Calvin Phillips è rimasto sbalordito da un messaggio di Andrea Pirlo prima della finale di Euro 2020

Alla vigilia della finale di Euro 2020, con Calvin Phillips sul punto di disputare la partita più importante della sua carriera, sul suo telefono circolavano una marea di messaggi fortunati.

Tuttavia, è apparso un messaggio video. Il centrocampista dell’Italia, Andrea Pirlo, è stato l’avversario dell’Inghilterra nel 2012 e i tifosi del Leeds hanno soprannominato Phillips, Yorkshire Pirlo.

Per un uomo che non aveva giocato a nessun livello per l’Inghilterra prima di settembre 2020, i successivi 10 mesi sono stati comunque un notevole aumento.

I fan hanno soprannominato Phillips The Yorkshire Pirlo dopo il regista italiano

Calvin Phillips (a sinistra) ha ricevuto un messaggio dall’italiano Andrea Pirlo (a destra) prima della finale degli Europei

Avere il giocatore che aspiravi a mandarti un messaggio, augurarti ogni bene, è stato un po’ sbalorditivo, anche perché l’avversario il giorno dopo era l’Italia.

“Ho appena ricevuto il video la sera prima della finale, ed ero tipo, ‘Oh mio Dio!'”, ha detto Phillips. ”

“[Leeds team-mate] Mi ha mandato Jack Harrison, che suonava con lui a New York. Era un video di me che dicevo buona fortuna in finale e mi augurava tutto il meglio. È stata una sensazione molto bella.

Ovviamente pensavo che avrebbe detto qualcosa sull’Italia, invece no. Augurami buona fortuna. Pieno rispetto per questo.

Nonostante abbia perso la finale ai rigori, Phillips ha fatto un grande viaggio con l'Inghilterra

Nonostante abbia perso la finale ai rigori, Phillips ha fatto un grande viaggio con l’Inghilterra

Non l’ho mai incontrato e mi piacerebbe incontrarlo ad essere sincero. Ho visto che è un bravo ragazzo, ma ho sentito dire che è anche un bravo ragazzo. Avere un giocatore dall’altra parte, dall’altra squadra, ti auguro buona fortuna, soprattutto un giocatore così, è sempre una bella sensazione.

Phillips si è adattato in modo così naturale alle condizioni difficili dello scorso anno, facendo ogni passo della sua strada che devi ricordare a te stesso che la scorsa stagione è stata la sua prima in Premier League, culminata con la perdita della finale di Euro.

La sua spinta istintiva è stata evidente nell’essere il primo a consolare Bukayo Saka dopo un rigore sbagliato in finale, mentre correva dopo lo sprint e celebrava gli italiani per assicurarsi di non essere solo nella mischia.

Eppure mantiene un’aria di innocenza anche nei suoi confronti. Voleva la maglia di Marco Verratti dopo la finale.

Sapevo che sarebbe stato difficile togliere la maglietta a qualcuno. Hai chiesto di Verratti. L’ho sempre amato e penso che sia un giocatore eccezionale.

Ovviamente, probabilmente voleva tenerlo anche come souvenir per se stesso. Non ci sono rancore in esso.

Quando lo guardo, il modo in cui controlla il gioco e se ha bisogno di affrontarlo, può osare.

‘È molto fisico. Non è alto ma è molto fisico e si mette in gioco molto velocemente e rimane bloccato, cosa che adoro.

Allo stesso modo, anche in caso di sconfitta c’era il riconoscimento di ciò che era stato realizzato. Alcuni hanno criticato i giocatori inglesi per aver rimosso le medaglie del secondo posto – la medaglia dei perdenti per alcuni – nel punto in cui sono state assegnate in finale.

Phillips, deluso come tutti gli altri, lo baciò, anche se subito dopo lo tolse e ora lo mostra nel suo armadietto dei premi.

Ha detto: l’ho tolto, ma l’ho baciato. Quando l’ho tolto, non ho mai voluto mancare di rispetto a quello che abbiamo fatto.

Il nazionale inglese ha chiesto all'italiano Marco Verratti (a sinistra) la sua maglia dopo la partita

Il nazionale inglese ha chiesto all’italiano Marco Verratti (a sinistra) la sua maglia dopo la partita

Era solo frustrazione per aver perso e il fatto che gli avessi dato un bacio ha mostrato quanto mi ha colpito. Sapevo che la mia famiglia era lì e anche loro erano ovviamente delusi.

Ma quello che è successo è stata una cosa importante. È stata la cosa migliore che sia successa nella mia carriera, quindi arrivare alla finale del torneo e ottenere almeno una medaglia è una cosa molto speciale per me.

È nella mia cucina, sulla mensola del fornello. Ho un tale armadietto dei premi lì. È qui che trascorro la maggior parte del tempo. Ogni volta che entro, voglio vederla.

E Phillips non se ne andò una volta terminate le presentazioni. Siamo stati a guardare l’Italia festeggiare. Ad essere sincero, penso di essere uscito un po’.

C’eravamo io, Ben White e alcuni altri ragazzi. Volevo solo vedere com’era vincere un grande titolo. Volevo vedere le loro reazioni quando hanno vinto il titolo e anche le reazioni dei fan.

READ  Allarme in Italia a causa del virus Corona. Sono state rinviate 88 partite, compresa quella della squadra di Vasiliy Mojo

“Penso – senza mancare di rispetto all’Italia o cose del genere – ma se l’Inghilterra l’avesse vinta, i festeggiamenti sarebbero stati molto meglio dei loro!”

Phillips è rimasto a guardare le celebrazioni dell'Italia, ma ha affermato che le celebrazioni dell'Inghilterra erano migliori

Phillips è rimasto a guardare le celebrazioni dell’Italia, ma ha affermato che le celebrazioni dell’Inghilterra erano migliori

Era anche un ricordo del suo utilizzo l’anno successivo in Qatar, che si aggiungeva a questo intenso senso di lavoro incompiuto.

‘Si certo. La squadra negli ultimi due o tre anni ha svolto un lavoro eccezionale per arrivare dove siamo, le semifinali del Mondiale e la finale del prossimo torneo.

Abbiamo fame di più. Vogliamo avere la sensazione di vincere, vincere il titolo e vincere una grande coppa in quel momento.

“Abbiamo un talento straordinario nella squadra e siamo tutti affamati di fare del nostro meglio e stiamo tutti combattendo per la stessa cosa. Stiamo combattendo insieme e speriamo di rendere orgoglioso il nostro Paese.

La sensazione insensibile di ciò che era difficile sfuggire.

Ci penso ancora adesso, pensando a come sarebbe stato se avessimo vinto. Ricordo una certa opportunità nel gioco quando ho avuto una palla al limite dell’area di rigore ed è ovviamente roba di fantasia, ma pensa, immagina se fosse successo?

‘Cose così. Ma non lo era, è in parte l’apprendimento, in parte la partecipazione a questi grandi tornei e vogliamo fare meglio la prossima volta.

Il 25enne gioca venerdì durante la partita di qualificazione ai Mondiali dell'Inghilterra contro l'Albania

Il 25enne gioca venerdì durante la partita di qualificazione ai Mondiali dell’Inghilterra contro l’Albania

Tuttavia, Phillips può riposarsi un po’ durante il volo. In Qatar sarà la chiave del progresso dell’Inghilterra.

Tre anni fa, quando raggiunsero le semifinali in Russia, era un giocatore al centro della classifica del torneo e la sua famosa statura era interamente confinata nel West Yorkshire.

“[In 2018] Avevo una casa a Leeds e avevo tutti i miei amici a guardare i quarti, le semifinali.

Ricordo che un calcio di punizione di Kieran Trippier è andato a segno e penso che abbia rovinato il mio soggiorno. E poi, dopo aver preso il comando della classifica, ero deluso di aver perso.

È giusto dire che Phillips non avrebbe giocato a questo livello senza l’educazione dell’allenatore Marcelo Bielsa al Leeds.

Phillips è rimasto così colpito dalla presentazione da parte del suo manager di una delle precedenti magliette del Newell’s Old Boys, che era stata regalata a Phillips al suo debutto in Inghilterra, che ha restituito il favore, regalando a Bielsa la sua prima maglia dell’Inghilterra.

La severità e la stranezza di Bielsa non sono ancora confuse. Quando gli è stato chiesto della sua migliore storia di Bielsa, Phillips ha camminato con cautela.

Per essere onesti, ce ne sono pochi. Non voglio buttarlo sotto l’autobus. Era solito andare al campo di allenamento dalla sua vecchia casa a Wetherby. Forse mezz’ora a piedi lungo una grande e lunga strada di campagna.

Ha un amico dal Cile, Cacho. Gli piace sapere fino a che punto può camminare. e lui [Bielsa] Non uno per la tecnologia.

Quindi si fece seguire da Cacho, con una di quelle cose che scattavano ogni volta che si percorreva un metro, contando quanti metri mancavano da casa sua all’allenamento. Questa è una delle cose più folli.

Più appropriatamente, Phillips insiste sul fatto che le convinzioni di Bielsa riporteranno il Leeds alla forza che era la scorsa stagione, con la squadra attualmente 15a e terza con tre punti.

Bielsa ha portato il Leeds alla promozione nel 2020 e Phillips crede che il presidente radunerà la squadra in questa stagione

Bielsa ha portato il Leeds alla promozione nel 2020 e Phillips crede che il presidente radunerà la squadra in questa stagione

Penso che ormai tutti conoscano Marcelo. È molto testardo riguardo alle sue idee e testardo sul modo in cui vuole giocare ed è per questo che abbiamo fatto così bene negli ultimi tre anni.

Quindi per noi girarci e dire che forse dovremmo provare qualcos’altro che è quasi come insultarlo in qualche modo.

“Non lo faremo mai e sappiamo se lo facciamo bene… Penso che negli ultimi due spettacoli, contro il Norwich e soprattutto contro il Leicester, mi sentivo come se gli spettacoli fossero tornati lì.

“E una volta che inizieremo a vincere e ad ottenere qualche punto sul tabellone, sarà molto più facile per noi”.

Prima Leeds, poi l’Inghilterra, poi forse il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *