Una lunga degenza ospedaliera non è più l’unica opzione per i pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali presso MUHC

Una lunga degenza ospedaliera non è più l’unica opzione per i pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali presso MUHC

Immaginate di ricevere una procedura salvavita senza dover essere ricoverati in ospedale? Questo è ora diventato una realtà al MUHC, grazie all'apertura dell'Hemato-Onco Day Hospital.

Per la prima volta, un paziente con diagnosi di mieloma multiplo (cancro plasmacellulare) ha ricevuto un trapianto “autologo” di cellule staminali in regime ambulatoriale, evitando una lunga degenza ospedaliera fino a tre settimane.

Il trattamento del paziente prevede la chemioterapia qualche giorno prima dell'intervento, seguita da alcune ore di osservazione, e poi un'infusione di cellule due giorni dopo: se tutto va bene, il paziente viene dimesso a casa lo stesso giorno. I check-in giornalieri vengono effettuati di persona e/o telefonicamente. “Se non ci sono complicazioni, il paziente non ha bisogno di essere ricoverato in ospedale o di recarsi al pronto soccorso”, afferma Christine Bouchard, direttore associato della Cancer Care Mission. “Questo nuovo processo consente ai pazienti di rimanere nel comfort delle proprie case con i propri cari. Sappiamo che questa è una parte importante del recupero del paziente e porta a risultati migliori riducendo il rischio di infezione durante il ricovero implementato a D10 Sud, con l'intenzione di convertirsi ai servizi di oncologia mobile.

“Siamo ansiosi di fornire questa opzione di assistenza e servizio a un numero maggiore di pazienti per altre indicazioni terapeutiche, garantendo al tempo stesso che la sicurezza del paziente sia sempre mantenuta e che venga fornito il necessario supporto domiciliare cura del cancro”, afferma la Dott.ssa Giselle Poprady, direttrice del programma di trapianto di cellule staminali/direttrice dell’unità didattica clinica, ematologia e trapianti, ematologa presso la MUHC.

Christine si congratula con il team D10 per il lavoro eccezionale svolto nel rendere operativo questo programma. “Questa iniziativa è possibile grazie alla cooperazione e alla sinergia tra vari dipartimenti, tra cui infermieri, medici, farmacia, laboratorio di cellule staminali, OACIS, archivi medici, team di garanzia della qualità del trapianto di cellule staminali e, naturalmente, il supporto della leadership senior”.

READ  Il Lunar Orbiter della NASA cattura il sito dell'impatto del fallito HAKUTO-R Lunar Lander

Il successo di questo programma rappresenta un progresso promettente nella riduzione delle lunghe degenze ospedaliere per altri pazienti che necessitano di cure contro il cancro e cure D10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *