Conosci il capo dello staff di Novak Djokovic che lo ha aiutato a raggiungere il successo

Conosci il capo dello staff di Novak Djokovic che lo ha aiutato a raggiungere il successo


Eduardo Artaldi potrebbe non essere un nome familiare agli appassionati di tennis di tutto il mondo, ma ha giocato un ruolo chiave nella carriera più trionfante nella storia di questo sport.

La cerchia ristretta di Novak Djokovic è sempre stata piccola e ristretta, con Artaldi una parte essenziale della famiglia che aiuta a costruire una storia di successo che non mostra segni di interruzione.

L’attenzione di Djokovic è sempre stata rivolta al campo e i suoi 24 titoli del Grande Slam confermano che è un giocatore che passerà sicuramente alla storia come il più grande di tutti i tempi.

Novak elogia sempre la sua squadra dopo una grande vittoria, e mentre l’allenatore Goran Ivanisevic e il suo staff medico svolgono un ruolo fondamentale nella sua squadra, Artaldi fa parte di una coppia che ha descritto come “la mia coppia preferita al mondo”.

Il primo membro di questo dream team è sua moglie Jelena e il secondo è il suo fidato amico Eduardo.

Noto nella squadra di Djokovic come Dodi, Artaldi e la sua compagna Elena Capellaro sono i manager italiani di Djokovic che hanno supervisionato la massiccia operazione in corso in tutto il mondo n. 1.

La collaborazione di Djokovic con Artaldi è iniziata quando aveva un solo titolo del Grande Slam con quel titolo dopo aver vinto l’Australian Open nel 2008.

Ha firmato un contratto con il marchio di abbigliamento italiano Sergio Tacchini, dove all’epoca lavorava Artaldi.

Quando Djokovic cambiò il suo marchio di abbigliamento, Artaldi entrò a far parte a tempo pieno della squadra serba e i due furono in perfetta armonia durante la carriera di maggior successo nella storia del tennis maschile.

READ  Notizie e trasferimenti Liverpool - Mohamed Salah firma Gary Neville

Artaldi ha dichiarato in un’intervista al canale italiano SBS: “Cerchiamo di essere il più professionali possibile, ma il nostro rapporto ora è diventato in qualche modo personale”.

“Viviamo insieme 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e questi nove anni insieme sono stati davvero intensi. A volte ci prendiamo in giro a vicenda.

“Praticamente viviamo insieme, io ed Elena cerchiamo di creare l’atmosfera di cui lui ha bisogno, visto il tempo che trascorre in giro per il mondo e lontano dalla famiglia.

Il manager d’azienda è una figura molto importante nella vita di un tennista.

Molti hanno suggerito che, dopo la vittoria agli US Open nel 2021, il management di Emma Raducano dovrebbe concentrarsi sulle attività commerciali invece di permetterle di concentrarsi sulla sua carriera tennistica.

Di conseguenza, la percezione pubblica era che la giovane britannica fosse distratta da lucrosi accordi di sponsorizzazione e lontana da ciò che doveva fare sul campo da tennis.

Tale accusa non potrebbe mai essere rivolta a Djokovic, che è considerato un professionista di prim’ordine dentro e fuori dal campo, con un’intensa attenzione alla vittoria dei titoli del Grande Slam.

Il suo team dirigenziale ha stipulato accordi di sponsorizzazione con ASICS, Lacoste, HEAD e una recente partnership con Waterdrop, ma il tennis è sempre al centro della storia di Djokovic e quella narrazione non cambierà.

Artaldi è stato presente attraverso i suoi alti e bassi, ed è facile identificare i suoi momenti più belli.

Ha aggiunto: “Ciò che è indimenticabile è l’accoglienza che abbiamo ricevuto quando siamo tornati in Serbia dopo aver vinto il campionato di Wimbledon nel 2011 e aver raggiunto il primo posto”.

READ  Konwright riceve la borsa di studio per conducenti diversificati IMSA

“Se potessi sceglierne uno dalla sua carriera tennistica e uno dalla sua vita privata, direi che la sua determinazione da un lato e la sua generosità dall’altro sono la sua migliore qualità”.

Il rapporto di Artaldi con Djokovic ha avuto i suoi momenti difficili, quando ha stranamente urlato al suo manager e fratello Marco per aver lasciato il suo box durante la finale dell’Adelaide Open all’inizio del 2023.

Tuttavia, quando si fa parte di una famiglia da molto tempo, anche un piccolo disaccordo pubblico non distruggerà l’amicizia.

Artaldi ne ha passate tante insieme nel corso del loro fantastico viaggio nel tennis ed entrambi sperano che ci sia molto altro in arrivo.

Per saperne di più: Chi sono gli sponsor di Novak Djokovic?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *