Enzo Maresca: l’allenatore del Leicester City ‘non ha paura’ di un nuovo inizio con i Foxes

Enzo Maresca: l’allenatore del Leicester City ‘non ha paura’ di un nuovo inizio con i Foxes

Enzo Maresca non è una persona che si lascia intimidire facilmente.

Da adolescente, senza comprendere la lingua inglese, scelse di iniziare la sua carriera professionale come giocatore nelle Midlands con il West Bromwich. Si è poi guadagnato un posto nello spogliatoio della Juventus, accanto ai grandi del calcio Zinedine Zidane e Alessandro Del Piero, al suo ritorno in Italia.

Dopo più di due decenni, il 43enne ha scelto di lasciare lo staff tecnico di Pep Guardiola al Manchester City dopo aver vinto il triplete, per assumersi il compito di provare a riportare il Leicester City nella Premier League inglese.

“Non sono nervosa o spaventata di iniziare cose nuove”, ha detto Mariska. BBC East Midlands oggi.

“Quando avevo 18 anni dissi che mi sarei trasferito dall’Italia all’Inghilterra. Era una cosa nuova e non parlavo una parola di inglese. Da lì tornai in Italia con un grande club, il miglior club d’Italia, la Juventus. ” .

Ha aggiunto: “Il Leicester City è un grande club, ed è un club importante.

“So che siamo il Leicester City e tutti parlano della Premier League. So che la mia presenza qui è normale e che l’obiettivo è lì”.

Durante i suoi primi due mesi come allenatore della Fox, Maresca ha vissuto nella base di allenamento del club nel nord del Leicestershire, dove ha “sentito” il lavoro che aveva ereditato.

“Mi piace essere dove sto lavorando per avere un’idea”, ha detto. “Sono molto ambizioso.”

“Leicester è il lavoro perfetto”

Nessun campione della Premier League è passato alla retrocessione in campionato più velocemente dei Foxes.

READ  La Federazione Paralimpica Italiana elegge un nuovo presidente

Sette anni dopo aver vinto il titolo di Premier League e appena due anni dopo aver vinto la FA Cup, il Leicester è tornato in campionato per la prima volta in dieci anni.

La retrocessione è arrivata la scorsa stagione quando ha aiutato Maresca a conquistare la gloria nazionale ed europea al Manchester City, club in cui è tornato solo un anno fa dopo un periodo di 180 giorni in Serie B come allenatore del Parma.

Alla domanda se la decisione di lasciare il City appena sei giorni dopo aver vinto la finale di Champions League contro l’Inter sia stata difficile, Maresca ha risposto: “No, perché la mia idea è sempre stata quella di cominciare da me stesso”.

“Sapevano già che sarei andato via se avessi avuto l’occasione giusta e con il club giusto. Il Leicester City è il club perfetto”.

“Il mio primo obiettivo era entrare in un club che mi permettesse di lavorare nel modo in cui volevo lavorare, e dal primo giorno in cui ho incontrato il club, abbiamo concordato il modo in cui volevano giocare e il modo in cui volevo giocare.”

E così il “Mariska Ball” – caratterizzato da una costruzione paziente, deliberata e basata sul possesso palla – è emerso al King Power Stadium.

Un buon esempio di ciò che voleva dalla sua parte è arrivato da loro Battendo il Southampton 4-1 Con il portiere Mads Hermansen che ha iniziato una mossa di 33 passaggi che si è conclusa con Wilfred Ndidi che ha concluso con calma il terzo gol della serata dei Foxes.

READ  Che fine hanno fatto i nove giocatori rilasciati da Louis van Gaal al Manchester United?
Ndidi (secondo da destra) ha aiutato Leicester a battere il Southampton con un bel finale al termine di una brillante mossa di 33 passaggi.

Questa è stata anche una partita in cui Jamie Vardy ha segnato dopo soli 21 secondi e Stevie Mavididi è corso dal profondo della propria area di rigore per arricciarsi con uno straordinario tiro in solitaria.

Ha dimostrato che il Leicester può farlo velocemente, lentamente e anche in modo spettacolare.

La vittoria sui Saints, retrocessi al Leicester la scorsa stagione, è stata la loro vittoria più completa fino ad oggi, con i Foxes al secondo posto in classifica con sei vittorie su sette.

“In realtà è successo in cinque o sei partite, abbiamo fatto più di 30 passaggi, ma alla fine non abbiamo segnato, quindi la gente non se ne rende conto”, ha detto Maresca. “Quando registri è normale che le persone siano in grado di vedere chiaramente.

“Ero felice quel giorno perché la squadra sta facendo quello che vogliamo e si sta divertendo”.

Un gol così bello, proveniente da una squadra gestita da un uomo che ha lavorato sotto Guardiola, è sufficiente per paragonare l’approccio di Maresca a quello del suo ex allenatore.

L’italiano sorride subito quando parla dell’influenza dello spagnolo su di lui, ma parla nello stesso modo in cui ha giocato con Carlo Ancelotti e Marcello Lippi quando era alla Juventus, ha lavorato con Manuel Pellegrini al West Ham e ha giocato al fianco di Antonio Conte.

“Ho avuto la fortuna di imparare da molti allenatori, come Ancelotti, Lippi, Manuel Pellegrini, quindi puoi prendere le cose ed eventualmente creare le tue idee”, ha detto Maresca.

“Perché ero al City non puoi pensare di provare a imitare Pep. Ogni giorno puoi imparare tanto, tante cose, ma imitarlo è molto difficile perché è bravissimo – il numero uno, un genio – e tu non posso.” Pensa come pensa lui.”

READ  Incontra l'affascinante giornalista sportiva italiana Giusi Meloni, la cui bellezza ha trasformato i tifosi dell'Inter in quelli del Milan

Mariska vuole pazienza

Finora l’approccio di Mariska ha dato risultati e ha fatto volare alto le Volpi.

Sa anche che non tutti i fedeli dei Foxes saranno convinti di ciò che sta cercando di fare – per ora.

Alla domanda se avesse un messaggio per i tifosi del Leicester, Maresca ha detto: “Abbiate pazienza, perché posso capire che a volte preferiscono che le palle siano più dritte, più dirette e lunghe. Ma non è così che vogliamo giocare”.

“A volte, se vediamo che giocando direttamente possiamo creare occasioni ed essere pericolosi, allora sì. Ma questa non è la nostra identità e non è il nostro stile, quindi l’unica cosa che posso dire è fare uno sforzo per capire come vogliamo per giocare e giocare.” Continuate così perché ne abbiamo bisogno.

“Certamente, se avranno pazienza, raggiungeremo il nostro obiettivo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *