Gli alleati di Stati Uniti ed Europa sembrano pessimisti mentre i colloqui sul nucleare iraniano si bloccano a Vienna

“Al momento l’Iran non sembra essere serio nel fare ciò che è necessario per tornare al rispetto dell'”accordo del 2015″, motivo per cui abbiamo concluso questa tornata di colloqui a Vienna”, ha detto venerdì il segretario di Stato Anthony Blinken.

I rappresentanti degli Stati Uniti – che hanno abbandonato l’accordo sotto l’amministrazione Trump – e le restanti parti dell’accordo si sono incontrati nella capitale austriaca per il settimo round di colloqui volti a salvare il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) del 2015.

L’amministrazione Biden ha spinto per la ripresa dei colloqui volti a riportare in conformità sia Washington che Teheran, ma dopo sei tornate di colloqui con l’Iran e altre parti – Unione Europea, Francia, Germania, Russia e Cina – l’Iran ha chiesto una pausa durante la sua tenuta. elezioni. Quella pausa è durata sei mesi fino a quando lunedì sono ripresi i colloqui con un nuovo governo iraniano dalla linea dura che continua a sviluppare la capacità nucleare iraniana in violazione dell’accordo.

“I primi sei round di negoziati hanno fatto progressi, poiché sono stati trovati compromessi creativi su molte delle questioni più difficili che erano difficili per tutte le parti”, ha affermato un portavoce del Dipartimento di Stato. Sfortunatamente, l’approccio iraniano questa settimana non è stato quello di cercare di risolvere i problemi rimanenti.

Il portavoce ha detto che l’inviato speciale degli Stati Uniti per l’Iran Rob Malley e il suo team stanno tornando a Washington, DC.

Alti diplomatici europei hanno affermato che Teheran si sta ritirando da tutti i duri compromessi che sono stati elaborati dopo mesi di duro lavoro nei precedenti round di colloqui e chiedendo grandi cambiamenti. “Dopo un esame approfondito, siamo delusi e preoccupati per le modifiche proposte dall’Iran ai testi negoziati durante i precedenti sei round di colloqui a Vienna”, hanno detto ai giornalisti.

READ  500 auto hanno preso fuoco dopo che un'autocisterna di carburante è esplosa al confine tra Afghanistan e Iran

I diplomatici europei hanno affermato che i negoziatori torneranno nelle loro capitali per valutare la situazione e chiedere istruzioni prima di incontrarsi di nuovo la prossima settimana per vedere se le lacune possono essere colmate. “Il nostro governo rimane pienamente impegnato nel percorso diplomatico”, hanno affermato, “ma il tempo stringe”.

“E’ chiaro che anche Russia e Cina sono frustrate da ciò che l’Iran sta facendo o non facendo in questi colloqui”, ha detto Blinken venerdì.

“Ci consulteremo da vicino e con attenzione con tutti i nostri partner nello stesso processo – paesi europei, ma anche Russia e Cina – ma anche con altri paesi molto preoccupati, con Israele e gli Stati del Golfo, e vedremo se l’Iran ha alcun interesse a impegnarsi seriamente, ma la finestra è troppo stretta.”

I diplomatici europei hanno notato che da quando l’Iran ha interrotto i negoziati, ha “accelerato il suo programma nucleare. Questa settimana ha annullato i progressi diplomatici che sono stati fatti”. Sulla base delle bozze iraniane, hanno affermato, non è chiaro come si possano colmare le lacune tra le due parti.

L’accordo nucleare iraniano originariamente obbligava gli Stati Uniti e i suoi alleati ad allentare le sanzioni contro l’Iran in cambio di restrizioni sul suo programma nucleare. Dopo che l’ex presidente Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo nel maggio 2018, gli Stati Uniti hanno rafforzato le sanzioni e circa un anno dopo, l’Iran ha iniziato a deviare dall’accordo, riprendendo il suo programma nucleare.

L’alto diplomatico statunitense ha definito la decisione di Trump di abbandonare l’accordo un “errore catastrofico” perché Teheran “l’ha usata come scusa, nonostante la massima pressione esercitata contro l’Iran, per annullare anche i suoi impegni nell’ambito dell’accordo e ricostruire senza sosta il programma nucleare. ” Fondo” – una posizione che anche i leader israeliani hanno preso pubblicamente.

READ  L'uragano Larry ha previsto di portare "onde pericolose per la vita che interrompono le condizioni attuali" sulla costa orientale

‘inaccettabile’

Ha notato che anche con la ripresa dei colloqui questa settimana, l’Iran ha fatto nuovi sviluppi nucleari. Teheran ha ignorato le richieste di cooperazione con l’International Atomic Energy Association. L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha dichiarato mercoledì che l’Iran ha iniziato a produrre il 20% di uranio arricchito utilizzando centrifughe avanzate nel suo sito di Fordow e che ha respinto le richieste di consentire all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) l’accesso al suo sito nucleare in Karaj.

“Ciò che è inaccettabile e non permetteremo che accada è che l’Iran cerchi di ritardare questo processo mentre continua ad andare avanti senza sosta nella costruzione del suo programma”, ha detto Blinken.

“L’Iran ha decisioni molto importanti da prendere nei prossimi giorni”, ha detto. “O torneremo al rispetto dell’accordo, o dovremo considerare di affrontare questo problema in altri modi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *