Ascolta la musica: Impromptu Doobie Brothers ambientato nel 1980 e parte della tradizione di Halifax

Ascolta la musica: Impromptu Doobie Brothers ambientato nel 1980 e parte della tradizione di Halifax

Steve McLeod era a letto a leggere nel suo appartamento di Halifax nelle prime ore di un lunedì di agosto 1980 quando ricevette una telefonata.

Stava per addormentarsi dopo aver lavorato un turno al Chronicle Herald, dove lavorava nel dipartimento sportivo.

Dall’altro capo del telefono c’era un amico di lavoro, che gli diceva che doveva andare al The Misty Moon, un bar nella zona nord di Halifax, perché le rock star The Doobie Brothers stavano per salire sul palco.

Mentre McLeod inizialmente dubitava di ciò che il suo amico gli stava dicendo, la promessa del suo collega di svolgere alcuni incarichi di lavoro spaventosi se avesse mentito fu sufficiente per convincere McLeod a fare un viaggio dall’altra parte della città.

“Sono saltato giù dal letto, mi sono vestito, sono saltato in macchina e ho corso per le strade per lo più vuote di Halifax all’una di lunedì mattina”, ha detto McLeod.

Patrick Simmons, a sinistra, e Michael McDonald, al centro, vengono mostrati mentre giocano al Misty Moon. (Inserito da Pam Marsh)

Quando si fermò davanti a Misty Moon, che si trovava all’angolo tra Gottingen e Cunard Street, McLeod poté sentire Treno lungo in corsa Giocare dall’esterno dell’edificio.

Entrò nell’edificio, salì velocemente una lunga rampa di scale e pagò un coperto di pochi dollari.

“Ero entusiasta di essere lì e di assistere a qualcosa del genere”, ha detto McLeod. “Voglio dire, band del genere non venivano ad Halifax molto spesso… era il più grande che si potesse trovare, a parte forse i Rolling Stones, nel 1980.”

La notte in cui i Doobies suonarono sulla Luna è diventata una parte leggendaria della storia della cultura pop di Halifax. Mentre le persone che erano lì non sono d’accordo su alcuni dettagli, come quante persone c’erano – le stime vanno da poche dozzine a poche centinaia – The Doobie Brothers un atto Gioca a Misty Moon.

I Doobies tornano ad Halifax

Tra pochi giorni la band tornerà anche in città. I membri della Rock & Roll Hall of Fame si esibiranno allo Scotiabank Center venerdì 13 ottobre. Questa sarà la seconda volta che suoneranno in questo locale.

Nel 1980, la band era in città per le prove per il prossimo tour, che iniziò con uno spettacolo il 20 agosto all’Halifax Metro Centre. Il tour doveva supportare il loro album, Un passola cui uscita era prevista per il mese successivo.

READ  Re Carlo esortato a 'rallentare' dalla regina Camilla - Entertainment News

Ma cosa li ha portati sulla Luna?

Viene mostrata una foto in bianco e nero senza data di una band del 1980 circa.
RAM n’ Sam è mostrato in una foto non datata. Da sinistra, i membri della band sono Pat Riley, Don Chapman, Terry Hattie, Sam Moon e George Antoniak. I Doobie Brothers hanno usato la loro attrezzatura per suonare al The Misty Moon. (Inserito da Pat Riley)

Il musicista locale Pat Riley era un membro della band che suonava al The Misty Moon quando i Doobie Brothers si esibirono in un set improvvisato. La persona che ha doppiato la sua band, i RAM, stava anche facendo lavori vocali al Metro Center, ha detto Riley. Questa persona, George Barry Stevenson, era conosciuto come Scrapper, ha detto Riley.

“Ha detto: ‘Ehi, c’è una band davvero buona che suona al Misty Moon. È l’ultima sera, perché voi ragazzi non venite fuori a festeggiare?'” Ha detto Riley.

La sera di domenica 17 agosto 1980 fu l’ultima notte della Luna nel suo sito in Göttingen Street, prima di trasferirsi in un sito più grande in Kempt Road.

Sam Moon cantava con i RAM quella sera, pubblicizzato come RAM n’ Sam. Moon ricorda di essere stato sul palco e di aver visto un gruppo di 8-10 uomini che camminavano insieme. Incontra uno di loro: Michael McDonald, il cantante pieno di sentimento dei Doobie Brothers. Il gruppo si sedette a un tavolo vicino al palco.

“Abbiamo continuato a fare il set e non ero completamente intimidito”, ha detto Moon. “Probabilmente avrei dovuto, ma ho fatto la mia parte e la band ha suonato.”

I Doobie Brothers suonano sul palco in un concerto del 2001.
Da sinistra: Michael McDonald, Patrick Simmons, Tom Johnston e John McVie dei Doobie Brothers si esibiscono a Burbank, California, il 1 ottobre 2021. (Fraser Harrison/Getty Images per iHeartMedia)

Quando il gruppo finì, Moon volle dire qualcosa al gruppo, quindi si avvicinò al tavolo. Ma non era sicuro di cosa dire.

“Mi sono semplicemente detto: ‘Ehi ragazzi. Hai voglia di disturbare stasera?” “È stato un po’ scortese con me,” disse Moon.

I Dobie dissero di sì, ma c’era un problema. Non c’era nessuna tastiera sul palco per far suonare MacDonald.

Due chitarristi dei Doobie Brothers appaiono sul palco di un concerto del 2021 a Nashville.
I chitarristi Patrick Simmons, a sinistra, e Tom Johnston dei Doobie Brothers si esibiscono alla Bridgestone Arena il 25 ottobre 2021 a Nashville. Simons ricorda con affetto il periodo trascorso ad Halifax e ha sempre desiderato tornare a trovarlo come turista. (Jason Kempin/Getty Images)

La cantante locale Pam Marsh aveva la soluzione.

“Ho alzato la mano e ho detto: ‘Sai, ne ho un paio. Ho un Rhodes e un Wurlitzer. Voglio dire, puoi fare la tua scelta’”, ha detto Marsh.

Marsh, McDonald e una terza persona affiliata ai Doobies – Marsh disse che era il batterista Keith Knudsen, altri dicono che era un roadie – si diressero al suo appartamento in Green Street, all’estremità sud della città. Marsh ha detto di non aver mai avuto la patente, quindi non è chiaro chi possedesse l’auto o chi la guidasse.

Nel suo appartamento, ha chiesto a MacDonald di mostrarle la presentazione Minuto per minutoE lo ha fatto. I tre tornarono poi sulla luna, dove i due uomini trascinarono la tastiera su per la lunga rampa di scale.

READ  Leave the World Behind è destinato a raggiungere il numero uno su Netflix, ma gli spettatori si lamentano sui social media

A questo punto, Sam Moon e RAM erano tornati sul palco per un altro set. MacDonald è salito sul palco e stava sistemando la tastiera ed è stato contattato da Road. MacDonald ha scoperto i cambi di accordo nella melodia di Moon, Non lasciarmi fuori al freddoE vi si è unito senza problemi.

Quando la canzone finì, Moon ringraziò MacDonald per essersi unito a loro.

“Michael, è stato carino, ma non credo di poterti permettere,” Reilly ricorda che Moon gli aveva detto.

“Volevamo giocare con loro”

Riley ha detto che la sua band ha poi deciso di consegnare i propri strumenti.

“Il resto dei ragazzi sono lì”, ha detto. “È stato scortese non lasciarli alzare, anche se tutti volevamo giocare con loro, ma loro volevano giocare.”

I Doobies hanno suonato circa sei canzoni sul palco. Ciò comprende Treno lungo in corsa, Ascoltare la musicain cui Marsh ha cantato come corista, e una cover della canzone blues intitolata A piedi nudi.

“Era divertente perché Michael McDonald la cantava a piedi nudi, sai, non a piedi”, ha detto Reilly.

‘Dannazione! “Questo sta già accadendo.”

Per McLeod, ciò che stava accadendo davanti ai suoi occhi sembrava qualcosa di cui aveva letto su Rolling Stone.

“Quando sono arrivato e ho sentito quella canzone, ha colpito il marchio Doobies, [Long Train Runnin’]”Era tipo, ‘Porca miseria!’ “Questo sta già accadendo”, ha detto.

Non era la prima volta che i Doobie Brothers facevano qualcosa del genere. Nella biografia ufficiale del gruppo, Correre su un lungo treno: la nostra storia dei Doobie Brothersil gruppo parla di aver suonato con band locali, riferendosi a un periodo nel luglio 1974 quando lo fecero ad Amsterdam.

Cosa pensa Doobie

Patrick Simons, uno dei membri fondatori dei Doobie Brothers, ha detto che di solito finiscono nei bar dopo aver ricevuto raccomandazioni.

“Qualcuno dice: ‘Ehi, devi scendere o colpire qualcuno o rimanere bloccato'”, ha detto Simmons in una chiamata lungo la strada da Osage Beach, Missouri, in agosto.

Si ricorda di Night at the Moon e di aver interpretato McDonald A piedi nudiMa ammette che i suoi ricordi sono “un po’ confusi”.

READ  Il Calgary Comic Show registra un'affluenza record

Sedersi è qualcosa che la band ha sempre amato, ha detto Simmons.

“Hai la possibilità di divertirti un po’, lo sai”, ha detto. “Questo è tutto ciò che conta per me. La musica è tanto un hobby quanto una professione.”

Simmons ha detto che non vede l’ora di tornare ad Halifax. Durante la sua prima visita gli è piaciuto molto il cibo, soprattutto il pesce. Ha detto che ha sempre desiderato tornarci come turista e lo ha descritto come un “luogo magico”.

Dopo lo spettacolo improvvisato di Misty Moon, la band è diventata un frequentatore abituale della nuova location di Moon prima del concerto al MetroCenter, ha detto Ron Boone, che ha lavorato in vari ruoli al bar, tra cui barista e barista. Ha detto che hanno dato alla band un “ampio spazio” che secondo lui la band ha apprezzato.

“Li abbiamo trattati come persone normali”, ha detto Boone.

Biglietti gratuiti

Ha detto che la band ha fornito ai dipendenti di Misty Moon i biglietti per il concerto e ha permesso loro di assistere alle prove.

La notte in cui i Doobies interpretarono la Luna vive ancora in larga misura nella tradizione di Halifax Ha un posto di rilievo nella recente tesi di master di Charlene Boyce.

“Sembra da quello che ho visto online, e dalle persone che hanno postato storie casuali nei gruppi Facebook su Misty Moon o su varie bacheche nel corso degli anni, che, sì, non esiste un modo possibile per tutti di essere lì,” ha detto. in un messaggio. colloquio.

Anche se i ricordi delle persone di quella notte possono variare, l’unica cosa su cui le persone che erano lì possono essere d’accordo è quanto si sono divertiti, qualcosa che Simmons apprezza.

“È molto gratificante che le persone si sentano bene e lo ricordino”, ha detto. “Siamo semplicemente uomini come tutti gli altri. È gratificante che le persone apprezzino ciò che fai… mi piace l’idea che tu abbia portato felicità e bei ricordi alle persone. È una cosa meravigliosa in questa vita.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *