Ex generali si uniscono alla lotta per portare in Canada interpreti afgani vulnerabili

Tre ex leader di spicco della task force della guerra del Canada in Afghanistan hanno scritto un appello urgente al ministro dell’Immigrazione per riavviare un programma di reinsediamento per interpreti locali che hanno lavorato a fianco di soldati e diplomatici.

I generali in pensione Dennis Thompson, Dean Milner e Dave Fraser hanno scritto una lettera aperta avvertendo ben 115 ex traduttori e le loro famiglie, ancora nel paese devastato dalla guerra, a rischio dopo le significative conquiste dei talebani.

“Se e quando verranno trovati, rischiano di essere imprigionati, o peggio ancora, per il loro servizio a sostegno della nostra missione”, si legge nella lettera, rilasciata giovedì scorso e ottenuta da CBC News.

“Molti veterani canadesi entrano in contatto con gli afgani che hanno prestato servizio al loro fianco e le loro storie sono strazianti. Queste persone sono “compagni d’armi” e la loro situazione colpisce questi veterani, come dovrebbe colpire tutti i canadesi”.

La lettera è stata inviata al ministro dell’Immigrazione Marco Mendicino e arriva pochi giorni dopo che un distretto chiave della provincia afgana di Kandahar, dove i canadesi hanno combattuto la maggior parte della loro battaglia, è caduto nelle mani dei talebani.

I tre generali hanno servito come comandanti della Canadian Land Campaign in vari momenti tra il 2006 e il 2011 – l’anno in cui l’allora governo conservatore ha ritirato le forze di combattimento e ha concentrato gli sforzi militari sull’addestramento delle forze e della polizia afghane.

I generali hanno notato che nell’ambito del precedente programma di reinsediamento che è durato dal 2009 al 2011, 780 interpreti afgani e le loro famiglie sono stati portati in Canada.

Maggiore Generale. Dean Milner, l’ultimo comandante canadese in Afghanistan, posa per una foto a Kabul il 10 marzo 2014. Ora in pensione, dice che il governo afghano sembra incapace di sconfiggere i talebani. (Murray Brewster/The Canadian Press)

standard restrittivi

Tuttavia, questo programma aveva criteri restrittivi, il che significa che i due terzi degli afgani che avevano chiesto asilo erano stati respinti, secondo i dati raccolti da The Canadian Press al momento della chiusura dell’iniziativa.

I candidati sono tenuti a dimostrare di aver affrontato rischi insoliti a causa del loro lavoro con i canadesi. Essere un “turb” locale – come venivano chiamati – era senza dubbio un affare pericoloso. Devono affrontare minacce telefoniche e lettere che si impegnano a visitare le loro famiglie con la morte e la mutilazione. C’erano storie di rapimenti e persino impiccagioni.

Per qualificarsi nell’ambito dei programmi legacy, i consulenti dovevano dimostrare di aver lavorato con le forze armate canadesi, diplomatici o appaltatori per 12 mesi consecutivi tra ottobre 2007 e luglio 2011. Ciò escludeva un ampio gruppo di interpreti. Il Canada ha dispiegato per la prima volta forze speciali in Afghanistan nell’autunno del 2001; Ha seguito con un gruppo di combattimento nel 2002; Poi una missione a Kabul prima di tornare a Kandahar nel 2006.

Guarda | Si profila la fine della missione americana in Afghanistan:

Il presidente Joe Biden ha dichiarato giovedì che la missione militare degli Stati Uniti in Afghanistan terminerà il 31 agosto, affermando che “la velocità è sicurezza” mentre gli Stati Uniti cercano di porre fine alla guerra di quasi 20 anni, in mezzo a una preoccupante recrudescenza dei talebani nel paese. 2:00

I talebani hanno ottenuto guadagni significativi da quando gli Stati Uniti e la NATO hanno ritirato il grosso delle loro forze nell’ultimo mese, compreso lo svuotamento della principale base statunitense a Bagram, fuori Kabul.

In un’intervista con CBC News, Milner ha affermato che la situazione è spaventosa per coloro che hanno prestato servizio con le forze occidentali, incluso il Canada.

“Gli afgani stanno combattendo, ma il governo non sembra avere una risposta per sconfiggere i talebani”, ha detto Milner, che è stato l’ultimo comandante della task force nel 2011 prima di guidare la componente canadese della missione di addestramento militare in Afghanistan. Kabul.

“I talebani hanno soldi. Hanno un fattore paura e stanno persuadendo gli afgani ad unirsi a loro. Ora hanno lo slancio”.

La lettera è stata firmata anche dal maggiore generale in pensione Dennis Thompson, che è stato visto qui a Kandahar nel 2008. (Murray Brewster/The Canadian Press)

Milner si dice convinto che l’esercito afghano sarà in grado di respingere gli insorti in alcune, ma non tutte, aree del Paese, motivo per cui riavviare il programma di reinsediamento dovrebbe diventare una priorità urgente per il governo liberale.

“Tutti gli altri paesi della NATO lo stanno facendo”, ha detto Milner. “Lo stanno facendo gli americani. Lo stanno facendo gli australiani e stanno tirando fuori gli interpreti. Lo so per certo. Penso che il Canada debba farsi avanti e fare lo stesso”.

Ha aggiunto che il governo liberale ha mostrato empatia e la velocità con cui potrebbe muoversi nel reinsediamento dei rifugiati siriani e dei volontari dei Caschi Bianchi in un secondo momento.

“Non credo che possiamo aspettare ancora.” ha detto Milner.

La chiamata degli ex generali segue una chiamata simile dei veterani canadesi che lo scorso fine settimana hanno espresso le loro preoccupazioni.

Il maggiore generale Dave Fraser, ora in pensione, nel 2006, quando era comandante della task force canadese e del comando della NATO nel sud dell’Afghanistan. (Murray Brewster/The Canadian Press)

READ  Domenica la prima casa bianca del presidente degli Stati Uniti Joe Biden

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *