Dopo essere rimasta indietro alle primarie della Carolina del Sud, Nikki Haley ha detto che non si dimetterà

Dopo essere rimasta indietro alle primarie della Carolina del Sud, Nikki Haley ha detto che non si dimetterà
  • Scritto da Holly Honderich
  • a Washington

Spiegazione video,

Guarda: le battute di Halle Alcune persone sono venute al suo discorso per vedere se avrebbe abbandonato

La candidata repubblicana alle presidenziali Nikki Haley ha promesso di rimanere in corsa, indipendentemente dall’esito delle primarie della Carolina del Sud di sabato, dove è nettamente dietro a Donald Trump.

I sondaggi difficili nel suo stato – così come le tre sconfitte consecutive contro Trump – hanno sollevato speculazioni secondo cui la Haley potrebbe presto ritirarsi dalla corsa.

“Non lo sono”, ha detto a Greenville, nella Carolina del Sud. “lontano da esso.”

Si è impegnata a finire almeno le 16 gare del Super Tuesday – 5 marzo.

“Mi rifiuto di dimettermi”, ha detto Haley tra un forte applauso. “La Carolina del Sud voterà sabato. Ma domenica sarò ancora candidato alla presidenza. Non andrò da nessuna parte”.

Trump trascorrerà del tempo nella Carolina del Sud per assicurarsi la vittoria con un ampio margine e per rafforzare la sua posizione di candidato più probabile per il Partito Repubblicano. Si prevede che arriverà a Greenville – la stessa città in cui Haley ha tenuto il suo discorso – per un evento in municipio più tardi martedì.

Lui e Haley sono in lizza per la nomination repubblicana da quando il governatore della Florida Ron DeSantis ha sospeso la sua campagna a gennaio.

Ma la signora Haley, ex governatrice della Carolina del Sud, non è riuscita ad arrestare Trump. Recenti sondaggi nella Carolina del Sud la mostrano staccata di circa 30 punti dall'ex presidente. A livello nazionale questo margine è più ampio.

Tuttavia, la signora Haley ha continuato seriamente la sua campagna, programmando una serie di eventi in tutto il paese. È arrivato al punto di annunciare squadre elettorali in Texas, Georgia, Vermont e California.

L'ex governatore ha abbracciato la sua posizione di perdente durante il suo discorso a Greenville martedì, respingendo le “élite politiche e i leader di partito” che hanno escluso la sua campagna.

Martedì si è presentata nuovamente come un’alternativa più giovane e più stabile sia a Trump che al presidente Joe Biden, definendoli entrambi “vecchi”.

L'ex ambasciatrice delle Nazioni Unite che ha lavorato sotto Trump ha continuato a intensificare le critiche nei confronti del suo ex presidente, definendolo un “disastro” e valutando che fosse “instabile e più turbolento” di quanto lo fosse stato durante il suo primo mandato alla Casa Bianca. una casa.

“È completamente distratto”, ha detto, riferendosi ai suoi numerosi problemi legali. “E tutto di lui.”

L'impegno di vasta portata della signora Haley è stato alimentato da massicce donazioni da parte di ricchi donatori. I funzionari della campagna hanno dichiarato all’inizio di questo mese di aver raccolto 16,5 milioni di dollari (13 milioni di sterline) a gennaio.

“Avremo le risorse per andare lontano”, ha detto ai giornalisti il ​​mese scorso la responsabile della campagna di Haley, Betsy Anke.

Ma il voto di sabato potrebbe essere l’ultima possibilità per Haley di dimostrare ai potenziali elettori che può davvero sfidare Trump, anche se si impegna a vedere i risultati nel Super Tuesday.

Se non riuscirà a raccogliere sostegno nel suo Stato d’origine, il percorso stretto verso la nomina si restringerà ulteriormente.

Ci saranno 16 gare nel Super Tuesday – 5 marzo – in rappresentanza di 874 delegati repubblicani. Ciò rappresenta più di un terzo del totale di 2.429 delegati da assegnare quest'anno.

Un candidato deve vincere la metà di quel totale per diventare il candidato repubblicano. Finora Haley ha vinto 17 delegati.

Nonostante le lunghe difficoltà, Haley è rimasto impegnato nel processo e ha affermato che gli Stati Uniti non avrebbero tenuto “elezioni in stile sovietico in cui c'è un solo candidato e ottiene il 99% dei voti”.

“Non siamo re unti in questo paese”, ha aggiunto. Ha aggiunto: “Abbiamo un’elezione e Donald Trump, tra tutti, dovrebbe sapere che non stiamo manipolando le elezioni.

Maggiori informazioni sulle elezioni americane

READ  Vietnam e Filippine firmano accordi sulla sicurezza nel conteso Mar Cinese Meridionale | Notizie sul Mar Cinese Meridionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *