Stylian Eon: Ci sono state decisioni giudiziarie …

Il ministro della Giustizia, Stylian Ion, ha dichiarato di voler condurre un dialogo con il suo omologo italiano, dopo l’emissione di decisioni giudiziarie in Romania, ma potrebbe avere un risultato inaspettato in Italia, e quindi vuole trovare le migliori soluzioni. Per regolare questa situazione.


A fine novembre, restava la sentenza della Corte d’Appello di Napoli di non estradare definitivamente in Romania il latitante Dragus Civulescu che la Procura italiana non aveva presentato ricorso, secondo la risposta del Ministero della Giustizia italiano, su richiesta di G4media.ro. L’ex azionista della Dinamo, Dragus Cepolisco, appare sul sito della polizia rumena per i ricercati, presi di mira da un ordine giudiziario per eseguire una pena detentiva, dopo essere stato condannato, all’inizio dello scorso anno, a 5 anni e mezzo di carcere. Efficace in caso di ripristino della pena, insieme all’ex sindaco di Constanta, Radu Mazier, Christie Burcia e altri imputati. Sono stati addebitati 114 milioni di euro.

Inoltre, a metà dicembre, l’avvocato italiano Christian De Gusto ha dichiarato a Qmagazine.ro che la corte d’appello di Bari aveva rifiutato di estradare l’ex presidente DIICOT, Alina Pica, condannata in Romania a 4 anni di carcere. Arresto con esecuzione per aver favorito l’uomo d’affari Ovidiu Tender, accusato da lei mentre era Procuratore del caso DIICOT.

“Ci sono stati casi in cui le decisioni dei tribunali emesse in Romania potrebbero aver avuto un esito inaspettato per noi, soprattutto in Italia, e il mio predecessore, il ministro Cătilin Predoiu, ha chiesto un parere all’interno del ministero, e questo punto di vista è stato formulato. Un incontro nel prossimo periodo per condurre un dialogo con la mia controparte in Italia in modo da poter trovare le migliori soluzioni per regolare questa situazione. Per informare i loro padroni di questo problema che abbiamo “, ha annunciato giovedì Stylian Eon, in conferenza stampa.

READ  Dresdner Kristolen metodologia strettamente correlata | Sächsische.de

Ha detto che i rapporti tra le autorità sono molto buoni e si tratta di questioni specifiche e non sistematiche.

“Voglio solo dirti che in generale i nostri rapporti sono molto buoni, i rapporti tra le autorità e la stragrande maggioranza dei casi non comportano tali problemi e non possiamo parlare di qualcosa di sistematico. Ci sono casi specifici che sono molto importanti per noi perché sono anche file di buzz, per così dire, Ma a livello di sistema non ci sono problemi del genere “, ha detto il ministro della Giustizia.

Vuole che questi problemi siano portati all’attenzione delle autorità italiane.

“Quello che voglio è non rimanere nella fase pubblicitaria in Romania, per mettere in luce gli aspetti problematici di noi e delle autorità italiane, ovviamente, che hanno pieni poteri e non possono essere interferiti in alcun modo. Tuttavia, per quanto riguarda le questioni relative alla valutazione delle autorità italiane sugli stretti rapporti. Tra le persone condannate per sentenze rumene e lo Stato italiano al riguardo, potrebbe esserci una più stretta collaborazione tra le autorità al fine di richiedere un punto di vista che sia alla base delle decisioni in proposito “, come citato da Stylian Ion.

viewscnt

L’articolo sopra è solo per le tue informazioni personali. Se rappresenti un’organizzazione o un’azienda di media e desideri ottenere un accordo per ripubblicare i nostri articoli, inviaci un’e-mail all’indirizzo [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *