Questo cranio di 5.300 anni mostra le prove del primo intervento chirurgico all’orecchio conosciuto

Vista laterale di un teschio trovato nel sito di El Pendón in Spagna, che mostra i segni della forma primitiva di chirurgia dell'orecchio.
Ingrandisci / Vista laterale di un teschio trovato nel sito di El Pendón in Spagna, che mostra i segni della forma primitiva di chirurgia dell’orecchio.

ÑFotografos Studio di Fotografia

Gli archeologi hanno scoperto un cranio di 5.300 anni da un cimitero spagnolo e hanno stabilito che sette segni recisi vicino al condotto uditivo sinistro sono una forte evidenza di una procedura chirurgica primitiva per il trattamento dell’otite media. Questo rende questo il primo esempio noto di chirurgia dell’orecchio fino ad oggi, secondo gli autori di A ultimo foglio Pubblicato in Rapporti scientifici. Il team spagnolo ha anche identificato una lama di selce che potrebbe essere stata utilizzata come strumento da stiro.

Il sito di scavo del Dolmen di El Pendón a Burgos, in Spagna, è costituito dai resti di un monumento scavato nella roccia risalente al IV secolo a.C., ovvero il tardo Neolitico. Le rovine includono un tempio in osso che ospita le ossa di quasi 100 persone e gli archeologi hanno scavato questi resti dal 2016.

Nel luglio 2018, il team ha recuperato il teschio oggetto di questo ultimo studio. Il cranio giaceva sul lato destro, di fronte all’ingresso della camera funeraria, e sebbene la maggior parte del cranio fosse intatta, non erano rimasti denti. I denti mancanti, combinati con una perdita di densità ossea e una cartilagine tiroidea completamente ossificata, indicano che si trattava del cranio di una donna anziana di 65 anni o più.

Il cranio è stato scavato nel sito di El Pendón a Renço, Burgos, in Spagna nel 2018.
Ingrandisci / Il cranio è stato scavato nel sito di El Pendón a Renço, Burgos, in Spagna nel 2018.

Diaz Navarro et al., 2022

Prove di fori sono state trovate su entrambi i lati del cranio vicino alle ossa mastoidi (situate appena dietro l’orecchio). Gli autori hanno suggerito che queste perforazioni fossero il risultato di due interventi chirurgici, uno su ciascun orecchio, da parte di una persona con conoscenze anatomiche rudimentali. C’era più rimodellamento osseo nell’orecchio destro, suggerendo che il primo intervento chirurgico è stato eseguito per trattare quella che era probabilmente una condizione pericolosa per la vita, dati i rischi associati a tale procedura durante questo periodo.

READ  La misteriosa stella sopravvive all'esplosione di una supernova termonucleare

La donna è sopravvissuta alla prima procedura e ha subito un secondo intervento chirurgico all’orecchio sinistro qualche tempo dopo. Gli autori non sono stati in grado di determinare se le procedure fossero eseguite in sequenza o se fossero trascorsi mesi o addirittura anni. Indipendentemente da ciò, “è quindi la più antica prova documentata di chirurgia su entrambe le ossa temporali, e quindi, probabilmente, la prima prova conosciuta Mastoidectomia radicale nella storia umana”.

Questa era una procedura chirurgica abbastanza comune per il trattamento delle infezioni acute dell’orecchio nel XVII secolo, secondo gli autori, e crani che mostrano prove di mastoidectomia sono stati trovati in Croazia (XI secolo), Italia (XVIII-XIX secolo) e Copenaghen (XIX secolo ). o all’inizio del XX secolo). Probabilmente il tipo più antico di chirurgia cranica è la chirurgia cranica fare levaPerforazione di testata – ben documentata lungo la penisola iberica. Cinque crani recuperati da un sito vicino al Dolmen di El Pendón hanno mostrato segni di trapanazione e sembra che gli individui siano sopravvissuti a queste procedure, nonostante la mancanza di antibiotici e l’alto rischio di complicanze.

Una serie di segni di taglio specifici sull'osso temporale sinistro del cranio.  Riquadri: immagini ingrandite di segni di taglio nell'orecchio sinistro, accanto alla mastoide.
Ingrandisci / Una serie di segni di taglio specifici sull’osso temporale sinistro del cranio. Riquadri: immagini ingrandite di segni di taglio nell’orecchio sinistro, accanto alla mastoide.

Diaz Navarro et al., 2022

Qual è la situazione che potrebbe aver indotto un simile intervento? Gli autori esclusi a colesteatomaUna lesione all’osso temporale può causare perdita dell’udito, vertigini e altre complicazioni, sebbene questa sia una delle malattie più ben documentate negli studi patologici sui crani antichi. Ma il colesteatoma tendeva a erodere la parete ossea (lo scudo) che separava il condotto uditivo dal mastoide e lo scudo era intatto su entrambi i lati del cranio della donna. Gli autori hanno anche escluso la presenza di un osteosarcoma o Otite esterna maligna (un’infezione a rapida diffusione del condotto uditivo e dell’osso temporale).

READ  La NASA condivide una foto sbalorditiva del cratere di Marte, Internet dice che "sembra un impatto alieno"

Gli autori hanno concluso che il caso più probabile era otite media acutanota anche come infezione dell’orecchio medio, che si è diffusa alle ossa sottostanti, in particolare all’osso mastoide (mastoidite). La condizione era facile da diagnosticare, poiché l’infezione provoca gonfiore e arrossamento visibili con accumulo di liquido e muco all’interno dell’orecchio. Se l’infezione dell’orecchio medio si diffonde all’osso mastoideo, anche la struttura a nido d’ape dell’osso si riempirà di liquido e muco. Se non trattata, può portare a perdita dell’udito e possibilmente meningite. La mastoidite dovuta a un’infezione dell’orecchio medio era una delle principali cause di morte nei bambini prima che gli antibiotici fossero ampiamente disponibili (fortunatamente una condizione rara oggi).

La mastoidectomia moderna comporta la rimozione delle cellule negli spazi cavi e pieni d’aria dell’osso mastoideo. In una mastoidectomia radicale, il chirurgo esegue prima un taglio dietro l’orecchio e quindi utilizza un trapano per osso per aprire l’accesso alla cavità dell’orecchio medio. Quindi il chirurgo rimuove l’osso infetto o il tessuto mastoideo, sutura la ferita e fascia la ferita. Secondo gli autori, un chirurgo dell’orecchio del tardo Neolitico aveva seguito una procedura simile (anche se più eclatante), rimuovendo l’osso colpito per drenare l’orecchio medio e quindi attaccando l’osso mastoide all’osso mastoideo. cavità timpanica intorno all’osso dell’orecchio interno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.