Dresdner Kristolen metodologia strettamente correlata | Sächsische.de

Signor Bollbecker, di solito la rispetto come sovrano mondiale dei biscotti natalizi a Striezelmarkt, Dresda …

… soprattutto perché la società controllata d. Quendt sarebbe stato lì per la prima volta dopo una lunga lotta quest’anno.

Quali risultati produrrà Family Compass 2020 per le comunità sassoni e la nostra regione? In sächsische.de ottieni tutte le informazioni!

Ora c’è il caos: il mercato è cancellato, come tutti gli altri a livello nazionale.

Mi dispiace tantissimo. Questo mercato, che è stato l’ultimo ad essere cancellato, ha, come Dresda in generale, un fascino molto speciale. Mi piace sempre andarci.

Questo è il lato emotivo. Ma cosa significano economicamente gli annullamenti?

Ovviamente ci mancano queste vendite. Ma siamo contenti che domino, pan di zenzero e stampe natalizie possano ancora essere venduti nei supermercati. Quindi siamo sistematicamente importanti e non possiamo lamentarci. La gastronomia, i viaggi, le fiere e l’industria degli eventi sono molto peggiori.

Cosa fai con tutte le caramelle che non puoi buttare via adesso?

Non ci limitiamo a sederci sulla merce. Stiamo facendo fino al giorno di San Nicola. Già a novembre era chiaro che la chiusura sarebbe stata imminente. Quindi abbiamo prodotto meno, anche se senza interruzioni.

Lamberts uscirà dalla crisi con un occhio nero?

Si. Tuttavia, anche il nostro business internazionale ne risente, perché in Francia, Italia, Spagna e Gran Bretagna, Corona si sta diffondendo più violentemente che in Germania. Poi siamo afflitti da dazi punitivi negli Stati Uniti, che ci danno enormi difetti di costo nel mercato in forte crescita. Ci mancano anche fiere come vetrine e contatti diretti con i rivenditori. Ma tutto sommato, finora abbiamo superato bene la crisi. Non solo con fortuna, ma perché noi del gruppo abbiamo risposto rapidamente e abbiamo lavorato molto duramente.

READ  La Chiesa italiana è tornata in attività, ma non come al solito

Cos’hai fatto?

Abbiamo cambiato il reparto di produzione e igiene. Inoltre, non abbiamo avuto casi di Coronavirus perché abbiamo investito molto in muri di barriera e altre misure protettive.

La metà della forza lavoro di Dresda parla polacco e dà lavoro a circa 20 rifugiati. Una sfida speciale?

Oltre ai dipendenti a tempo indeterminato, abbiamo molti lavoratori stagionali che vengono dall’estero, non solo a Dresda, ma anche a Norimberga e Aquisgrana. Testare questi lavoratori non è stato facile. Abbiamo già potuto fare esperienza lì con i nostri siti di produzione a Katowice e vicino a Cracovia. Poi per un po ‘i confini furono stretti. Ma abbiamo tutta la forza di cui avevamo bisogno per questa stagione. La nostra preoccupazione per il fallimento delle trasformazioni o di intere fabbriche era infondata.

Lambertz ha annunciato un fatturato annuo di 637 milioni di euro. Si chiamano questi numeri a causa della crisi del 2020/21?

No. Stiamo lottando per raggiungere il livello dell’anno precedente entro il 30 giugno, senza un lavoro di breve durata o altri aiuti da parte dello Stato. Ora siamo sulla buona strada, indipendentemente dalle cose che non potranno essere controllate nei prossimi mesi.

Come lo farai?

Se qualcosa viene perso, dobbiamo vincere altrove. Vogliamo crescere in America, ma soprattutto nell’Europa dell’Est, tra le altre cose, per espandere la nostra leadership di mercato nei prodotti da forno biologici in Germania.

Hanno dato a Vladimir Putin un compleanno rubato a Dresda a Sochi nel 2019. Vuoi la produzione sugli scaffali solo in Russia o anche lì?

Primo sugli scaffali. E quando, seguendo l’esempio polacco, abbiamo una base di vendita più ampia entro due o tre anni e siamo rappresentati in tutte le catene di vendita al dettaglio, allora produciamo anche localmente.

READ  Un fuggitivo romano ricercato per 10 anni, ha vissuto una vita lussuosa in Italia

Dolce ricordo del suo tempo a Dresda. Il presidente russo Vladimir Putin festeggerà un compleanno rubato dal proprietario del Dr. Lambertz Hermann Bulbecker (VI) a Sochi nel 2019. Quint. © Lamberts

Ero responsabile del Dr. Quendt a Dresda. Qual è la tua conclusione?

