Debutto accattivante: Nuovo Prosecco DOC Rosé – Economy

Non era l’anno in cui il tappo era stato aperto. “Non c’era motivo di festeggiare nel 2020”, afferma Giancarlo Moretti Poligato, proprietario della più grande azienda vinicola privata della regione del Prosecco. La paura di un’epidemia è un peso per l’umanità, ma non per le sue azioni. Villa Sandy, l’azienda vinicola della famiglia Moretti Polegato, non ha smesso di crescere anche nell’anno Corona. Per Poligato, un desiderio tanto atteso si è avverato nel 2020. A novembre gli spumanti veneti hanno lanciato sul mercato il primo Prosecco Rosé. Il debutto è stato esaltante: in poche settimane sono state vendute 15 milioni di bottiglie nel mondo. Un milione è andato a Villa Sandy.

Con il meraviglioso lancio della rosa frizzante sul mercato, i produttori di Prosecco continuano il loro percorso di successo nel mercato globale. La prima unità è stata esaurita prima del confezionamento. Per il 2021 il consorzio trevigiano prevede che le vendite saliranno a 40 milioni di bottiglie. “Il Prosecco Rosé DOC è la ciliegina sulla torta”, ha detto Luca Giavie, direttore generale del consorzio, nella presentazione di apertura.

I vignaioli saltano dal “Giardino di Venezia” su un treno in movimento. La domanda di rose è aumentata notevolmente in tutto il mondo negli ultimi anni. Fresco, cool, sociale e fotografico: i vini pregiati sono praticamente di moda. All’esterno, i concorrenti offrono champagne o cava in un elegante colore rosa. La denominazione di origine controllata con il sigillo di qualità DOC sul tappo della bottiglia ha impedito ai produttori di Prosecco di ampliare proficuamente la gamma. Ad oggi è stato applicato quanto segue: Il Prosecco può essere ottenuto solo da uve Jalera a bacca bianca. “Eravamo preoccupati di essere esclusi dal mercato”, dice Poligato, uno dei conducenti più entusiasti dell’attacco del Rosario nel nordest dell’Italia. Ci sono voluti due anni alla madre surrogata per rimuovere gli ostacoli burocratici nel Ministero dell’Agricoltura a Roma e nella capitale dell’Unione Europea.

READ  Northern BC Walmart andrà alla cassa in modo assolutamente gratuito per i self-checkout quest'estate

Il vitigno rosso conferisce al Prosecco il vecchio colore, struttura e profumo di fragola e lampone

Il nuovo prodotto offre ai produttori all’ingrosso della pianura veneta l’opportunità di valorizzare i propri spumanti. L’uva bianca Jalera viene miscelata con il 10-15% di Pinot Nero per la rosa. Il vitigno rosso conferisce al Prosecco non solo il colore, ma anche la struttura e l’aroma di fragola e mirtillo. Per la seconda fermentazione secondo il processo Charmat, il vino rimane in autoclave per almeno 60 giorni anziché 30 giorni e riceve crema di vino. Lo sforzo si riflette nel prezzo. È del dieci percento superiore a Prosco White.

In Italia, Rosato è considerato da molti come qualcosa a metà strada tra vino bianco e vino rosso. Di solito viene negata una personalità sorprendente. È considerato un vino semplice, estivo o da aperitivo. In Francia, il più grande produttore di rose al mondo, la vedi sempre diversamente. Allo stesso modo negli Stati Uniti, dove si trova la vera mania delle rose, in Gran Bretagna o in Germania, il terzo acquirente di rose. Da questi paesi, il commercio con le piante di Prosecco si è precipitato per introdurre le bollicine rosa. Il 90 per cento del primo vino rosato è stato esportato. “Questo riempie la tendenza”, afferma Per Soehlke di Smart Wine di Colonia. I vignaioli veneti non vogliono più lasciare ad altri il mercato della schiuma.

“Nessuno immaginava che il nostro futuro sarebbe stato così luminoso.” Stefano Zanit, Presidente Consorzio Prosecco.

(Foto: Consorzio Prosecco DOC / oh)

L’introduzione di una denominazione di origine nel 2010 aveva già stimolato l’emergere di una bevanda mediterranea semplice nella bevanda lifestyle. La produzione è triplicata a 486 milioni di bottiglie. Il 77 per cento va all’estero. “Nessuno immaginava che il nostro futuro sarebbe stato così brillante”, afferma Stefano Zanit, presidente di Prosecco. Anche l’epidemia non ha fermato l’ascesa. Sì, Zanit dice che è un po ‘imbarazzante, potrebbe sussurrarlo, ma il 2020 è cresciuto di più. La produzione è aumentata dell’1,7% nei primi undici mesi. I nobili viticoltori stabiliti in Champagne sono molto diversi. Niente feste, niente ricevimenti, niente glamour: alle cantine francesi di lusso forse resta un terzo della loro produzione annuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.