Rino Gattuso e i Rangers storia d’amore che non finisce mai con il ritorno della leggenda del Milan Ibrox

Se Rino Gattuso sarà nominato allenatore dei Rangers, sarà suo padre che il fedele Ibrox dovrebbe ringraziare.

È stato rivelato in esclusiva record sportivo L’icona italiana sarà interessata a sostituire Steven Gerrard, dopo essersi pavoneggiato al Govan all’inizio della sua carriera.

Sarebbe un ritorno emotivo che Gattuso aveva sempre desiderato, ma è stata solo una conversazione con il padre a convincere l’italiano a trasferirsi in primis.

Come ha spiegato l’uomo stesso, a diciannove anni non era così ansioso di lasciare la soleggiata Umbria per Glasgow fino a quando non è intervenuto suo padre falegname.

“Non volevo andare dai Rangers, ma ho parlato con mio padre e mi ha detto: ‘Scusa, quanto ti pagheranno'”, ha spiegato Gattuso.

“Gli ho detto ‘Due miliardi di lire per quattro stagioni, papà, ma non ci vado.'”

Si alzò dalla sedia, mi mise una mano sulla spalla e la strinse.

Poi disse: non guadagnerò 500 milioni nella mia vita. Vai lì o ti do una spintarella.

Potrebbe aver trascorso poco più di un anno ai Rangers, ma il suo tempo in Scozia – dove ha incontrato sua moglie – ha scatenato una storia d’amore che durerà tutta la vita e che da allora Gattuso ha elogiato.

Il centrocampista attribuisce il suo tempo a Light Blue per averlo aiutato a diventare il giocatore che era, vincendo la Coppa del Mondo, la Champions League e la Serie A.

Gattuso ha dichiarato a FourFourTwo: “Ho ottimi ricordi della mia stagione con i Rangers. Amo ancora quel periodo.

“Glasgow è stato il luogo in cui ho iniziato a pensare come un calciatore professionista.

READ  Il CEO di Alpine Luca de Meo esclude il progetto Hypercar

Renault Gattuso vs Rangers

“Quando giocavo nel Perugia pensavo in fondo che mi mancasse la forza mentale per uscire e giocare senza paura di sbagliare. Mi tremavano le gambe, le mie sensazioni sarebbero migliorate. Ma quando sono arrivato in Scozia era tutto completamente diverso .”

In realtà, non ha mai voluto andarsene ma si è sentito costretto da Dick Advocaat che lo ha utilizzato come terzino destro.

Gattuso ha causato un piccolo clamore in Italia quando, all’età di 28 anni e sotto contratto con il Milan, ha annunciato la sua intenzione di tornare a Ibrox da giocatore.

Ha detto: “Ho dovuto lasciare Glasgow come un ladro nella notte. Devo tornare, non so quando, ma so che accadrà. È una promessa che ho fatto a me stesso ea David Murray”.

“Non tornerò in Scozia per ritirarmi. Non tornerò a 35 o 36 anni. Ci andrò quando avrò ancora qualcosa da offrire”.

Rangers contro Celtic

Il centrocampista era in trattative per un ritorno nel 2012, anche se i Rangers erano in quarta divisione, ma alla fine è stato bloccato all’FC Sion.

Tre anni dopo è tornato a Ibrox per una partita in onore di Fernando Ricksen, e ha chiarito il suo desiderio di gestire la squadra.

Gattuso ha insistito: “Il mio sogno è forse un giorno avere l’opportunità di lavorare per questo club.

“Ho ancora molti ricordi qui e ovviamente sarei interessato.

Rino Gattuso in azione per i Rangers Select

“Ho smesso di giocare due anni fa, il mio lavoro ora è diventare allenatore.

“I Rangers sono ancora un grande club con una storia gloriosa alle spalle. Per me sarebbe un onore”.

READ  Il giovane Alcaraz spagnolo in semifinale a Vienna, Sener attende la finale ATP

Parlando dopo il suo momento difficile con l’OFI, Creta Gattuso ha ribadito: “Mia moglie è di Glasgow, ma il vero motivo per cui ho voluto allenare i Rangers è perché sono un club vicino al mio cuore e una grande squadra, con una storia importante.

“Ho avuto un’esperienza straordinaria con i Rangers ed è naturale che sarei interessato a questo lavoro”.

Poi ovviamente c’è la relazione con Walter Smith, la cui morte colpirà gravemente l’italiano.

Ha detto della leggenda dei Rangers: “Era come un secondo padre per me.

“Mi ha dato l’opportunità di giocare in una grande squadra ed è per questo che sarà sempre nel mio cuore. Ho imparato molto da lui”.

Questo era prima della triste morte di Smith, e l’appassionato italiano avrebbe sicuramente visto uscire di nuovo a Ibrox come un tributo appropriato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *