READ  Come suddividere l'orario di lavoro in Google Calendar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *