Duyi Han crea un rendering di oggetti di design italiano per una galleria virtuale

Artista e designer Doi Han Ha prodotto una serie di spettacoli con oggetti di 41 autentici designer italiani come Ettore Sottsass ed Enzo Mari esposti in ambienti 3D presi in prestito dalla cultura popolare.


Il progetto di Han è per una galleria virtuale a Brooklyn Superhouse Mostra a New York, Called Different Trends: Italian Design 1960-1980.

Inizio pagina: video che combina le percezioni di Han. Sopra: lampade da terra Svincolo 1979 di Ettore Sottsass

La raccolta delle singole performance è raggruppata in un video con effetti e musica per rievocare l’ambientazione degli anni ’60 e ’70.

Sebbene la mostra online sia in gran parte dovuta alla pandemia di coronavirus, i progetti presenti in loro hannoOfferte in vendita come articoli fisici su richiesta.

Il progetto è stato fornito da Duyi Han
Wright Wright, una sedia del 1972 di Nanda Figo su uno sfondo che fa riferimento al film di Stanley Kubrick del 2001: Stanley Kubrick’s 2001: Space Flight

Le performance di Han’s Sweetheart aggiungono versioni virtuali di vari design di Il periodo radicale italiano In scene ispirate a una raccolta di noti riferimenti culturali popolari della stessa epoca come vecchi film e copertine di album.

Il Sanremo Floor Lamp Show del 1968 di Archizoom Associati cavalca una scala gialla, riferendosi alla copertina dell’album Ecstasy del gruppo rock inglese Black Sabbath 10 anni dopo.

Duyi Han ha progettato il progetto per la Superhouse di Brooklyn
Lampada da terra Sanremo di Archizoom Associati 1968

Archizoom Associati era uno studio di design fiorentino che ha svolto un ruolo importante nel periodo radicale italiano, un’epoca che Hahn ha descritto come “cruda, intensa e molto ottimista”.

“Gli spettacoli virtuali sono un buon formato in cui è possibile mettere insieme cose di anni diversi e luoghi diversi”, ha detto Han a Dezeen.

Un cappotto scultoreo del 1972 contro una scena del film Solaris
L’attaccapanni Cactus del 1972 di Guido Drocco e Franco Mello

Mentre alcune scene virtuali di Han contengono riferimenti separati da diversi anni o più, altri display combinano elementi di design con sfondi virtuali dello stesso anno.

Uno spettacolo di Guido Drocco e Franco Melo cactus, un cappotto intagliato del 1972, in una scena che fa riferimento al film di fantascienza del 1972 di Andre Tarkovsky Solaris.

READ  California Integrator crea un abbagliante home theater in stile mediterraneo, alimentato da Dolby Atmos

Quando ha curato le sue scene digitali, Hahn ha affermato che il suo processo di progettazione è stato guidato da come apparivano le cose in relazione ai loro diversi background piuttosto che corrispondere alle date.

“Volevo dimostrare che le diverse opere di diversi artisti e designer appartengono a filoni simili di sviluppo storico, attraverso le discipline e la geografia”, ha detto.

Doi Hahn è un direttore creativo con sede a Brooklyn
Lampada da tavolo Paramount Labo Benazi 1969

Altri spettacoli includono la lampada da tavolo Paramount del designer Labo Benazi del 1969, ambientata su una poesia visiva esplosiva del musicista Stevie Wonder nel 1976. Canzoni in chiave di vita Copertina.

Oltre a film e copertine di album, Hahn ha anche dedicato scene di opere d’arte popolari e gallerie di design del passato nei suoi spettacoli.

Doi Han ha fatto le esibizioni
UP 2 del designer Gaetano Pesce

UP 2 è una poltrona rossa paffuta disegnata da Gaetano Pesce nel 1969. Più copie sono disposte in una composizione simile a quella dell’installazione The Dinner Party del 1979 dell’artista femminista Judy Chicago.

Introdotta nel 1969 da Francesco Buzzi, Cuffia, una lampada da terra, si affaccia sulla piscina che prende spunto dal dipinto di David Hockney: Ritratto di un artista (una benedizione con due personaggi) Dal 1972.

Una lampada da terra di nome Cuffia
La kefiah è presentata in un’ambientazione simile al dipinto di David Hockney del 1972

Blow, una poltrona gonfiabile del 1967 di Paolo Lomazzi, Donato Durbino e Jonathan de Bass, presenta anche un crossover degli stessi designer che allestisce Pneu Tunnel, presentato alla Triennale di Milano del 1968.

Blow è una poltrona gonfiabile introdotta in questa scena da Duyi Han
Blow, una popolare poltrona gonfiabile del 1967

Mentre i display di Han sono attualmente una tradizione giocosa di elementi di design fisico, il designer ha riconosciuto la crescente domanda di creature virtuali.

“Le versioni NFT per le offerte potrebbero essere in arrivo”, ha detto, riferendosi al Certificato di autenticità basato su blockchain che può essere assegnato all’opera d’arte virtuale al momento dell’acquisto.

READ  Sette film italiani da Venezia 2020 proiettati a Seoul
Duyi Han ha progettato le performance per la mostra virtuale
Un set di lampade da terra asteroidi del 1968 di Ettore Sottsass su uno sfondo ispirato alla copertina dell’album House of the Holy dei Led Zepplin del 1973 disegnato da Hipgnosis

Doi Hahn è un designer di Brooklyn. Di recente ha creato una panchina di cemento con Thomas Muska ispirata all’architettura brutalista.

Gli attuali progetti di NFT includono popolari video Instagram di paesaggi da sogno di Alexis Christodoulou e un jpeg di un poster dell’artista americano Beeple che è stato venduto all’asta per oltre 69 milioni di dollari.

Presentazioni e video forniti da Duyi Han.

Direzioni diverse: il design italiano 1960-1980 si svolgerà dal 15 marzo al 1 maggio. Consulta la guida agli eventi di Dezeen per un elenco aggiornato di eventi di architettura e design che si svolgono in tutto il mondo.


Crediti del progetto:

Regia cinematografica e creativa: Doi Han
Assistente di Progetto:
Judy Lang Dong |
Musica: Shadows of the City di Andreas Boldt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *