Code davanti agli ospedali in attesa di un posto. Tratta le persone in macchina

In ginocchio nella primavera di un’epidemia, l’Italia è di nuovo sull’orlo del baratro. Scene scioccanti sono state girate in un ospedale di Napoli. Un uomo in attesa di un test COVID è stato trovato per finire sul pavimento del bagno. Durante questo periodo, il corridoio del pronto soccorso dell’ospedale era pieno di persone in barella e quasi tutte svenivano. Ti avvertiamo di non seguire foto di forte impatto emotivo.

“All’epoca lo sapevamo semplicemente. Questo è l’ospedale Cardarelli. Siamo al pronto soccorso. Questa donna è sola. Non so se sia viva o morta. Non sappiamo niente della signora lì”, ha detto la persona che ha filmato la scena.

Coda davanti all’Ospedale Cotugno di Napoli Foto: Profimedia

Decine di auto in coda davanti all’ospedale

Sfortunatamente, questa non è l’unica scena che mostra che la penisola si sta nuovamente avvicinando a un punto critico. Dozzine di auto che trasportavano pazienti in fila davanti agli ospedali pieni. Poiché alcuni passeggeri riescono a malapena a respirare, i medici portano bombolette di ossigeno per liberare un luogo dove possono essere ricevuti.

“Riceviamo pazienti che vengono da casa con i propri mezzi, forniamo loro cure mediche di base e facciamo uno screening preliminare. Misuriamo i loro parametri vitali e forniamo ai pazienti una bassa saturazione di ossigeno nel sangue e il primo soccorso per evitare che le loro condizioni peggiorino”, spiega Giovanni Prosecreto, infermiere di Ospedale Cotugno di Napoli.

“Quanto tempo sei stato qui?”

– 24 ore. Ho dormito in macchina.

“Hai dormito in macchina qui in ospedale la scorsa notte?”

– Sì, in macchina. Sei in fila da 24 ore. L’assistente presidente dice che dobbiamo aspettare qui, perché hanno molte icone rosse. Ho ricevuto aiuto. Esco ogni ora con l’attrezzatura, misurano la nostra saturazione sanguigna e misurano la nostra temperatura, spiega una donna.

READ  Il villaggio ideale in Italia che paga generosamente alle persone che vi si stabiliscono. Tuttavia, c'è un requisito
I passeggeri trattati con l'ossigeno nell'auto
Napoli. L’ossigeno viene messo nelle loro auto, perché non c’è più un posto in ospedale. Foto: Profimedia

Abbiamo chiamato il medico di famiglia e ci ha chiesto di portarlo in ospedale. Abbiamo chiamato il pronto soccorso, ma è stato impossibile inviare un’ambulanza. Abbiamo dovuto prendere un’ambulanza privata. Ho pagato 600 euro per il trasferimento poi ogni ora Racconta la storia di un paziente.

Forniamo assistenza a tutti i pazienti, senza lasciare indietro nessuno. Cerchiamo di fare tutto il possibile. Vedete, valutiamo costantemente le loro condizioni, dice l’infermiere Giovanni Prosecreto.

Ci sono persone che dicono di aver dormito qui, che aspettano qui 24 ore …

“In realtà, si prevede che ci vorrà molto tempo, ma stiamo cercando di fare tutto il possibile”, dice l’infermiera.

Gli ospedali in Italia sono ancora una volta sovraffollati a seguito dello scoppio del nuovo contagio da Coronavirus. È interessante notare che la penisola ha superato il milione di casi dall’inizio dell’epidemia, mentre il numero di decessi dovuti al Covid-19 ha raggiunto quasi i 44.000 casi. Le autorità sono state costrette a imporre una quarantena parziale per limitare la diffusione del nuovo Corona virus. Gli esperti avvertono che se il tasso di infezione continua a questo ritmo, non ci saranno abbastanza medici disponibili.

Editore: Luana Buffaluca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *