Rainer Bodens: “I politici classificano l’opera come intrattenimento e supplemento”.

  • Klaus Jürgen Goepfert

    a partire dalKlaus Jürgen Goepfert

    Vicino

Rainer Bodens, presidente dell’Opera da camera di Francoforte, alla prima ancora una volta rinviata e le esigenze dei cantanti nella pandemia.

Signor Bodens, volevi davvero diventare una pop star.

Sì. Questo era vero fino a quando non sono diventato un operaio di guardaroba all’Opera di Francoforte. Avevo 15 anni. Durante questo periodo ho visto il mio primo spettacolo, era un’opera barocca. Hai letteralmente colpito l’opera. Da allora, ho assistito a innumerevoli esibizioni, dal palco laterale, ho assistito alle prove di Hans Neinfels, Boohumel Hirlichka, Andras Frixay, Werner Schröter e altri. Sono stato stregato. L’opera è diventata la mia casa.

Non volevano solo guardare.

Pochi anni dopo, ha presentato domanda per due dei più importanti registi d’opera tedeschi come assistente alla regia, Siegfried Schoenbaum e Giancarlo del Monaco. Nel frattempo, ha iniziato a formarsi come ballerina presso il Conservatorio Hoch di Francoforte. Alla fine Schönbaum mi ha assunto come assistente alla regia all’Opera di Friburgo per “Salome”. Schönboom è stato un vero creatore dell’opera, e da essa si è imparato a decostruire l’intera opera da un punto di vista musicale e drammatico. Ho lavorato con lui per tre anni come assistente alla regia a Essen e Friburgo e ho imparato la mia professione.

Ma alla fine, ha deciso di rifiutare i grandi ruoli d’opera. perché?

Il ruolo dell’opera mi è sembrato come una fabbrica in cui si è perso così tanto contenuto dell’opera. Mi mancava il rapporto intenso e profondo con i pezzi e gran parte del silenzio era silenzioso. Schoenboom era l’assistente preferito dell’importante regista Walter Felsenstein, famoso per la sua vasta formazione. Felsenstein si è allenato una volta per otto mesi con il “Don Giovanni”. Ma questo non esiste più. Teatri d’opera come catena di montaggio prodotta.

READ  Cosa arriverà su Amazon Prime Video in Canada: marzo 2021

Negli anni ’70 scoppiò una rivoluzione contro le strutture intarsiate dei teatri d’opera e io fui parte di questo risveglio.

In effetti, ho sempre odiato la gerarchia nei teatri d’opera. Lo stile di gestione dei teatri dell’opera della città era e rimane per lo più autoritario. Poi nel 1982 ha fondato la Frankfurt Chamber Opera con un gruppo di artisti. Non volevamo più gerarchie. Da allora abbiamo organizzato circa 130 opere e molte opere italiane, tedesche e francesi per Rossini, Donizetti, Bergolese, Mozart, Hayden, Handel, Verdi, oltre a Paulink e Jacques Offenbach. Abbiamo organizzato anteprime tedesche per Donizetti e Rossini e abbiamo lavorato anche in Italia o abbiamo organizzato opere moderne di Hans Werner Heinz, Gleb Seidelnikov, Igor Stravinsky e molti spettacoli in prima mondiale di Andrea Cavallari. Volevo rendere l’opera accessibile a tutti, non solo alla borghesia rappresentata. Affermo: ha funzionato perfettamente.

C’erano finanziamenti pubblici per l’Opera Chamber?

Helmar Hoffmann, allora capo del dipartimento culturale di Francoforte, ci ha dato 5.000 marchi per la sua prima produzione d’opera. Oggi riceviamo sovvenzioni dalla città, dallo stato e da varie istituzioni.

La tua prossima produzione, che dovrebbe essere proiettata a Francoforte il 7 novembre, è un’opera singola intitolata “The Title – A Journey to Davos”. Il primo sintomo è ormai vittima del prossimo blocco dovuto all’epidemia di Corona.

È una prima mondiale, testo e musica del giovane pianista e compositore Stanislav Rosenberg. L’attenzione si concentra su un banchiere in erba assetato di potere in viaggio per il Vertice economico mondiale di Davos. Il fatto che non possiamo suonare in questo momento lascia tutti nel vuoto e un’enorme frustrazione. Tutta la tensione che abbiamo costruito prima che la premiere crolli. Si sente anche sottovalutato. I politici classificano l’opera come intrattenimento, supplemento e hobby. È irrispettoso e osceno.

READ  Ragazzo tifo per la maglia del Djiko Roma - successo sui social - Südtirol news

cosa intendi?

Sfortunatamente, questa è una tendenza in crescita nel campo dell’opera. Oggi, nei teatri d’opera sono importanti voci, ensemble e costumi bellissimi. Non si tratta del pezzo in sé e della sua dichiarazione in dettaglio. Il numero di spettacoli è raddoppiato dagli anni ’70. I teatri d’opera sono diventati scaldacqua istantanei.

Cosa deve cambiare?

Nel caso dell’opera, bisogna guardare meno al valore di mercato della produzione che al contenuto. L’opera non riguarda solo la bellezza dei suoni. Purtroppo manca anche una conoscenza divergente dell’opera nella sua più piccola componente.

Cosa stanno facendo i tuoi cantanti ora nell’epidemia di Corona?

Stai cercando di ottenerlo in qualche modo. Mughniyah organizza feste all’aperto per case di anziani. L’abbiamo fatto come un’opera in sala durante il primo spegnimento. Ma ovviamente non puoi vivere su questa base. Il problema è che nessuno in Germania si preoccupa davvero degli artisti indipendenti. C’è una mancanza di sostegno finanziario per la scena indipendente, sebbene abbia prodotto un teatro e un palcoscenico impressionante e impressionante negli ultimi tre decenni. Ci sono così tanti cantanti e musicisti in Germania senza impegno costante e ora sono soli sotto la pioggia.

Da dove viene il disprezzo per la politica?

Nell’epidemia di Corona tutto si riunisce, la politica è tutto “intrattenimento”. E nell’industria dell’intrattenimento, l’opera è chiaramente meno del calcio, per esempio. Si è frainteso che l’opera sia un’arte essenziale. Oprah trasmette l’umanità ei suoi valori, ed è più importante che mai nella situazione sociale odierna.

Intervista: Klaus Jürgen Jopfert

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *