Un artista italiano a Pechino che contribuisce allo scambio culturale tra Cina e Italia

Artista italiano Jacopo della Ragioni Foto: per gentile concessione di Jacopo della Ragioni

Linee dorate flessibili attraversano la tela, mostrando un forte senso di vitalità e vitalità… Nella mostra in corso Border Free in mostra nel 798 Art District di Pechino, l’opera dell’artista italiano Jacopo Della Ragione intitolata Conquista ha attirato molti visitatori.

“Ciascuno dei miei dipinti è un microcosmo della vita. Ho trascorso quasi metà della mia vita in Cina. Come potrei non mettere le mie esperienze in Cina nei miei dipinti?” Jacobo ha detto al Global Times.

Durante la creazione dell’arte, Jacopo utilizzerà la vernice acrilica per applicare strato dopo strato, che è simile alla sua realizzazione della Cina negli ultimi due decenni, dall’essere quasi vuoto all’inizio all’essere “qualcosa di più” attualmente come dice.

Opera dell'artista italiano Jacopo della Ragioni Foto: Courtesy of Jacopo della Ragioni

Opera dell’artista italiano Jacopo della Ragioni Foto: Courtesy of Jacopo della Ragioni

Importante

Nato e cresciuto a Firenze, la capitale italiana dell’arte, Jacopo ha mostrato un grande interesse per l’arte nella sua infanzia. Mentre studia storia medievale all’Università degli Studi di Milano, Jacopo si iscrive a un master in grafica e tecniche di stampa.

Prima di venire in Cina, Jacopo non sapeva quasi nulla della Cina tranne l’avventura di Marco Polo nella misteriosa terra orientale nel XII secolo. “Mia nonna era di Venezia e viveva accanto a Marco Polo.” Jacobo ha scherzato dicendo che il suo rapporto con la Cina è stato costruito attraverso sua nonna.

Con una forte curiosità per la Cina, Jacobo si è trasferito a Pechino nel 2001. “Avevo programmato di trascorrere due settimane per conoscere la Cina, ma in seguito ho scoperto che il tempo era tutt’altro che sufficiente e sono qui da più di 20 anni. “

READ  La Fiorentina tende a preferire vendere l'obiettivo del Tottenham al club fuori dall'Italia

Jacopo inizialmente ha lavorato come direttore artistico e creativo per agenzie di design e pubblicità, società di media in Cina, e nel 2018 ha lasciato il suo lavoro e ha deciso di diventare un artista a tempo pieno creando principalmente dipinti astratti.

Architettura, musica, arte tradizionale… tutto in Cina può servire da ispirazione per la creatività artistica di Jacopo. “Tutto il lavoro che faccio deriva da ciò che accade intorno a me tutto il tempo.”

Ha creato alcuni dipinti a colori tradizionali per esprimere il suo amore per la cultura tradizionale cinese, tra cui I cinque elementi: metallo, legno, acqua, fuoco e terra nella filosofia cinese e l’I Ching, un antico testo di divinazione cinese che è tra i più antichi classici cinesi.

“Il mio lavoro ha legami molto forti con la calligrafia cinese. È molto lusinghiero che diverse persone che lavorano nella calligrafia mi abbiano detto che il mio lavoro è molto vicino alla calligrafia anche se sembra così diverso.”

Il momento più felice per Jacopo è dopo aver apprezzato le sue opere d’arte, alcuni visitatori che non capiscono l’arte contemporanea hanno iniziato a mostrare interesse per essa e si sono resi conto che l’arte fa parte della loro vita.

“Voglio che trovino la loro relazione e connessione con l’arte. È interessante quando le persone a volte li guardano e dicono che tutto suona come qualcosa di molto legato all’arte tradizionale cinese. Sono stupito di poterlo vedere quando dicono che sono , e le loro osservazioni possono influenzarmi in seguito.”

Opera dell'artista italiano Jacopo della Ragioni Foto: Courtesy of Jacopo della Ragioni

Opera dell’artista italiano Jacopo della Ragioni Foto: Courtesy of Jacopo della Ragioni

Abilita i dialoghi

Avendo vissuto in Cina per più di due decenni, l’artista 46enne si è detto stupito dal rapido sviluppo del Paese. Ha notato che Pechino aveva solo due linee della metropolitana quando è arrivato per la prima volta, e ora ci sono più linee che possono raggiungere quasi tutte le parti del centro di Pechino con la metropolitana.

READ  La realtà virtuale rivoluziona il mondo del lavoro: quali prospettive nel prossimo futuro

Jacopo ha notato che vede anche un grande potenziale nell’arte cinese contemporanea, soprattutto attraverso i giovani artisti cinesi che hanno fatto un ottimo lavoro nell’ereditare e rinnovare la profonda cultura tradizionale cinese.

Ha notato di aver incontrato molti studenti laureati di talento durante un seminario presso l’Istituto di belle arti del Sichuan nella municipalità di Chongqing, nel sud-ovest della Cina, e che “creano opere contemporanee, ma senza dimenticare la storia del loro paese e la storia dell’arte”.

Oltre alla creazione artistica, Jacopo a volte aiuta come curatore di mostre, offrendo una piattaforma per sentire il fascino unico della cultura italiana. Ha co-diretto diverse mostre d’arte nel 2022 e il suo lavoro è stato esposto in alcune mostre d’arte tra cui Symposium – Art and Environmental Sustainability – Matter and Environment exhibition a Pechino in occasione dell’Anno sino-italiano della cultura e del turismo. Nel 2023, vuole consentire più dialoghi tra artisti, istituzioni culturali e accademie.

“La mia idea è se posso creare un’opportunità per le persone di guardare il lavoro degli altri e, attraverso questo, iniziare a parlare e capirsi. Questo è tutto”, ha detto Jacobo, e ha pensato che ci sarebbe stato più scambio culturale grazie alla Cintura e Iniziativa stradale (BRI) .

Nel 2019, l’Italia ha firmato un memorandum d’intesa con la Cina per portare avanti congiuntamente la costruzione della Belt and Road Initiative, diventando il primo paese del G7 ad aderire all’iniziativa.

Ora Jacobo ha messo radici a Pechino. “La Cina e l’Italia hanno alcune somiglianze: entrambi apprezziamo la famiglia. Sono nato in Italia e vivo in Cina. La Cina è ora la mia casa e continuerò a vivere e lavorare qui”.

READ  L'Italia si prepara a introdurre i visti beduini digitali - Kiwi.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *