Potenziale della ketamina per alleviare la depressione postpartum

Potenziale della ketamina per alleviare la depressione postpartum

Il potenziale della ketamina per alleviare la depressione postpartum Credito immagine: ©grooveriderz – ©grooveriderz – Stock.adobe.com.

Secondo un poster apparso al meeting clinico annuale della Society of Obstetricians and Gynecologists del 2023, tenutosi a Chicago, Illinois, è stato studiato il potenziale uso della ketamina come anestetico durante il travaglio e il suo potenziale ruolo nell’alleviare la depressione postpartum (PPD).

I sintomi della depressione postpartum (PPD) comprendono umore depresso, perdita di interesse per le attività, sonno disturbato, irritabilità e mancanza di energia. Il trattamento per la depressione postpartum, che ha una prevalenza mondiale del 14% (più alta nelle donne primipare che in quelle multipare), comprende varie forme di psicoterapia e antidepressivi, hanno scritto i ricercatori.

Secondo lo studio, la ketamina ha un duplice effetto sul cervello e agisce come un inibitore del recettore NMDA, “un attore chiave nella percezione del dolore nel cervello e nei percorsi di formazione della memoria, riducendo efficacemente la percezione del dolore”, hanno scritto gli autori. La ketamina amplifica anche i recettori AMPA, che sono parte integrante del potenziamento a lungo termine. Si ritiene che questo processo sia “essenziale per la plasticità neurale e la memoria a lungo termine”. L’interazione porta ai caratteristici effetti anestetici e dissociativi della ketamina.

Il poster includeva la presentazione di un caso, che metteva in evidenza una donna di 31 anni (Grivada 4 Para 4004) con una storia di depressione e asma. La femmina presentava agitazione psicomotoria e comportamento disorganizzato 30 giorni dopo il parto. Ha dato alla luce il suo quarto figlio con taglio cesareo, senza ketamina. Dopo il secondo e il terzo parto, in cui è stata utilizzata la ketamina, ha mostrato un adattamento postpartum positivo. Ha ottenuto un punteggio di 24 su 30 sulla scala della depressione postnatale di Edimburgo e le valutazioni diagnostiche di routine al momento del ricovero erano normali. La donna ha iniziato a prendere farmaci antidepressivi e ha notato un miglioramento entro due settimane dall’inizio del trattamento.

READ  Questo concetto di colonia marziana immagina come potrebbero essere le abitazioni sostenibili fuori dal pianeta

I suoi segni vitali e i risultati di laboratorio erano sempre entro i limiti normali durante il periodo prenatale, i suoi cicli prenatali non erano complicati e lei assumeva quotidianamente integratori multivitaminici, ferro e acido folico. Dei 4 parti, il secondo e il terzo sono stati complicati da sofferenza fetale e ipotensione. Questi parti sono stati gestiti con ketamina e non hanno provocato alcun sintomo depressivo. Al contrario, i sintomi della depressione postpartum sono comparsi dopo il primo e il quarto parto in cui rispettivamente non è stata utilizzata la ketamina.

La depressione cronica spesso condivide i sintomi con altri disturbi depressivi maggiori e il disturbo depressivo della personalità è comune e influente, compromettendo la capacità funzionale delle donne e incidendo negativamente sulla salute dei bambini. Di conseguenza, gli autori notano che le donne con depressione postpartum hanno meno probabilità di recarsi a visitare i bambini sani, di utilizzare dispositivi di sicurezza domestica e di essere completamente immunizzate.

La ketamina è emersa come potenziale alternativa agli antidepressivi convenzionali per il trattamento della depressione postpartum, grazie alle sue proprietà anestetiche e analgesiche e alle “potenziali proprietà antidepressive”. Gli autori notano che il potenziale ruolo della ketamina nella prevenzione della depressione postpartum non è stato adeguatamente studiato, sebbene esistano indicazioni promettenti e benefici documentati nel miglioramento dei sintomi della depressione postpartum.

I risultati di questo studio, “anche se preliminari e specifici per un singolo individuo, indicano la necessità di studi randomizzati e controllati per comprovare queste osservazioni”, hanno concluso i ricercatori.

riferimento:

McAllister V, Ramallo M, Benjamin C, Atalay R, Michael M. Esplorando l’efficacia della ketamina come anestetico e antidepressivo nella depressione postpartum: un’analisi di un caso di studio. Riunione clinica annuale della Società di ostetrici e ginecologi 2023. 9-13 settembre. Chicago, Illinois.

READ  Soffocata in una pensione in Ontario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *