Recensione film – Made in Italy (2020)

Fatto in Italia, 2020.

Diretto da James Darcy.
Con Liam Neeson, Michelle Richardson, Valeria Belliello, Lindsay Duncan e Yolanda Keitel.

Conclusione:

Nel bel mezzo di un divorzio, un uomo decide di ristrutturare e vendere la villa italiana che possiede con suo padre.

Made in Italy 600x338

Ci sono poche cose meno eccitanti di un film su persone molto speciali che fingono di avere problemi. Fortunatamente, nonostante il suo aspetto caldo e le decorazioni sul balcone, Fatto in Italia Questo non è un film. Debutto del regista veterano James Darcy, è uno studio intimo e spesso spensierato, con i piedi per terra, anche se ci sembra di averlo visto così tante volte prima.

Tuttavia, ottiene una spinta grazie a una trasmissione intelligente. Al centro della storia c’è il duo padre-figlio, con Liam Neeson al fianco del figlio della vita reale, Michel Richardson. Quest’ultimo interpreta Jack, che vuole raccogliere fondi per acquistare una galleria d’arte dove lavora dal padre della donna di cui è divorziato. Per trovare i soldi, Jack si avvicina a padre Robert con l’idea di vendere la villa italiana sempre più fatiscente che possiedono. Tuttavia, l’edificio è pieno di ricordi angosciosi quanto polvere e monumenti, sollevando tensioni e ricordi che circondano la tragica morte anni prima della morte della moglie di Robert, la madre di Jack.

Made in Italy Liam Neeson Lindsay Duncan 600x338 C’è chiaramente una dimensione aggiuntiva nel processo di recitazione qui data la morte accidentale di Natasha Richardson – moglie di Neeson e madre di Michelle – in un incidente sugli sci nel 2009. C’è una vera tristezza al centro di questi spettacoli, con sentimenti sinceri che filtrano attraverso il film. espediente. Padre e figlio si divertono con la chimica sullo schermo, sia che si guardino l’un l’altro in modo comico – Neeson riempie il silenzio chiedendo quale “manga hentai” non dovresti Google al lavoro – o condividendo le loro preoccupazioni interiori.

Ciò non significa, tuttavia, che questo sia un modello per i legami genitore-figlio. Quando incontriamo questi due, subiscono una sorta di rottura spinosa, con il dolore del loro dolore non riconosciuto in modo credibile dato il rifiuto a lungo documentato degli uomini di affrontare la vulnerabilità emotiva. Nonostante questo, il film, scritto anche da Darcy, si sente intrappolato nei limiti di una visione delicata in una domenica pomeriggio, e quindi non sperimenta mai la ruvidità e l’oscura emozione in agguato sotto la sua superficie.

Made in Italy 2 paia - 600x338 L’approccio è così serio e leggero che ottiene la sua strada. La performance di Neeson è stata sensibile e ben notata in un modo che mi ha ricordato il suo ruolo simile nella performance oltraggiosamente superiore Amore ordinario, Ma a questo scenario mancano i denti di quell’elegante dramma locale. D’Arcy è anche nel cast di una romantica trama secondaria tra il personaggio di Richardson e la proprietaria di un ristorante italiano Natalia (Valeria Bellello) che non sembra reale e sembra una distrazione. Lo stesso vale per il nervosismo tra Neeson e il loro agente immobiliare, interpretato dall’autorevole Lindsay Duncan.

infine, Fatto in Italia Sono semplicemente troppo innocui per essere affrontati completamente. Quando dovrebbe essere per una giocoleria emotiva, ci vuole un passo indietro verso un terreno più sicuro e tradizionale. Quella che sarebbe stata una cosa indimenticabile e potente è invece solo un rilassante dramma comico con una manciata di deboli risate e occasionali lampi di verità vera ed emotiva. Per molti spettatori, sarebbe esattamente quello che volevano che fosse – un indulgente film della domenica pomeriggio da godersi con una tazza e un biscotto al bourbon – ma avrebbe potuto essere qualcosa di un po ‘più speciale.

Mito tremolante della valutazione – Film: ★★★ / Film: ★★

Tom Beasley è un giornalista cinematografico freelance e appassionato di wrestling. seguitelo Su Twitter tramite TomJBeasley Per recensioni di film, wrestling e giochi di parole.

READ  Sette chilometri di ostacoli e una palestra per prove veloci: come Corona segna l'inizio di uno scialpinismo in Münstertal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *