Toyota interrompe tutta la produzione giapponese dopo l’hacking del fornitore

Ingrandisci / Un lavoratore cammina vicino a un’auto Toyota Motor Corp Crown costruita sulla linea di produzione dello stabilimento Motomachi dell’azienda il 30 luglio 2018 a Toyota, in Giappone.

Tomohiro Ohsumi / Getty Images

La più grande casa automobilistica del mondo sospende la produzione in un terzo dei suoi stabilimenti, Secondo Reuters. Toyota afferma che smetterà temporaneamente di produrre automobili nei suoi stabilimenti giapponesi dopo che uno dei suoi fornitori è stato violato.

L’azienda in questione si chiama Kojima Industries, che produce componenti in materiale composito e plastica per veicoli Toyota, sia per la decorazione degli interni delle auto, sia per componenti di auto ibride Toyota ed elettriche a celle a combustibile. La Reuters ha citato un portavoce della Toyota che ha descritto l’evento come un “guasto del sistema del fornitore”.

Pertanto, il 1° marzo, Toyota fermerà 28 linee di produzione in 14 stabilimenti in tutto il Giappone.

Toyota è diventata un bersaglio frequente degli hacker. È stato violato almeno tre volte nel 2019, incluso Attacco malware in Australiarompere 3,1 milioni di dati sui clienti In Giappone (e forse Thailandia e Vietnam), la truffa L’affiliazione è costata 37 milioni di dollari.

Toyota è stata violata di nuovo nel 2021, Questa volta da una società di ricambi statunitensein un incidente ritenuto di origine russa.

Ma non è nemmeno l’unica casa automobilistica che deve interrompere la produzione dopo essere stata compromessa. Informaci nel 2020 Honda ha dovuto smettere di produrre automobili negli stabilimenti in Ohio e Turchia e smettere di produrre motociclette in India e Sud America.

Poche informazioni sono state rilasciate oggi sull’attacco informatico, compresi eventuali sospetti. Tuttavia, il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha affermato che il suo governo indagherà, compresi eventuali collegamenti con la Russia.

READ  Binance interrompe i prodotti futures e derivati ​​in Germania, Italia e Paesi Bassi - Bitcoin News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.