Gli esportatori stanno affrontando un incubo logistico poiché CN deve ancora ripristinare il servizio al porto di Vancouver

Le inondazioni nella Columbia Britannica meridionale continuano a rappresentare sfide logistiche per gli esportatori poiché le ferrovie nazionali canadesi hanno interrotto i servizi lungo un importante corridoio merci a causa di forti piogge, inondazioni e frane.

Le esportazioni sono ulteriormente ostacolate dal lento movimento delle navi attraverso il porto di Vancouver.

“La ripresa del settore manifatturiero in generale è rallentata e la crisi nella Columbia Britannica non farà che peggiorare le cose”, ha affermato Denis Darby, presidente dei produttori ed esportatori canadesi.

Ha detto che i treni correvano a tariffe molto basse anche prima che la ferrovia con sede a Montreal fosse interrotta dagli sforzi per riaprire.

“Speriamo che tutto torni alla normalità il prima possibile, ma ci vorranno almeno settimane, forse mesi”.

CN ha affermato di aver spostato sette treni durante il fine settimana, ma ha deciso di “chiudere in modo proattivo la sua rete” perché le piogge hanno causato un aumento di detriti, attività di deriva e smottamenti.

“Le nostre squadre stanno lavorando per trovare modi sicuri ed efficaci per gestire i flussi d’acqua, stabilizzare le infrastrutture e monitorare le condizioni generali della rete”, ha scritto il portavoce delle ferrovie Matteo Goudreau in una e-mail.

CN è stata in grado di deviare parte del traffico ferroviario verso il porto di Prince Rupert, che rimane pienamente operativo e non risente del maltempo.

Ma CN ha affermato che il traffico in direzione nord e est da e per Vancouver è stato ancora colpito.

Le sabbiere sono state posizionate dall’altra parte della strada accanto a un muro di sacchi di sabbia lungo i binari della ferrovia per formare una diga temporanea nell’area di Huntingdon Village di Abbotsford, nella Columbia Britannica, domenica. (Daryl Dick/The Canadian Press)

I veicoli della Canadian Pacific Railway Ltd sono entrati. Mercoledì scorso ha caricato grano e carburante della prateria a Vancouver per la prima volta da giorni dopo che il suo corridoio ferroviario è stato gravemente danneggiato in circa 30 siti tra Vancouver e Kamloops, nella Columbia Britannica.

Tuttavia, Calgary Rail afferma di aver bisogno dell’accesso ai binari della CN sulle sue corsie più trafficate poiché condivide l’infrastruttura ferroviaria per massimizzare la capacità.

“Con la ripresa delle operazioni da parte di CP e il passaggio dal ripristino al ripristino, CP si coordinerà a stretto contatto con i clienti e i terminali per eliminare l’arretrato nel modo più sicuro ed efficiente possibile”, ha scritto in una e-mail la portavoce della società Salem Woodrow.

“Come ferrovia, comprendiamo come il servizio che forniamo influenzi la vita delle persone e le attività commerciali, il carburante da cui dipendiamo, il cibo che mangiamo, i veicoli che guidiamo e i vestiti che indossiamo”.

Nel porto più trafficato del paese, un gran numero di navi da carico è attraccato e il loro scarico è ostacolato mentre i container vuoti vengono restituiti in Asia vuoti.

I container vuoti fino a ottobre sono aumentati del 72% rispetto a un anno fa, mentre le esportazioni sono diminuite dell’11%, afferma GCT Global Container Terminals Inc.

Il capo del porto di Vancouver, Robin Sylvester, afferma che la terra insufficiente per immagazzinare e trasportare i container sta esacerbando il problema con le compagnie di navigazione che non sono disposte ad aspettare che i container vengano riempiti in Canada.

“Senza terra vicino al porto per farlo in modo rapido ed efficiente, le compagnie di navigazione stanno semplicemente inviando container vuoti in Asia, lasciando gli esportatori canadesi a mani vuote”, ha detto di recente in un discorso al Greater Vancouver Board of Trade.

Darby ha affermato in un’intervista che la situazione è particolarmente difficile per gli esportatori e sta causando alle aziende il licenziamento di dipendenti o l’interruzione della produzione perché il 32% del PIL canadese è costituito dalle esportazioni e tre quarti dei manufatti vengono esportati.

“Sì, è vero”, ha detto, “e presto inizierà la misurazione, ne sono sicuro.”

“È una situazione tragica”.

READ  Highlights delle semifinali di Euro 2020: l'Italia batte la Spagna ai rigori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *