Gli organizzatori dell’Open d’Italia sono in attesa della decisione sull’idoneità dei giocatori russi e bielorussi

Il russo Daniil Medvedev, secondo nella classifica mondiale maschile, potrebbe essere squalificato dagli Open d’ItaliaGetty Images

Gli organizzatori dell’Open d’Italia stanno aspettando di vedere se i giocatori provenienti da Russia e Bielorussia potranno “competire” dopo che la decisione di Wimbledon di bandirli ha spinto il governo italiano a un “intervento improvviso”, secondo Stuart Fraser del London Times. A seguito di un primo rapporto sul Corriere della Sera, fonti affermano che il primo ministro italiano Mario Draghi “sta valutando una qualche forma di azione legale per garantire che russi e bielorussi non possano giocare mentre l’invasione dell’Ucraina continua”. Ciò potrebbe assumere la forma di un “divieto di viaggio o di una nuova ordinanza che impedisca ai singoli di partecipare a eventi sportivi professionistici sul suolo italiano”. I funzionari dei tour ATP e WTA si stanno preparando a discutere “quale azione intraprenderanno in risposta alla decisione” di Wimbledon e della Lawn Tennis Association. Le riunioni del consiglio di amministrazione e dei giocatori “si terranno a Madrid per tutta la settimana”. Ci sono anche suggerimenti secondo cui gli Open di Francia “potrebbero improvvisamente subire pressioni politiche ora che le elezioni presidenziali sono terminate” (London Times, 4/25).

Discordia e frustrazioneIl CEO della WTA Steve Simon ha affermato che l’annuncio di Wimbledon è stato “estremamente deludente”. “Una cosa su cui questo sport è sempre stato d’accordo… e su cui è unito è che partecipare ai nostri eventi di ‘tennis’ è sempre stato basato sul merito e indiscriminato”, ha detto Simon, apparso su “The Tennis Podcast” lo scorso giovedì. “Non abbiamo mai squalificato nessun atleta dalla competizione in nessuno dei nostri eventi a causa della sua provenienza o delle decisioni che i loro governi avrebbero potuto prendere, non importa quanto disapprovati”, ha aggiunto. Simon ha affermato che “i problemi che vediamo in Ucraina sono riprovevoli” ma che “in tutta onestà, gli atleti russi e bielorussi che non hanno nulla a che fare con questa questione, cosa che tutti concordano, si sono espressi e si sono apertamente opposti”. Non dovrebbero essere puniti in base alle azioni del loro governo. Rimaniamo forti dietro di esso. Non mi tirerò indietro da quello. Sento che è un principio di base. Simon: Valuteremo i nostri prossimi passi… ma non potrei essere più scontento della decisione. …Vedrete alcune reazioni forti che verranno da noi, ma ancora una volta quali sono queste reazioni e come andranno, resta da determinare” (Podcast sul tennis 21/04).

READ  La Federazione Italiana Motorsport vuole due gare permanenti nel Paese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.