L’ingresso era rischioso a causa della situazione disastrosa dell’azienda in quel momento. Ma ero attratto dalla missione di difendere i beni culturali tedeschi come Dresdner Christstollen e dal mio primo coinvolgimento nella Germania dell’Est. La famiglia Quendt ha promesso che continueremo a usare il nome e non scriveremo Lambertz in lettere maiuscole sulla confezione. La ristrutturazione è costata energia e denaro, ma ne è valsa la pena. Abbiamo gestito Quendt-Stollen sugli scaffali di tutto il paese e siamo diventati leader di mercato con 2,4 milioni di articoli all’anno. L’acquisizione è stata positiva per noi, perché il Dr. Quint e Dresda.

Con che frequenza controlli che tutto sia a posto a Dresda?

Una media di tre volte l’anno, ma non ancora nel 2020. Ma questo parla dell’azienda, che in loco gestisce molto bene. Quindi, a differenza delle altre ragazze, ci ritiriamo con discrezione.

Quanto è importante il Dr. Quendt con ben 26 milioni di euro di fatturato annuo nel gruppo con 25 filiali?

Non contiamo solo milioni. Dresden Stollen è di grande importanza come bene culturale e gode della protezione territoriale di origine dell’UE. Questo è ciò che il Dr. Quendt è molto più di una normale produzione di pasticceria. Dresda chiude il cerchio e considera, insieme ad Aquisgrana e Norimberga, l’indirizzo più importante quando si parla di prodotti tradizionali eccellenti e inconfondibili.

Dove vuoi andare con il sito?

Devi essere realistico, l’aria si fa più rarefatta verso l’alto. Il mercato è limitato, anche nel tempo, e non è possibile una crescita infinita. C’è sicuramente un potenziale di esportazione. Non spingeremo al massimo l’azienda, ma piuttosto cresceremo gradualmente, anche con nuovi prodotti.

Può succedere?

Lo riveleremo alla fine di gennaio, durante l’ISM Confectionery Show cancellato, e lo mostreremo anche in digitale.

L ‘”Impero del Natale” domina l’Est e l’Ovest con Dresdner Stollen e Aachner Brenton e il Sud con il pan di zenzero di Norimberga. Manca solo Marzipan Lubeck …

I tedeschi del nord servono un mercato diverso. Siamo fornai, non così arroganti da doverlo fare e possedere tutto.

E a Dresda: avete visto il panificio di Emile Riemann, numero due lì?

Apprezzo molto questa azienda di famiglia, ma non credo sia in vendita. È anche positivo che ci siano molti concorrenti con un focus diverso nell’area.

Hai lì con oltre 100 fornai rubati. Gli artigiani lamentano che a 6,99 euro al chilo nelle miniere di Aldi e Liddell si stanno penetrando i prezzi.

Fa la differenza se vendi nei negozi di alimentari o nei negozi specializzati. I pasticceri di Dresda ci paragonano a loro stessi e i rivenditori di generi alimentari al dettaglio ci confrontano con altri fornai tedeschi rubati. Indirizzi famosi come Bahlsen o Küchenmeister offrono una buona qualità per soli tre euro al chilo. Siamo un po ‘costosi lì. Anche ad Aquisgrana le stampe dei fornai sono da tre a quattro volte più costose delle nostre.

Quindi non una cattiva coscienza?

Non possiamo avere la coscienza sporca perché altrimenti non potremmo mettere i prodotti nelle catene. Non saremo nemmeno più economici in futuro, ma nemmeno più costosi a causa di Corona. Non offriremmo Dresdner Christstollen come un bene culturale, che necessita anche di un’ampia gamma di vendite e consumatori. Non dovremmo correre questo rischio. Inoltre, la democrazia sopravvive anche grazie a una varietà di offerte, soprattutto nelle alternative di prezzo. Non tutti possono permettersi di rubare 15 euro.

Il dibattito sul sigillo del tunnel è sempre in ebollizione. 11 centesimi per ogni furto sono troppo costosi per te?

In quella che considero una discussione esagerata, ognuno ha le proprie argomentazioni e spero che si possa trovare una soluzione. Siamo e rimarremo fedeli all’associazione del sigillo e della protezione.

Intervistato da Michael Roth.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *