Sotto la guida di Mourinho, la Roma ha subito sei gol di umiliazione

La Roma di Jose Mourinho è stata umiliata giovedì 6-1 in UEFA Champions League a Bodø/Glimt, il campione norvegese i cui tifosi sono famosi per portare uno spazzolino giallo gigante alle partite.

“E’ mia responsabilità, ho scelto di usare questi giocatori”, ha detto Mourinho ai media italiani.

Il capitano della Roma Lorenzo Pellegrini ha descritto la sconfitta come “imbarazzo” e “uno schiaffo in faccia”.

Foto: EPA-EFE

Bodo/Glimt, che ha giocato la sua undicesima partita europea in questa stagione, ha sbalordito i giganti italiani che hanno lottato con temperature fino a 2°C su uno stadio artificiale all’interno del Circolo Polare Artico.

Eric Bothem ha segnato una tripletta per i norvegesi, con capitano Patrick Berg, Ola Solbakken e Amal Pellegrino, a spese di Mourinho.

Bodo/Glimt ha vinto il titolo norvegese per la prima volta nei suoi 104 anni di storia la scorsa stagione.

I loro fan sono diventati una grande curiosità nello sport per la loro abitudine di sventolare spazzolini da denti gialli giganti sugli spalti.

Carlos Perez ha segnato un gol consolante per la Roma tanto cambiata, che ha vinto le prime due partite del girone C, ha segnato otto gol e ne ha subito uno solo.

Tuttavia, Mourinho stava guardando la partita di Serie A di questa settimana con il Napoli, che è in testa alla classifica in Italia con otto vittorie su otto partite.

“Se avessi giocato con la prima squadra, qualcuno poteva infortunarsi, poi domenica abbiamo subito quattro o cinque gol contro il Napoli e anche quella decisione sarebbe stata considerata sbagliata”, ha detto Mourinho. “La squadra che Bodo ha messo in campo oggi aveva una qualità superiore al nostro secondo filo”.

READ  La speculazione su Nahitan Nandes e Leeds United si è finalmente placata sulla stampa italiana

Il capitano della Roma Pellegrini ha detto a Sky Sport Italia che c’erano lezioni da imparare.

“Posso solo scusarmi e tornare in pista più forte di prima. Abbiamo detto quello che ci serviva negli spogliatoi ed è ancora lì”. “A volte hai bisogno di uno schiaffo per imparare e abbiamo ricevuto uno schiaffo in faccia oggi, uno schiaffo che meritiamo totalmente. Dobbiamo assicurarci di imparare da questo imbarazzo. “

I commenti saranno moderati. Conserva i commenti relativi all’articolo. Le note contenenti linguaggio osceno o osceno, attacchi personali di qualsiasi tipo, promozioni e ban dell’utente verranno rimosse. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *