“Tristezza indicibile”: il cantante dei Cowboys Fringants Carl Tremblay muore a 47 anni

“Tristezza indicibile”: il cantante dei Cowboys Fringants Carl Tremblay muore a 47 anni

È morto all’età di 47 anni Carl Tremblay, cantante dei Cowboys Fringants.

L’artista soffriva di cancro alla prostata da diversi anni dopo aver rivelato nel luglio 2022 che gli era stata diagnosticata la malattia ed era monitorato da specialisti.

I membri della band hanno annunciato la morte di Carl Tremblay su Instagram, “con una tristezza indescrivibile”.

La lettera, firmata da Marie Annick, recita: “È stato un guerriero esemplare di fronte alla malattia e un modello per tutti noi. Vogliamo ringraziare tutti coloro che ci hanno dimostrato il loro amore negli ultimi anni. Abbiamo portato avanti il tuo supporto.” Jean-François e Jerome.

Anche la casa discografica La Tribu ha annunciato la morte del cantante, parlando di “un uomo integro, generoso e leale”.

Il 28 febbraio 2023, la sua compagna e partner dei Cowboys Fringants Marie-Anick Lépine ha annunciato su Facebook che la chemioterapia non era più efficace e che Karl avrebbe iniziato “un altro trattamento dopo la pausa di marzo”.

Ha continuato ad accompagnare i Cowboys Fringants sul palco nonostante la chemioterapia. Ma la band ha dovuto decidere di cancellare alcune date nell’estate del 2023 prima di rinviare tutti gli spettacoli previsti per l’autunno.

“Ho deciso di ascoltare me e te. Di prendermi una pausa”, ha detto in un video condiviso sul suo account Instagram alla fine di settembre.

Ha aggiunto sorridendo: “Non siamo ancora morti, ci stiamo lavorando”.

I Cowboys Frigants salutano la folla mentre l’organizzazione evacua le Piane di Abraham a causa del tempo inclemente, giovedì 13 luglio 2023, al Quebec Summer Festival a Quebec City. Il cantante Carl Tremblay, malato di cancro, è abbracciato da sua moglie, Marie-Anick Lépine, Jean-François Pause, al centro, e Jérôme Dupras. La stampa canadese/Jacques Boissenot

A luglio, la band suonò uno spettacolo storico al Festival del Quebec, suonando davanti a una folla di 90.000 fan riuniti nelle Piane di Abraham.

READ  Kate Middleton sembra festosa in rosso mentre arriva con il principe William per ospitare il suo primo servizio reale a Natale.

Dopo un anno pieno di battute d’arresto, il gruppo è stato incoronato Gruppo dell’anno alla cerimonia ADISQ, dove Tremblay non era presente.

“Grazie a tutti i tifosi del Quebec per averci reso il Gruppo dell’anno 2023, a vent’anni di distanza”, ha detto in un video il giorno successivo. A presto ragazzi!”

Tremblay è nato a Montreal il 28 ottobre 1976 e ha incontrato il chitarrista Jean-François Bausé nel suo seminterrato, mentre i due giocavano a hockey a Repentigny “in junior B.” Il cantante trovò il suo chitarrista e nel 1995-1996 i due ragazzi formarono la loro band, insieme alla violinista Marie-Anick Lépine, che in seguito divenne la moglie di Tremblay.

Nel 1997, i Dashing Cowboys, raggiunti nel frattempo da Domlippo e Jerome Dupras, pubblicarono silenziosamente il loro album di debutto, 12 Big Songs. Dopo alcuni spettacoli furono etichettati come “band” e il passaparola fece il resto.

Les Cowboys Fringants, da sinistra, Marie-Anick Lépine, Carl Tremblay, Jérôme Dupras e Jean-François Bowes durante la loro esibizione al Quebec Summer Festival, a Quebec City, lunedì 17 luglio 2023. Tremblay sta attualmente combattendo contro il cancro. La stampa canadese/Jacques Boissenot

Francofolies de Montréal nel 2000, poi il tour “Motel Capri”, seguito dall’album “Break Syndical” nel marzo 2002: la band è ora pubblicata, e il loro primo album dal vivo “Attache ta tuque!” (2003). Successivamente il grande pubblico ha scoperto non solo una band, ma anche il cantante Carl Tremblay, che sa affascinare il pubblico con raro entusiasmo.

Dal 2004 in poi sono stati gli europei francofoni a scoprire la band – e gli abitanti del Quebec non riuscivano a crederci quando il pubblico francese cantava a memoria i testi dei cowboy.

Nel corso degli anni, il gruppo ha mantenuto un’enorme popolarità in Quebec e in Europa. Hanno vinto i Felix Awards come Gruppo dell’anno nel 2003, 2004, 2011, 2020 e 2021, grazie in parte alla straordinaria capacità di Carl Tremblay di emozionare il pubblico.

READ  Dominion si è esteso al debutto negli spettacoli F9 IMAX

Tremblay ha cantato principalmente testi del suo amico Jean-François Bausé, ma ha anche composto alcune canzoni lui stesso, inclusa la toccante “Ruelle Laurier” apparsa su “Break Syndical”.

Si riversano gli omaggi per l’icona della musica del Quebec

Le condoglianze si sono riversate come stelle cadenti dopo aver appreso la notizia della morte di Tremblay.

Sul sito

“Sarà per sempre la nostra stella. Tutte le nostre condoglianze a Marie Annick, Jean-François e Jérôme, nonché alla sua famiglia e ai suoi cari.”

Anche acceso

Su Facebook, il cantautore Emile Bilodeau ha definito il suo idolo d’infanzia un “guerriero brillante”.

In un’intervista telefonica, Bilodeau ha detto che Tremblay ha reso la professione “più nobile”.

“Hai bisogno di energia da vendere (per dare spettacoli come questo), e non puoi trascurare la sua flessibilità”, ha detto il giovane artista.

“Lo abbiamo visto stanco, esausto, senza fiato e senza fiato, ma Carl voleva davvero regalare un bello spettacolo ai suoi fan”, ha aggiunto. “Tutto questo è una lezione che ha insegnato ai giovani artisti, e anche a quelli più anziani”.

Anche a Quebec City le bandiere sventoleranno a mezz’asta giovedì nel municipio, in onore del “retaggio culturale” dell’artista che sembra avere un consenso unanime.

READ  Il pagliaccio pazzo ha annunciato che si imbarcheranno in un tour di addio

“Era un grande uomo che ha incendiato più di una volta la regione della capitale nazionale”, ricorda il sindaco Bruno Marchand.

Lo shock si è sentito anche all’Assemblea Nazionale, dove il premier François Legault ha descritto Tremblay come “una grande stella, una bellissima stella. Una stella cadente”, riferendosi a una delle più grandi canzoni dei Cowboys Fringants.

“Carl Tremblay e tutto il Quebec ci lasciano in lutto. Le mie più sincere condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari”, ha detto Legault.

“Montreal è in lutto. Un grande artista ci lascia. La voce e le canzoni di Carl Tremblay risuoneranno nei nostri cuori per molto tempo a venire. Le mie più sentite condoglianze ai suoi fan, ai membri dei Cowboys e ai suoi cari.” Il sindaco di Montreal Valerie Plante su X.

Poco dopo, ha annunciato che le bandiere del municipio sarebbero state sventolate a mezz’asta.

Lo ha detto il ministro della Cultura e delle Comunicazioni Mathieu Lacombe a Channel

Questo rapporto della Canadian Press è stato pubblicato per la prima volta in francese il 15 novembre 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *