Sting rivela di essere stato ingannato nell’acquisto della sua tenuta vinicola italiana

A Letter in a Bottle si rivela essere un intelligente esempio di gioco di prestigio di un vigneto aristocratico, che ha ingannato il leggendario cantante Sting nell’acquisto di una tenuta vinicola in Toscana.

Sebbene l’acquisto di un’azienda vinicola vada oltre la maggior parte dei nostri sogni, per quelli di noi che lavorano in un’atmosfera rarefatta come l’ex cantante e chitarrista della polizia Sting, questi sforzi sono solo la prossima emozionante avventura.

Anche se si scopre che anche la mente dietro a successi come “Every Breath You Take” e “Roxanne” può cadere in un trucco intelligente, dopo che Sting ha rivelato di essere stato indotto a comprare una tenuta vinicola toscana dal suo aristocratico proprietario.

Abbiamo riferito nel 2017 che il precedente proprietario di Il Palagio aveva regalato a Sting un bicchiere di Barolo da un’altra parte e lo aveva inviato a Sting come vino della tenuta che Sting stava cercando di acquistare.

“Stavamo cercando una casa in Italia e abbiamo trovato questa bella e accogliente tenuta in rovina, così come i vigneti”, ha detto Sting. dB.

In seguito si rese conto che il vino della tenuta che aveva acquistato non era attualmente di qualità particolarmente elevata, anche se uno stratagemma lo spinse a capovolgere le sorti di un’azienda vinicola in difficoltà.

Ora, la storia viene raccontata di nuovo, come ha detto Sting alla rivista Sette:

“Ci ha regalato un bicchiere rosso da una brocca durante una delle nostre prime visite a Il Palagio.

“Stavamo trattando l’acquisto. La tenuta ci è piaciuta molto, anche se era in rovina. Il Duca mi ha chiesto se volevo assaggiare il vino che produceva la tenuta e io ho detto di sì. Era un ottimo vino e questo mi ha convinto ad acquistare anche le vigne. E solo dopo abbiamo saputo che il Duca ci ha dato il Barolo, non il suo vino.”

READ  I numeri Corona in Italia sono aumentati drammaticamente

Tuttavia. Quando serve il vero vino della tenuta ad amici e parenti, Sting si rende presto conto di essere stato imbrogliato.

“Quando abbiamo servito il vino della tenuta ai nostri ospiti, ho visto che qualcuno stava svuotando il bicchiere nell’aiuola.

“È stato allora che abbiamo deciso di vendicarci e dimostrare che dai vigneti di Palagio si potevano produrre ottimi vini. Tutta la nostra avventura toscana è stata davvero un modo per riprenderci le spalle”.

O, come ci ha detto: sono stato provocato a fare del buon vino per vendetta”.

E certamente ha raggiunto il suo obiettivo di mettere Il Pallagio sulla mappa.

Nel 2016, il vino Sister Moon di Sting – un blend di uve Sangiovese, Merlot e Cabernet Sauvignon – è stato riconosciuto come uno dei 100 migliori vini d’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.