Ang Lee pensa di perdere “Brokeback”.

Ang Lee pensa di perdere “Brokeback”.

Funzionalità di messa a fuoco

Quasi vent'anni dopo uno dei più grandi sconvolgimenti nella storia degli Oscar – la vittoria di Crash su Brokeback Mountain – il regista Ang Lee afferma che la decisione era basata sulla discriminazione nei confronti di una storia d'amore gay.

Parlare a IndieWire Recentemente mi ha parlato dell’Accademia delle Arti e delle Scienze cinematografiche dell’epoca: “All’epoca, [‘Brokeback Mountain’] Aveva un tetto. Abbiamo avuto molto supporto, anche questo. Ha quella sensazione. Non portavo rancore o altro. “Era proprio così come erano.”

Il film ha vinto il premio come miglior regista per Lee, migliore sceneggiatura non originale e migliore colonna sonora originale agli Academy Awards. Avrebbe potuto facilmente vincere il premio come miglior film prima della cerimonia, ma ha perso contro il più debole dei cinque candidati: “Crash” (gli altri tre sono “Munich”, “Capete” e “Good Night and Good Luck”). ).

Lee dice anche che anche quelli sul posto si aspettavano che il film vincesse, dato che i registi del teatro lo avevano messo lì vicino dopo aver ricevuto l'Oscar per la regia:

“Ho ricevuto il mio premio, che è stato [second to] Fino alla fine, mentre stavo uscendo dal palco, mi hanno chiamato e mi hanno detto: Resta qui. Questa è la tua impronta digitale. Tutti danno per scontato che vincerai, quindi resta su quel traguardo.

Proprio accanto al palco c'era il sipario. Il prossimo è stato il miglior film. Resta qui, resta qui e basta. Ho visto Jack Nicholson, il suo profilo, ha aperto la busta e ho detto: “Oh mio Dio, oh mio Dio”. Ci sono voluti circa 10 secondi prima che annunciasse, e poi ha detto: “Crash”.

Lo stesso Nicholson rimase chiaramente sorpreso quando lesse “Crash”, e così iniziò il più grande furore per il vincitore del miglior film da quando “Shakespeare in Love” aveva sconfitto “Salvate il soldato Ryan” quasi dieci anni prima.

READ  Martin Sheen ricorda Laurence Fishburne che salva la vita di Emilio Estevez

Quando gli viene chiesto quale sia il fascino del film oggi, dice che tutto si riduce alla repressione e al sentirsi un outsider, e il film trasmette quella sensazione magnificamente indipendentemente dal genere:

“Mi sento sempre un outsider. Penso di essere attratto da quelle storie e dai personaggi repressi. 'Brokeback Mountain' è così bello. Ho letto il racconto. Non ho nulla in comune con i cowboy gay del Wyoming. Ma perché ho pianto? È inquietante. È semplicemente una bellissima storia.” “

Lee ha vinto il suo secondo premio come miglior regista da allora per “La vita di Pi”, mentre il suo film del 2000 “Crouching Tiger Hidden Dragon” ha vinto quattro Academy Awards, incluso quello come miglior film internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *