Scorsese ha alcune lamentele riguardo al cinema

Scorsese ha alcune lamentele riguardo al cinema

Immagini della Paramount

Tutti i discorsi sulla “magia del cinema” spesso ignorano la realtà dell’esperienza teatrale per molti.

Sale che hanno visto giorni migliori, personale oberato di lavoro e non qualificato, posti a sedere scadenti, problemi di proiezione, cibo e bevande troppo cari, costi di trasporto/parcheggio, e questo prima ancora di arrivare al comportamento di alcuni dei nostri compagni spettatori.

Si scopre che alcune di queste frustrazioni sono condivise da uno dei più grandi sostenitori dell'esperienza teatrale là fuori: il regista Martin Scorsese.

nei giorni scorsi diversificato Storia: Al regista è stato chiesto se si intrufola nelle proiezioni pubbliche, e ha condiviso le sue preoccupazioni riguardo alle visite regolari al cinema:

“Non lo faccio [sneak into public screenings]. La gente parla e si muove molto. Sono basso e c'è sempre qualcuno grosso davanti a me. Ed è lo stesso con Broadway: non posso andare a teatro. C'è qualcuno davanti a me e non riesco a vedere il palco né a sentire lo spettacolo.

Mi sto davvero godendo IMAX man mano che invecchio. Entri e puoi sederti dietro e alzare lo sguardo. Con gli spettacoli regolari, ho scoperto che il pubblico è molto più chiassoso di prima. Ma forse sarà sempre come negli anni Cinquanta, quando urlavamo davanti allo schermo.

Per me è molto importante sostenere i film mentre escono sul grande schermo. “Sto solo aspettando un po'.”

Con la pandemia che spinge molti ad aggiornare i propri schermi domestici, le sale cinematografiche ora si trovano ad affrontare la prospettiva che gran parte della popolazione che frequentava regolarmente rinuncerà completamente all'esperienza sul grande schermo e non sopporterà l'occasionale evento cinematografico come Barbenheimer. .

READ  L'Orchestra Sinfonica di Okanagan annuncia lo spettacolo dell'aurora boreale

I commenti di Scorsese arrivano come ha anche detto Rivista americana Questa settimana, le riprese del suo nuovo film su Gesù, anche se in un ambiente moderno, inizieranno ad aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *