Che effetto hanno avuto le dimissioni di Benny Gantz sul governo israeliano? | Notizie di politica

Che effetto hanno avuto le dimissioni di Benny Gantz sul governo israeliano?  |  Notizie di politica

Benny Gantz, il principale rivale del primo ministro israeliano, si è dimesso dal governo. E adesso?

Non tanto quanto potresti pensare.

L'ex generale e leader del Partito di Unità Nazionale israeliano Benny Gantz si è dimesso dal gabinetto di guerra, citando il fallimento del governo nel trovare un accordo su un piano per Gaza dopo l'attuale guerra.

A metà maggio Gantz ha presentato un piano in sei punti per la gestione di Gaza dopo i combattimenti. All'epoca disse che se questo non fosse stato concordato, si sarebbe dimesso dal governo.

Gantz è considerato un relativo centrista e il principale rivale del primo ministro Benjamin Netanyahu. Ecco i dettagli di ciò che è accaduto e cosa potrebbe significare per Israele e Palestina:

Qual è il piano di Gantz?

Gantz ha affermato che la sua proposta di piano in sei punti includerebbe la creazione di un sistema provvisorio di amministrazione civile americano-europeo-arabo-palestinese per la Striscia, con Israele che manterrebbe il controllo generale sulla sicurezza.

Propone inoltre di distribuire l'onere del servizio nazionale tra gli israeliani includendo gli ebrei ultra-ortodossi, la cui esenzione dalla coscrizione è protetta da due partiti della coalizione di governo di Netanyahu.

Gantz si rivolge alla stampa a Kiryat Shmona il 14 novembre 2023 [Evelyn Hockstein/Reuters]

Perché a Netanyahu il piano di Gantz non è piaciuto?

Vi è un crescente consenso in Israele e all’estero sul fatto che Netanyahu l’abbia rifiutato per tornaconto personale.

Gantz ha dichiarato nelle sue dimissioni: “Netanyahu ci sta impedendo di procedere verso la vera vittoria”.

Il principale alleato di Israele, il presidente americano Joe Biden, ha dichiarato martedì alla rivista TIME che “ci sono tutte le ragioni perché la gente” creda che Netanyahu stia prolungando la guerra a Gaza per il bene della sua sopravvivenza politica.

READ  Petroliera russa colpita dalle sanzioni statunitensi diretta in Malesia

Questa potrebbe essere la convinzione che la guerra proteggerà Netanyahu dalle conseguenze legali delle accuse di corruzione, frode e abuso di fiducia che lo hanno circondato da quando è stato incriminato nel 2019.

Potrebbe anche essere possibile che qualsiasi piano futuro per Gaza possa dividere il suo governo di coalizione: alcuni vorrebbero costruire insediamenti illegali lì e altri, come Gantz, vorrebbero che fossero gestiti da una task force internazionale.

Netanyahu – che ha condotto la campagna come “Mr. Sicurezza” – potrebbe cercare di evitare di affrontare i fallimenti del 7 ottobre, quando il movimento palestinese Hamas guidò un attacco contro Israele che uccise 1.139 persone e ne catturò dozzine.

In che modo questo avvantaggia l’estrema destra?

Dà loro più spazio per crescere.

La partenza di Gantz dal gabinetto di guerra, che comprendeva lui, Netanyahu e il ministro della Difesa Yoav Galant, lascia il campo aperto a uno dei politici di estrema destra su cui Netanyahu fa affidamento per mantenere il suo governo.

Il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir ha già espresso a Gantz il suo interesse per il posto nel gabinetto di guerra.

La partnership di estrema destra tra Ben Gvir e il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich è forte.

Sono entrambi membri della coalizione di governo di Netanyahu, e i loro seggi combinati in Parlamento superano il blocco di centro a cui appartiene Gantz.

Sebbene Gantz sia stato un contrappeso politico inefficace, la sua partenza dal governo eliminerà una forte voce critica dell’estrema destra dalla politica israeliana.

Cosa significa questo per Gaza?

Un po' di questo fa bene.

Ben Gvir e Smotrich spiegano che il loro piano per Gaza include la “migrazione volontaria dei suoi residenti” e l’insediamento di israeliani lì.

READ  Kinzinger afferma che "molti" repubblicani hanno espresso in privato sostegno alla sua posizione il 6 gennaio

Netanyahu potrebbe opporsi a ciò, ma deve ancora confrontarsi con l’estrema destra su qualcosa di significativo da quando ha lanciato la guerra a Gaza in ottobre.

Questo cambierà il modo in cui si sentono gli israeliani?

E sembra che gli israeliani lo facciano ancora supporta Sebbene la guerra sia nettamente divisa lungo linee politiche, poche persone credono che Netanyahu riuscirà a raggiungere i suoi obiettivi di “distruggere Hamas” e liberare i prigionieri con mezzi militari.

Ogni settimana, decine di migliaia di persone si riuniscono nella cosiddetta Piazza della Democrazia a Tel Aviv e in altri luoghi in tutto il Paese per chiedere un accordo sullo scambio di prigionieri e la destituzione del Primo Ministro Netanyahu.

I sondaggi mostrano che Gantz è costantemente davanti a Netanyahu nei sondaggi d’opinione, con Netanyahu in testa solo quando Gantz ha minacciato di ritirarsi dal governo, ritenuto antipatriottico.

Ma le elezioni potrebbero essere ancora lontane, secondo Eyal Lori Pardes del Middle East Institute.

Ritiene che se Netanyahu riuscirà a tenere unita la sua coalizione fino alla pausa estiva, le leggi elettorali significheranno che le elezioni non potranno aver luogo prima di marzo.

Ciò cambierà i sentimenti degli alleati di Israele?

Non vi è alcuna indicazione che le dimissioni di Gantz, nonostante sia l’interlocutore preferito degli Stati Uniti, cambieranno qualcosa.

Gli Stati Uniti e i paesi occidentali hanno continuato a fornire a Israele armi e sostegno diplomatico da quando ha iniziato a bombardare Gaza in ottobre, ignorando le accuse internazionali di “genocidio” e le richieste di mandati di arresto internazionali per Netanyahu e Gallant.

Anche il netto rifiuto del piano di cessate il fuoco di Biden ha fatto ben poco per minare il sostegno di cui Israele gode da parte degli Stati Uniti.

READ  L'ultima apparizione di Putin suscita battute sul fatto che abbia usato una controfigura dopo un momento bizzarro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *