Un’immagine incredibilmente bella offre a un astronauta una vista dell’aurora boreale: ScienceAlert

Un’immagine incredibilmente bella offre a un astronauta una vista dell’aurora boreale: ScienceAlert

Il sole è stato su un sentiero assolutamente selvaggio ultimamente, e un risultato della sua costante attività è la spettacolare attività dell’aurora boreale.

Gli ultimi giorni di febbraio sono contrassegnati da strisce di luce verde che si increspano nel cielo ad alta latitudine. Ma quelli di noi sulla superficie del pianeta non erano gli unici a godere di questi incredibili spettacoli di luce.

Centinaia di chilometri sopra il nostro pianeta, gli astronauti si stavano anche godendo il raro spettacolo dell’aurora boreale da una prospettiva unica.

Le immagini degli astronauti della NASA Josh Kasada e Koichi Wasada della Japan Aerospace Exploration Agency a bordo della Stazione Spaziale Internazionale mostrano le luci aurorali che brillano di verde contro il naturale bagliore dorato del cielo notturno della Terra.

Il cielo della Terra non è mai completamente buio, nemmeno di notte, anche dopo aver estratto tutti i contributi dall’inquinamento luminoso, dalla luce delle stelle e dalla luce solare diffusa.

Di notte, questo morbido splendore è chiamato bagliore notturno e si verifica quando le molecole vengono allontanate dalla radiazione solare durante il giorno e rilasciano la loro energia in eccesso sotto forma di fotoni. Il bagliore notturno è sempre presente.

Al contrario, l’aurora boreale è più situazionale. Ciò si verifica quando le particelle del vento solare entrano in collisione con il campo magnetico terrestre, quindi vengono spinte via, accelerate lungo le linee del campo magnetico ad alte latitudini vicino ai poli nord o sud, dove piovono nell’alta atmosfera. Lì interagiscono con le molecole dell’atmosfera. Queste interazioni generano le luci verdi danzanti che brillano nel cielo.

READ  Si piegherà e lancerà anche il giocatore più forte del mondo. Gli scienziati hanno dichiarato di sì

Esplosioni di particelle cariche sono sempre emesse dal Sole; Tuttavia, è solo quando i venti sono particolarmente forti, dopo un’eruzione solare, che ci sono interazioni sufficienti per produrre spettacoli di luce visibile, a volte fino alle medie latitudini.

Essendo particolarmente attivo negli ultimi due anni, il sole ha emesso una serie di potenti bagliori mentre si avvicina al picco del suo normale ciclo di attività di 11 anni.

Eruzione solare e attività aurorale osservate nel febbraio 2023, per gentile concessione di SpaceWeatherLive. (Meteo spaziale in diretta)

Febbraio È stato eccitantecon molti potenti brillamenti di classe M e X – le classi più potenti di brillamenti emessi dal Sole.

Sebbene il ciclo attuale sia molto più forte delle previsioni ufficiali, l’attività del sole è ancora relativamente all’interno del range normale, quindi non c’è nulla di cui preoccuparsi in particolare riguardo al suo comportamento. Un bagliore particolarmente potente può scatenare una tempesta geomagnetica che può interrompere le comunicazioni satellitari e radio e danneggiare le reti elettriche. Niente del genere appare all’orizzonte immediato.

border frame=”0″allow=”accelerometro; avvio automatico; Scrittura negli appunti. supporti codificati con giroscopio; immagine nell’immagine; condivisione web “allowfullscreen>”.

Tuttavia, sembra che ci stiamo dirigendo verso una stagione dell’aurora molto abbondante. Gli inseguitori dell’aurora boreale possono assicurarsi di tenere il passo con le previsioni su NOAA Centro di previsione meteorologica spazialee l’Australian Bureau of Meteorology Previsioni del crepuscolo per l’emisfero australe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *