Sulle spiagge italiane, cani appositamente addestrati fungono da audaci bagnini

SIC /Facebook

L’immagine iconica di squadre di cani da slitta che tirano i loro carichi pesanti mentre si fanno strada attraverso la tundra ghiacciata è leggenda, ma lo sapevi che i cani si dimostrano forti tanto nelle acque temperate quanto sul ghiaccio?

In Italia c’è un branco d’elite di 350 cani appositamente addestrati da Scuola Italiana Cani Soccorso Acquatico (Scuola Italiana Cani Salvataggio, o SICS in breve) ora pattuglia le spiagge come bagnini attivi.

300 unità SICS, composte da un cane e un addestratore, hanno il compito di monitorare quasi 30 delle spiagge più frequentate del paese.

Con la loro volontà di esibirsi, il potere e le imprese audaci, incluso il salto dagli elicotteri nelle onde sottostanti per salvare i nuotatori vulnerabili, SICS stima che i loro ranger salvino da 20 a 30 vite all’anno, e quel numero continua ad aumentare ogni anno.

All’inizio di questo mese, quando diverse famiglie, tra cui otto bambini, sono state minacciate da forti venti e onde mentre si trovavano a 330 piedi dalla riva, tre bagnini e i loro pullman si sono precipitati in soccorso.

Con l’aiuto dei loro compagni umani, i cani Eros, Mia e Mera trascinano tutti in salvo in circa 15 minuti.

SICS nasce da un’idea di Ferruccio Pilenga, 59 anni, che nel 1989 ha avuto l’idea che i cani sarebbero diventati eccellenti bagnini dal suo avvistamento di Terranova, un nuotatore estremamente forte di nome Mas.

“Ha tirato una barca piena d’acqua con tre persone a bordo per mezz’ora”, ha detto Bilinga. Orari di Londra. “Nessun essere umano può farlo.”

La SICS è dura. Dopo 18 mesi di addestramento di base, solo quei cani che hanno completato con successo i passaggi richiesti sono considerati pronti per passare agli aspetti più intensi delle tecniche salvavita, come il salto dagli elicotteri e il salto dai motoscafi.

READ  I padroni di casa dell'Italia restano perfetti nel Campionato europeo di softball femminile

Di più: Gli “occhi da cucciolo di cane” sono un tratto evolutivo che è stato sviluppato in modo che i cani potessero catturare meglio i nostri cuori

I team SICS sono riconosciuti per essere particolarmente efficaci nell’affrontare scenari di vita o di morte su larga scala. Grazie al loro addestramento speciale, sono maggiormente in grado di effettuare salvataggi simultanei di più nuotatori in situazioni in cui le capacità di uno o due bagnini potrebbero essere facilmente compromesse.

“Essere in grado di utilizzare un cane in una missione di salvataggio in acqua dà al soccorritore un piede. Un soccorritore che lavora da solo è solo. Non siamo mai soli. Siamo sempre in squadra con il nostro cane, quindi è un’unità a sei zampe .Posso conservare la mia energia e diventare una potenza più che salvavita”, ha detto Blinga grande grande storia.

“produrre [people] Capisco, dico sempre: “Per trainare una slitta ci vogliono almeno sei cani, per trainare sei persone basta un cane”.

Mentre il successo del programma può essere attribuito in parte all’istinto di sopravvivenza dei cani che li aiuta a trovare la strada più sicura per raggiungere la riva, così come alla loro resistenza e capacità di seguire i comandi, Belenga crede che la componente emotiva che apportano al loro lavoro non possa essere sottovalutata. volevo.

Relazionato: non arrendersi mai! Terrier Lost ritrovato 290 giorni dopo le vacanze grazie ai social

“Avere cani aiuta a calmare la situazione”, ha detto a GBS. “La ricompensa più grande è l’emozione che il cane e il proprietario provano al momento del salvataggio, che unisce anche quel legame speciale tra cane e uomo”.

READ  Rugby irlandese | La squadra del club irlandese U18 perde contro la fantastica Italia

L’Italia è attualmente l’unico paese a riconoscere i soccorritori cinofili certificati, tuttavia, con centri di formazione che dovrebbero essere istituiti nel prossimo futuro negli Stati Uniti, in Germania, in Svizzera e nelle Azzorre, SICS sta cercando di estendere la sua rete di sicurezza in acque più ampie.

Quindi vai su Baywatch, c’è un nuovo cane in città e speriamo che Barkwatch presto colpirà le onde sulla spiaggia vicino a te!

(Guadare Il video di Great Big Story di questi cani qui sotto.)

Condividi questa storia spaventosa con gli amici sui social media…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *