Un principe italiano deposto ha criticato le sue scuse nel Giorno della Memoria dell’Olocausto

Emmanuel Filiberto di Savoia, nipote del re Vittorio Emanuele III, ha scritto una lettera alla comunità ebraica del Paese in cui affermava che il ruolo della sua famiglia nel suggellare le leggi antisemite del dittatore Benito Mussolini ha causato “una ferita che rimane aperta a tutti. In Italia. “

Ha detto che lui ei suoi parenti “prendono le distanze” dal re, che aveva approvato l’ascesa al potere di Mussolini e dato l’approvazione reale delle leggi, e ha chiesto perdono per le azioni dei suoi predecessori.

Tuttavia, gli storici hanno respinto il gesto, che ha avuto luogo mercoledì prima della Giornata della Memoria dell’Olocausto, definendolo “troppo tardi”, e hanno irritato i gruppi ebraici che hanno condannato la prolungata riluttanza della famiglia ad affrontare il suo ruolo nel porre le basi per l’Olocausto in Europa.

Le leggi di Mussolini sulla razza lacerarono i diritti civili degli ebrei italiani tra il 1938 e il 1943, periodo durante il quale il dittatore si alleò con Hitler per formare le potenze dell’Asse.

“Quello che è successo con le leggi razziali, al culmine di una lunga collaborazione con una dittatura, è un insulto per italiani, ebrei e non ebrei, che non può essere cancellato e dimenticato”, ha detto la comunità ebraica di Roma in risposta a Emmanuel Filiberto lettera.

Hanno aggiunto che “il silenzio dei discendenti di quella casa, che dura da più di 80 anni, su questi fatti è un’altra circostanza aggravante”. “I discendenti delle vittime non hanno il potere di perdonare e non spetta alle istituzioni ebraiche riabilitare persone e fatti il ​​cui giudizio storico è rimasto impresso nella storia del nostro Paese”.

READ  L'American Heritage Brand Seafarer viene rilanciato dall'azienda italiana - WWD

Emmanuel Filiberto, 48 anni, è il nipote dell’ultimo re d’Italia, Umberto II, e potenziale erede al trono se la famiglia reale non verrà sciolta nel 1946 con un referendum. I discendenti dell’ex monarchia italiana usano ancora titoli reali. Sebbene questi non siano riconosciuti dalla legge.

È cresciuto fuori dall’Italia a causa delle precedenti leggi che proibivano ai membri della famiglia reale in esilio di entrare nel paese. Nel 2019, ha sollevato alcune polemiche prima Transizione a Twitter Per annunciare l’imminente ritorno della famiglia reale, in quella che si è rivelata una pubblicità per uno show televisivo.

Lo storico Amedeo Osti Ghirazi, ricercatore della Fondazione Showa di Roma, ha detto alla CNN che la sua lettera “è arrivata troppo tardi”, aggiungendo: “Penso che sia stato un tentativo di propaganda”.

Ha aggiunto che “il re ha avuto un ruolo molto serio” nell’approvazione delle leggi di Mussolini. “Alcune testimonianze dicono che era contro (le leggi) personalmente, (ma) non voleva andare contro il fascismo. Non voleva rischiare il conflitto … Era un anello di grande codardia”.

Andrea Ungari, storico e professore all’Università Luis Guido Carli di Roma, ha aggiunto che “non erano chiare” le motivazioni di Emmanuel Filiberto nello scrivere la lettera. “Certo, nessuna responsabilità ricade su di lui o su suo padre, quindi se qualcuno deve giustificarsi allora è il re Umberto II”, disse, riferendosi al re che governò per alcuni mesi nel 1946 mentre la famiglia reale combatteva in vano per la loro sopravvivenza nelle urne.

Ho assistito in prima persona all'ascesa del nazismo.  Dobbiamo agire ora per proteggere la democrazia americana

Le leggi razziali di Mussolini, emanate insieme al famigerato “manifesto della razza”, proibivano agli ebrei di frequentare l’università o di ricoprire cariche pubbliche, limitavano i loro viaggi e le loro origini e imponevano molti altri controlli sulla loro vita pubblica.

READ  Top 5 da provare: italiano

La lettera di Emmanuel Filiberto è stata pubblicata prima del 27 gennaio, il Memorial Day che segna l’anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz nella Polonia occupata dai nazisti.

Scrive alla comunità ebraica italiana: “Vi scrivo a cuore aperto, un messaggio non certo facile, un messaggio che potrebbe sorprendervi e che forse non vi aspettavate”.

“Spero di chiedere ufficialmente e solennemente perdono a nome di tutta la mia famiglia. Ho deciso di fare questo passo, ed è mio dovere mantenere vivo il ricordo di quanto accaduto, in modo che il ricordo sia sempre presente”, ha aggiunto.

Più di 6 milioni di ebrei morirono per mano del regime nazista durante l’Olocausto, nella società o nelle centinaia di campi di concentramento allestiti in tutta l’Europa centrale e orientale.

Non è chiaro quanti ebrei italiani siano stati mandati nei campi, dato che molti sono fuggiti dal Paese prima dell’inizio del genocidio, secondo lui. Il Primo Levi Center, con sede negli Stati Uniti.

Antonia Mortensen della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.