Dolce Amici porta un sapore italiano nella Norvegia centrale

Di Will Grunwald
Fotografia di Kate Borgolt
Dal nostro numero di aprile 2022

Tra il pranzo e la cena del sabato, Dolce AmiciIn Norvegia, era abbastanza tranquillo. Un gruppo di persone di forse 70 anni si è fermato a prendere un gelato, sdraiato vicino alla vetrina refrigerata, con la neve che gocciolava dalle vetrine. Una donna di mezza età è entrata nel bar per un cocktail e ha chiacchierato con lo staff mentre aspettava il suo ordine da asporto. E noi due, per un pasto fuori orario, occupammo un comodo tavolo nell’angolo posteriore. “Questo era il nostro obiettivo, avere un posto che andasse ovunque”, ha detto Lourdes Rubio, che ha aperto con Liz Coke Dolce Amici nel 2020.

In un pomeriggio feriale i ragazzi del liceo vanno a prendere scoop e caffè. Il brunch domenicale è popolare tra le giovani famiglie. E una volta al mese circa, Rubio e Cook preparano tovaglioli e tovaglie di lino per una cena costante che attira più folla notturna. L’idea di un ristorante polivalente, racconta Rubio, è nata durante un viaggio in Italia, dove lei e Cook adoravano poter trovare liquori e gelati sotto lo stesso tetto. E mentre il loro cibo, dalle polpette ai panini al tiramisù, è prevalentemente italiano, il concetto condivide un po’ di filosofia aziendale con i caffè parigini: le persone guardano sulla Main Street per alcuni minuti sorseggiando un espresso, portando un libro e continuando nel bel mezzo della bere di giorno Mangia un pasto completo o mangia semplicemente il dessert.

Dolce Amici ha acquisito quello che era un negozio di armi. Tra i numerosi miglioramenti, Rubio e Cook hanno installato una cucina e accentuato la loro nuova e ariosa sala da pranzo con divanetti drappeggiati e azzurrati e lampade in vetro soffiato. Sono anche andati a Chicago per l’attrezzatura per il gelato condensato importato dall’Italia, hanno messo insieme una lista di cocktail pesante sui classici (Sazeracs, mules e vibrazioni italiane, Negronis) e hanno assunto lo chef Paul Cassano per gestire la cucina. Il primo piatto che è arrivato sulla nostra tavola è stata la bruschetta cassano, un piatto che in genere non mi piace, perché quanto è diverso un pane ricoperto di pomodoro dall’altro? In questo caso, completamente diverso. Si scopre davvero un’insalata caprese – mozzarella fresca, basilico profumato e pomodori maturi impilati in una ciotola e conditi con balsamico – con crostini sul lato, oltre a una striscia artistica di purea di aglio arrosto. La bruschetta mix-and-match e build-your-own era piena di sapore più di qualsiasi altra bruschetta che ho avuto ed era più piacevole da mangiare.

READ  CMU Insights al Linecheck di Milano, Italia

La Bolognese ha fornito, sui rigatoni, un altro, più sottile esempio di piatto classico sapientemente modificato. Come ogni grande bolognese, questo bolle per gran parte della giornata (e di solito riposa durante la notte). Piccola sfumatura di Cassano sta mescolando la base di sedano, cipolle e carote. Cuoce quelle purè di verdure e alla fine viene quasi saltato con pomodori, manzo e maiale, conferendo tutto il sapore previsto mentre prepara un ragù particolarmente vellutato. La bolognese sarebbe stata il mio boccone da picnic preferito se non fosse stato per qualche sorpresa: gli gnocchi alla Stroganoff, un mix italo-russo. Il cremoso stroganoff, condito con scaglie di funghi e tenere costolette di manzo, è confortante quanto può essere il comfort food, e gli gnocchi di patate fatti a mano di Cassano sono abbastanza forti da risaltare anche in una salsa così decadente.

A proposito di decadenza, in vetrina ci sono 18 gelati e sorbetti tra cui scegliere. Rubio e cottura con crema di Fattoria di collina sorridente, a Westbrook, e producono solo piccoli lotti, meno di un gallone, quindi la freschezza è data per scontata. Il pistacchio ricco e tostato era uno dei preferiti. Così anche lo yogurt e il miele, con i suoi sentori rinfrescanti di yogurt greco, in equilibrio con il miele. L’unica delusione con l’uscita era che eravamo così pieni che non potevamo continuare a mangiare. Ma Dolce Amici fa fast food, quindi abbiamo rifornito un ordine di polenta con verdure miste sul sedile posteriore dell’auto e anche dei cannoli.


Acquista questa versione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.