Dopo aver diagnosticato il cancro al seno in due minuti, i ricercatori dell’Università del Wisconsin vantano una tecnologia più economica e sicura

Dopo aver diagnosticato il cancro al seno in due minuti, i ricercatori dell’Università del Wisconsin vantano una tecnologia più economica e sicura

È il secondo tipo di cancro più comune tra le donne canadesi e un’università locale sta facendo grandi passi avanti per trattarlo il prima possibile.

Un nuovo strumento dei ricercatori dell’Università di Waterloo può determinare se una persona ha un cancro al seno in soli due minuti.

Funziona anche nei tessuti più densi, il che è un problema attuale nella tecnologia odierna.

Il dottor Omar Al Ramahi è il ricercatore capo dietro il nuovo dispositivo che utilizza energia elettromagnetica a bassa frequenza per aiutare a diagnosticare il cancro al seno.

“Siamo molto vicini a fornire un modo per rilevare il cancro al seno in una fase precoce che sia poco costoso e innocuo per le donne”, ha affermato il dottor Al Ramahi, ricercatore principale e professore presso il Dipartimento di ingegneria elettrica e informatica di Waterloo.

I test sugli esseri umani non sono ancora iniziati, poiché il team è in attesa dell’approvazione da parte di Health Canada.

“Stiamo cercando di dare un serio contributo alla salute delle donne e di creare un’alternativa clinicamente e commercialmente valida… e i risultati sono molto incoraggianti.”

Ora come funziona, non è molto diverso dal tuo telefono.

Un segnale viene inviato dall’antenna al seno e le informazioni che ritornano analizzano tutto ciò che gli operatori sanitari devono sapere.

Ciò include se esiste o meno un tumore, dove si trova, quanto è grande e, soprattutto, se è necessario intraprendere un trattamento immediato.

Il dispositivo è più preciso, più economico e più sicuro rispetto ai metodi tradizionali, come i raggi X, gli ultrasuoni e la risonanza magnetica.

E tutto questo viene fatto utilizzando meno energia del tuo telefono.

READ  I dinosauri appena scoperti precedettero i dinosauri - e all'epoca erano i più grandi predatori

Il lavoro è stato pubblicato in un articolo intitolato “Mammografia utilizzando campi elettromagnetici a bassa frequenza con apprendimento profondo”, pubblicato sulla rivista Nature Scientific Report.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *