Più di 10.000 persone sfollate a causa delle inondazioni in Italia sono tornate a casa

Più di 10.000 persone sfollate a causa delle inondazioni in Italia sono tornate a casa

Roma, 21 maggio (EFE). – Più di 10.000 persone sfollate nei giorni scorsi a causa delle inondazioni nella regione Emilia-Romagna del nord Italia hanno potuto fare ritorno alle loro case, mentre domenica sono proseguiti i lavori di pulizia e controllo delle frane.

L’ultimo rapporto stima il numero degli sfollati a 26mila, 10mila in meno rispetto al bilancio di sabato, anche se fino a lunedì è ancora in vigore in tutta la regione un “allarme rosso” per i rischi di frana, secondo l’ultimo bollettino ufficiale, che riporta i decessi. compiuto 14 anni.

Uno scavatore tenta di ricostruire un ponte sul fiume Celaro dopo che ha rotto una diga, distrutto una casa e allagato la città nel tentativo di impedire all’acqua di allagare la campagna circostante, a Lugo, Emilia-Romagna, Italia, 20 maggio 2023 EFE/EPA/BOVE-ZANI

La maggior parte degli sfollati proviene dalla provincia di Ravenna (19.500), la più colpita, mentre altri 4.918 sono di Forlì-Cesina e 1.906 di Bologna.

Più di 5.300 persone si trovano ancora al riparo in strutture della protezione civile, scuole e centri sportivi, mentre il resto ha trovato una sistemazione alternativa in seconde case o in casa di parenti o amici.

Mentre i residenti, i soccorritori e i volontari lavorano per pulire le strade e drenare l’acqua, le autorità temono frane dopo che questa settimana circa 20 fiumi della zona hanno rotto gli argini a causa della pioggia.

Frana nei pressi di Montrenzio che blocca l’accesso alla città, a Montrenzio, Emilia-Romagna, Italia, 20 maggio 2023. EFE/EPA/MAX CAVALLARI

Domenica, la Protezione Civile ha riferito che 43 comuni erano ancora allagati e circa 305 frane hanno interessato 54 villaggi.

Il disastro naturale, che secondo le autorità regionali costerà “miliardi di euro”, ha distrutto molte infrastrutture e domenica 622 strade sono rimaste chiuse.

READ  L'Argentina ha annunciato la partita di Finalissima contro l'Italia, tra cui Lionel Messi e Paulo Dybala

Il primo ministro Georgia Meloni ha lasciato in anticipo il vertice del G7 a Hiroshima e domenica ha visitato le aree colpite prima di convocare martedì un gabinetto straordinario per l’erogazione dei primi aiuti e delle agevolazioni fiscali.

Il rischio di ulteriori inondazioni rimane, poiché i funzionari monitorano da vicino il Po, il fiume più grande del paese, che scorre dalle Alpi attraverso il nord Italia fino al mare Adriatico, vicino alle aree attualmente in difficoltà. EFE

Persone lavorano per ripulire una strada piena d’acqua dopo le inondazioni che hanno colpito la regione Emilia-Romagna, a Faenza, Italia, 19 maggio 2023. EFE / EPA / FABRIZIO ZANI

GSM/KS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *