Quartararo, capitano del torneo MotoGP: ‘Mentalmente più forte, meno lamentoso’

Quartararo, capitano del torneo MotoGP: ‘Mentalmente più forte, meno lamentoso’

Quartararo si è praticamente dimostrato più veloce, ma Rins ha cercato di annullare questo distacco con un po ‘di coraggio.

“La Yamaha ha fatto un grande passo dall’anno scorso”, ha detto Quartaro, il comodo capitano del campionato dopo tre gare, come lo scorso anno. Inoltre, ho imparato molto. L’anno scorso, quando la moto non andava bene, mi sentivo sempre negativo. Ora è completamente cambiato, pensando sempre positivo. Sono arrivato qui sapendo che la moto sta andando bene, e anche se alcune cose non funzionano Beh, ho pensato solo a ciò che funziona bene.

“Determinare il ritmo che abbiamo impostato oggi non è stato facile ma ero concentrato e dopo l’allenamento abbiamo analizzato bene i tempi e sapevamo di essere un po ‘più veloci. A metà gara stavo spingendo forte e ho capito che per noi andava bene, ma ho pensato che potesse sbagliare. Non so quante curve dietro – 0,2, 0,3, 0,3 – ma io volevo scappare e alla fine, anche se questo non era il nostro obiettivo, ha sbagliato lui “.

Quartararo ha concluso la sua conversazione post-gara dicendo che il 70% del successo nel ciclismo è una mentalità. Mick Dohan ha detto che la percentuale era del 90%, quindi il giovane potrebbe avere ancora molto da fare.

I quattro inclusi avevano tutto a modo suo sulle curve fluide di Portimao, ma sarebbe stato diverso se Bagnaia non si fosse dovuto allontanare dalla sfortunata quarta fila della griglia, condivisa con Oliveira e Vinales.

Bagnaia – che sembra più un diligente studente universitario che una star della MotoGP – ha finalmente raggiunto la maggiore età. Ha mostrato una velocità eccezionale nelle prime fasi della scorsa stagione, grazie alla sua incredibile velocità in curva, ma poi ha iniziato a perdere il comando e cadere, quindi la sua fiducia è svanita. La Ducati sapeva cosa stava facendo e gli ha chiesto di lavorarci sopra durante l’inverno.

READ  DAZN è stata posizionata come emittente esclusiva della Serie B

Il suo problema era che non stava lavorando abbastanza duramente per la gomma anteriore dal momento in cui ha lasciato la corsia dei box nelle prove e nelle qualifiche e dal momento in cui le luci si sono spente domenica. Era molto diffidente nei confronti del pneumatico quando faceva freddo, quindi non ha spinto abbastanza forte, abbastanza presto da riscaldarlo, quindi ha fracassato perché non era abbastanza caldo.

Mir Alex guida Espargaro mentre insegue i leader

Suzuki

È stato un grande atto di fede cambiare quella mentalità, ma lo ha fatto, poiché lo scorso inverno ha lavorato con i colleghi della VR46 a bordo di dirt tracker, scooter e YZF-R6. Ora installa il telaio anteriore dalla prima curva – il che è difficile ma vitale – e questo ha fatto un’enorme differenza nella sua capacità di combattimento durante gli importanti giri iniziali.

Anche Bagnaia quest’anno utilizza un forcellone diverso. È un articolo per il 2020 ma non l’ha mai provato l’anno scorso perché era così disordinato che non si è nemmeno sopraffatto provando nuovi pezzi. Invece aveva bisogno di concentrarsi su se stesso, proprio come Quartararo. Questo forcellone dà una sensazione migliore, quindi riceve più informazioni dalla gomma posteriore, in modo che possa sentire la corsa più facilmente e prendersi più cura della gomma.

Ovviamente anche 300 CV non fanno male. Il rettilineo di Portimao è più corto di Losail ma comunque abbastanza lungo da consentire alla Ducati di superare qualsiasi Suzuki o Yamaha che potrebbe trovare sul suo cammino. Questo è uno dei motivi per cui Ducati pone molta enfasi sui cavalli, perché se il fantino può superare i concorrenti di fila, deve correre meno rischi in curva e può prendersi più cura delle sue gomme.

Tuttavia, Bagnaya non ha fatto tutti i suoi passaggi con l’acceleratore.

“Ho fatto delle trasgressioni in alcune curve dove pensavo sarebbe stata dura”, ha detto il 24enne italiano. “Ma ieri abbiamo perso la possibilità di lottare per la vittoria. Il nostro limite massimo era il secondo e l’abbiamo raggiunto, quindi siamo contenti”.

Jerez sarà un grande test per la Ducati. La Desmosedici ha sempre lottato lì, quindi se avesse potuto fare quello che ha fatto lei a Losail e Portimao, Bolognese potrebbe aver trovato qualcosa con la GP21.

Joan Mir è riuscito a salire sul podio per la prima volta da campione del mondo e ha cacciato l’incubo di Portimao 2020 quando si è qualificato al 20 ° posto e si è ritirato dalla gara mentre era al 19 ° posto. Questi problemi – il problema del motore in pratica e i problemi di impostazione dell’elettronica del fine settimana – sono ora molto indietro.

Certo, se Johan Zarco non avesse centrato sei giri dalla fine, la Ducati sarebbe salita sul podio e nemmeno la Suzuki. Zarco ha mancato l’uscita dalla nona curva a sinistra dell’alta velocità, che si dirige oltre lo scollinamento verso la svolta a destra a velocità inferiore. Si è spostato sulla prima invece della seconda, che ovviamente ha aumentato il freno motore, rendendo instabile la poppa, aumentando il carico sull’anteriore. Zarco potrebbe aver perso il primo posto ma ancora una volta ha dimostrato la sua classe.

Le montagne russe di Portimao sono decisamente spietate: la sua natura volubile rende incredibilmente complicato trovare il giusto bilanciamento della macchina, quindi è necessario fare importanti compromessi nel setup, lasciando che sia il pilota a fare la differenza. Nel corso dei tre giorni, la pista ha fatto quasi il doppio delle vittime della gara precedente a Lusail, con più del doppio delle cadute in MotoGP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *