Antonio Giovinazzi deluso dalla “bruttezza” della Formula 1

Antonio Giovinazzi ha ricevuto l’ennesima critica sul lato finanziario della Formula 1 che secondo lui gli è costata il posto.

Il 2021 si è rivelato la terza e ultima stagione di Giovinazzi con l’Alfa Romeo, con il pilota cinese Guanyu Zhou che ha preso il suo posto per il 2022 ed è destinato a portare una buona quantità di denaro.

Giovinazzi spingerà per tornare in Formula 1 nel 2023, ma per ora rivolgerà la sua attenzione alla prossima stagione di Formula E, pur rimanendo impegnato nel circuito di Formula 1 come pilota di riserva per la Ferrari.

Giovinazzi ha infastidito il capo dell’Alfa Romeo Fred Vasseur quando ha detto per la prima volta che la loro scelta di assumere Cho si riduce ai soldi, ma è un’opinione a cui si attiene ancora.

E col tempo, il pilota italiano spera di poter cambiare il suo attuale modo di pensare che il denaro trionfi sul talento in Formula 1.

In un’intervista a Corriere della SeraGiovinazzi ha dichiarato: “E’ stata una sfida che ha quasi perso, questo è il brutto di questo sport, purtroppo è sempre stato così.

“Spero di poter cambiare idea in futuro”.

L’italiano indicò a Giovinazzi che Zhou aveva l’appoggio dello stato cinese, al quale rispose: “È fortunato.

“Anche se ha ottenuto lui stesso i punti Super F1.

“Ora ci sono piloti che decidono le politiche finanziarie per interi team. Ma non sono l’unico che ha perso il lavoro per questo”.

Questa non è stata certo la prima stagione in cui Giovinazzi si è trovato a guidare voci sul suo futuro, infatti, lo hanno seguito per tutta la vita. Alfa Romeo un periodo.

READ  Inter, Juventus continuano a inseguire il titolo dopo la scaramuccia di coppa

Ma ammette che questa volta è stato difficile ignorare tutte le chiacchiere.

Alla domanda su come avrebbe reagito alla notizia dell’Alfa Romeo, ha risposto: “Delusione. Mesi molto difficili.

“C’erano voci più rumorose su di me. Ho sempre cercato di togliermele dalla testa, ma questa volta non è stato facile. Quindi sono contento di come ho reagito, lasciando la Formula 1 a testa alta”.

Mentre la conferma ufficiale del futuro di Giovinazzi ha richiesto del tempo, il fatto che le tensioni tra lui e la squadra stessero visibilmente aumentando, in una certa misura era un regalo che non sarebbe stato mantenuto.

Al Gran Premio del Messico in particolare, Giovinazzi è stato molto criticato per la strategia di gara della squadra.

Tuttavia, Giovinazzi non ha voluto puntare il dito accusatore quando gli è stato chiesto se sentiva l’opposizione all’interno della squadra.

“Perché dovrebbero averli? Non lo so e non voglio pensarci: l’obiettivo era quello di restituire più punti possibili”, ha risposto a quella teoria.

“In Messico mi sono liberato delle mie forze, mi dispiaceva non aver ottenuto ciò che meritavamo. Ma non importava più”.

Naturalmente, è anche importante che Giovinazzi rifletta su alcuni dei lati positivi del suo periodo in Formula 1, che spera non siano ancora finiti.

“Debutta nel 2017, a Melbourne”, ha detto mentre inizia a imitare i suoi momenti migliori in Formula Uno.

“Sono tornato su: sabato mattina mi hanno fatto girare e non conoscevo la pista.

“Poi il mio primo Gran Premio a Monza, nel 2019. E la penultima gara del 2021 a Jeddah: a punti anche se sono già stato escluso. Un buon segno”.

READ  Notizie sportive oggi: cosa c'è da sapere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *