Prema ottiene la prima vittoria, LMP3 e GTE decidono all’ultimo giro – Sportscar365

Foto: MBS

Il Prima Team Lorenzo Colombo, Ferdinand Habsburg e Louis Deletraz hanno vinto la 4 Ore di Le Castellet in una gara in cui le classi LMP3 e GTE sono state decise negli scontri dell’ultimo round.

Dopo essere partito al terzo posto, l’Oreca 07 Gibson al 9° posto del team è salito al secondo posto dietro a TDS Racing quando l’Oreca n. 22 di United Autosports guidata da Phil Hanson ha avuto un problema alla ruota anteriore sinistra durante la prima sosta dell’auto.

Poi gli Asburgo hanno afferrato l’auto da Colombo alle 14:00 durante un pit stop durante un giro completo giallo al rallentatore n. 55 Spirit of Race Ferrari 488 GTE Evo di Duncan Cameron.

Con Philippe Cimadomou, testa di serie in bronzo, alla guida del TDS, gli Asburgo sono stati in grado di mantenere il comando per tutta una corsa senza problemi, consegnando Deletraz a poco più di un’ora dalla fine della gara.

Il pilota svizzero ha portato la vettura al traguardo, regalando alla scuderia italiana la prima vittoria nelle gare di auto sportive.

Dietro di loro, Algarve Pro Racing ha ottenuto un podio sorprendente con un equipaggio di due piloti di Sophia Floersch e Bent Viscaal.

Florsch e Fiscal hanno iniziato la corsa verso il limite della top ten in gara n. 19 Oreca 07 Gibson, ma sono saliti sul podio con calma nell’ultima ora di gara.

La squadra ha quindi scommesso su una strategia di carburante fuori sequenza, con Florsch che ha consegnato a Viscaal a 48 minuti dalla fine.

Anche se la squadra non è riuscita ad arrivare al traguardo con un altro incarico, la squadra di Stewart Cox ha guidato per uno splash è uscita in testa alla gara con circa quindici minuti dalla fine del cronometro.

READ  L'Everton intervista l'ex capitano dell'Italia Fabio Cannavaro per il suo ruolo di allenatore vacante

Ciò ha permesso a Fiscal di uscire dai box al secondo posto assoluto, davanti al numero 65 Banes Racing Orica con il connazionale Job van Uetert al volante.

L’esordio di Fiscal è riuscito a mantenere in svantaggio il suo olandese, con Van Uetert, Julian Canal e Nicholas Gammen che hanno portato a casa il terzo posto.

Paul Lafarge, Paul Loeb Schaten e Patrick Pelette sono arrivati ​​quarti in IDEC Sport, davanti al numero 37 della Cool Racing Oreca di Yifei Ye, Niklas Croten e Nicolas Lapierre.

Lapierre ha ottenuto il quinto posto in pole position grazie a un sorpasso in ritardo sul Team Race #34 Turkey Orica di Salih Yuluk, Charlie Eastwood e Jack Aitken, che hanno concluso sesto e vinto il titolo LMP2 Pro/Am.

Nel frattempo, Maurice Smith, Michael Benham e Malthe Jacobsen hanno vinto la classe LMP3 dalla pole position in Cool Racing grazie a un sorpasso all’ultimo giro di Jacobsen.

La Nissan n. 17 Legger GSP 320 di Jakobsen ha battuto la n. 13 Liger al volante di Nico Pino nell’ultimo giro della gara di quattro ore, ottenendo quella che sembrava una vittoria sicura per la squadra battente bandiera polacca.

Charles Cruz, che condivide l’auto con Pino e Guilherme Oliveira, sembra aver gettato le basi per la vittoria quando ha battuto Smith negli scambi di apertura della gara e si è allontanato.

L’Inter Europol ha perso brevemente il comando a sole tre in punto quando Billy Voisin ha preso il secondo posto per gli sport motoristici a Liger, solo per Oliveira che ha stabilito il record di giri più tardi.

Anche l’ultima tappa più breve della squadra anglo-americana non è riuscita a respingere la 13a testa di serie Leger e sembrava vincere il portafoglio dell’Inter Europol quando Jacobsen ha colmato il divario in modo rapido.

READ  Barcellona partecipa allo spettacolo di Erling Haaland - Discussion Paper | Notizie dal Centro Trasporti

Il giovane danese, dopo aver vinto la classe LMP3 alla Mobil1 Twelve Hours di Sebring, ha superato Benno conquistando la vittoria nell’ultimo giro di gara.

Voisin, Josh Caygill e Finn Gehrsitz hanno completato il podio davanti a RLR MSport ed Eurointernational.

Nella GTE, Rinaldi Racing ha ottenuto una dura vittoria di classe, fermando la competizione Proton in uno sprint al traguardo per prendere la pole position.

Il numero 32 della Ferrari Memo Gidley, Pierre Ehret e Nicolas Varrone hanno condotto il campo nel green, ma Ehret è stato superato dalla Ferrari numero 83 Iron Lynx guidata da Sarah Bovey nei round di apertura della gara.

Gidley riguadagnerà il comando durante un giro di soste sotto il giallo, ma la squadra indietreggerà in qualche modo mentre le altre squadre faranno salire in macchina i loro piloti più veloci.

Tuttavia, Varrone era in una posizione privilegiata per ereditare il comando quando la Ferrari #60 di Iron Lynx è uscita dal comando verso la fine della gara per affidare a Davide Rigon la responsabilità di Matteo Cressoni.

L’argentino è stato tutt’altro che una corsa facile fino al traguardo, essendo stato rintracciato da una Porsche 911 RSR-19 n. 77 guidata dal pilota ufficiale Porsche Gianmaria Bruni.

Bruni ha messo molta pressione su Varon ma Rinaldi Ferrari ha tenuto duro mentre le due vetture hanno tagliato il traguardo fianco a fianco.

Solo 0,120 secondi separano Ferrari e Porsche, che era guidata da Lorenzo Ferrari e Christian Reed.

La seconda vettura di Proton, la #93 guidata da Michael Fassbender, Zach Robichon e Richard Leitz, ha completato il podio.

READ  MICHAEL ANTONIO: L'allenatore del West Ham David Moyes spera che l'attaccante possa superare i 20 o 30 gol di Paulo Di Canio.

Risultati: 4 ore da Le Castellet



Devi Iwima È un reporter di Sportscar365 con sede nei Paesi Bassi, che copre il FIA World Endurance Championship, il DTM, il Fanatec GT World Challenge Europe supportato da AWS e l’IMSA WeatherTech SportsCar Championship, tra le altre serie.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.