Un guardaroba vecchio di decenni racchiude vecchi ricordi che il nuovo proprietario potrà scoprire

Un guardaroba vecchio di decenni racchiude vecchi ricordi che il nuovo proprietario potrà scoprire

Tim Skelly ristruttura mobili dal 1995, un hobby iniziato quando ha acquistato la sua prima casa a Ottawa.

Nel corso degli anni ha rifinito e ribaltato armadietti, armadietti e una varietà di altri pezzi, spesso imbattendosi in oggetti come carta e penne lasciati dai precedenti proprietari.

Skelly aveva recentemente un “cappello a cilindro” o guardaroba maschile, e questa volta ha trovato qualcosa di diverso.

“Stavo tirando fuori i cassetti di questo strano mobile, li ho girati per iniziare a levigare e ho visto questa scritta in basso”, ha detto Skelly.

Tim Skelly, qui nel suo laboratorio di casa, restaura i mobili che acquista all'asta da circa 30 anni. (Inserito da Tim Skelly)

Sul lato inferiore del cassetto più piccolo del comò sono stati rinvenuti cinque appunti manoscritti, il più antico risalente al 1942.

“È come una delle nostre piccole cacce al tesoro. È molto interessante. Sono tutte osservazioni relativamente personali”, ha detto Skelly.

Le note vanno dai commenti sul tempo ai dettagli sulla vita familiare quotidiana. Tutti tranne uno sono scritti a matita e sono difficili da leggere, tranne l'ultima nota rimasta datata 10 giugno 1982.

“L'ultima lettera nel 1982, era di qualcuno che diceva che si sarebbe sposato quell'anno, e vi scriveva che sperava che qualcuno tra 40 anni leggesse il suo biglietto su questo mobile”, ha detto Skelly. “.

A quanto pare, Skelly ha scoperto la lettera 42 anni dopo.

Nel garage c'è un vecchio armadio
Tim Skelly ha acquistato questo “cappello a cilindro” o comò da uomo ad un'asta a Winchester, Ontario, dove ottiene la maggior parte dei suoi pezzi antichi. Si ritiene che sia stato probabilmente prodotto negli anni '30 e si sospetta che da allora il mobile sia passato di mano tra diversi proprietari nell'area di Ottawa. (Inserito da Tim Skelly)

L'uomo che ha scritto il biglietto lo ha firmato e ha scritto un indirizzo in Britannia, a cinque minuti da dove Skelly aveva vissuto per più di 30 anni.

Per curiosità, ha cercato di trovare online un sosia di “Richard Ludos” per stabilire il collegamento, ma non è riuscito a rintracciarlo.

Anche CBC News ha fatto alcune ricerche e ha scoperto che il cognome di Richard era in realtà Lueders. (È difficile scrivere sul legno con una penna.)

READ  Gara semifinale tra Stati Uniti e Italia Streaming online, programma, coordinamento e altro - Daily Movie

Richard Lueders ha ora 62 anni e vive fuori Almonte, Ontario.

“È passato così tanto tempo che me ne ero completamente dimenticato. In effetti, sono rimasto un po' piacevolmente sorpreso.” Lueders ha detto alla CBC.

“Il fatto di aver scritto che speravo che qualcuno lo leggesse tra 40 anni, ed è esattamente quello che è successo?”

Una nota scritta a mano sul comò
Richard Lueders lasciò questo biglietto nel 1982 mentre viveva nel quartiere Britannia di Ottawa. (Inserito da Tim Skelly)

Per quanto Lueders riesce a ricordare, l'armadio apparteneva ai suoi suoceri oppure lo aveva acquistato in un mercatino delle pulci. Ha anche un talento nel rifinire vecchi mobili e stava riparando un armadio quando ha trovato degli appunti lasciati dai precedenti proprietari.

“Quando ho tirato fuori il cassetto per rifinirlo, ho notato che qualcuno ci aveva scritto sopra, quindi ho pensato: 'Va bene, ci aggiungerò la mia piccola nota'”, ricorda Lueders.

Una nota scritta a mano sul cassetto di un comò
Skelly ha lasciato il suo biglietto in risposta a Lueders. (Inserito da Tim Skelly)

Skelly ha ora lasciato il suo messaggio in risposta a Lueders.

Il 6 aprile 2024 scrisse: “Poco più di 40 anni, Richard! Sto rifinendo questa cassettiera per il mio ufficio a Lanark, Ontario. Acquistata a un'asta a Winchester, Ontario. Spero che mi sopravviva”.

Skelly ha deciso di dipingere sopra le banconote con uno strato protettivo trasparente nella speranza che il prossimo proprietario della cassettiera mantenesse viva la conversazione vecchia di decenni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *