Pianeta WASP-121b: Iron Clouds, Titanium Rain e Wind Dwarfing Earth’s Jet (funzionalità del fine settimana)

Gli astronomi hanno appena completato con successo la prima misurazione dello spettro del lato notturno di un esopianeta nel sistema WASP-121 situato a 850 anni luce dalla Terra. La stella ospite è una nana gialla di 11 gradi, o stella di tipo G, simile al Sole, Alpha Centauri A, Tau Ceti e 51 Pegasi. L’esopianeta, WASP-121b, è un gigante gassoso super caldo, a forma di calcio, grande quasi il doppio di Giove, in orbita attorno alla sua stella ospite a pochi raggi stellari di distanza. “Eravamo molto entusiasti di avere una visione globale del ciclo dell’acqua su un esopianeta”, MIT Dylan Tansu Raccontare Galassia quotidiana A proposito delle loro nuove osservazioni del telescopio spaziale Hubble.

QuintoIl meraviglioso tango del giorno e della notte Marea chiusa estrema

I dati di Hubble hanno rivelato prove della sua atmosfera e del tempo infernali, con nubi minerali composte da ferro, ossido di titanio e titanio. In milioni di anni, le forze della pelle di WASP121-b della stella ospite faranno a pezzi la sua atmosfera. Fino ad allora, il pianeta continuerà il suo tango insolitamente violento giorno e notte.

Il WASP-121b gradualmente bloccato è il primo esopianeta trovato a contenere acqua nella stratosfera planetaria extrasolare, lo strato in cui le nuvole si condensano e diventano opache. WASP-121b completa una rivoluzione in soli 1,7 giorni, leggermente più lungo del giorno della Terra. Le intense forze gravitazionali dovute alla sua vicinanza alla stella ospite hanno creato la strana forma rettangolare degli esopianeti.

Fatti veloci sui pianeti esterni

L’elemento più sorprendente delle ultime scoperte sono i dettagli del clima del pianeta. Come le temperature scendono di notte e cambiano in tutta l’atmosfera. Il team ha osservato Giove caldo utilizzando il telescopio spaziale Hubble.

READ  Dichiarazione di lancio in scatola di SpaceX 2022 pronta a esplodere nel 2021 fuori dall'acqua

WASP-121b orbita molto vicino alla sua stella ospite, il che la rende estremamente calda. Dillo a Dylan Galassia quotidiana. “Ad esempio, questo provoca la disintegrazione delle molecole d’acqua sul lato diurno, per poi ricombinarsi sul lato notturno. Il contrasto di temperatura tra il lato diurno e quello notturno provoca anche forti venti in tutto il pianeta”.

è molto Giove caldo

“I gioviani caldi sono noti per i loro lati luminosi diurni, ma il lato notturno è una bestia diversa”, ha detto Tansu Dylan, un astrofisico e uno degli autori del documento. il lato.”

La fisica della temperatura drammaticamente diversa su entrambi i lati del pianeta crea un’atmosfera dinamica per l’atmosfera: durante il giorno, le molecole d’acqua vengono disintegrate dal calore di circa 5.000 gradi Fahrenheit e si gonfiano sul lato notturno del pianeta con 11.000 miglia di vento ogni ora. “Questi venti sono molto più veloci della nostra corrente a getto e probabilmente possono spostare le nuvole sull’intero pianeta in circa 20 ore”, ha detto Dylan.

Strana pioggia: una chiave per rilevare il clima sugli esopianeti

Sul lato notturno, gli atomi di idrogeno e ossigeno si combinano, solo per passare al lato giorno per dividersi nuovamente. È molto più volatile del ciclo dell’acqua sulla Terra dell’evaporazione, della condensazione e della pioggia, anche quando il nostro mondo è più violento.

Il lato notturno del pianeta è abbastanza freddo da poter aumentare le nuvole di metallo. Le temperature calde sul lato caldo del pianeta potrebbero far evaporare ferro, ossido e titanio, il che potrebbe causare la pioggia di metalli pesanti sul lato freddo mentre le nuvole di gas vagano. In precedenza, un altro Giove caldo – WASP 76b – mostrava segni di fenomeni simili.

READ  I Toronto Maple Leafs ci sono rimasti, battendo Connor Hellebuyck in una drammatica vittoria nell'OT

Facendo seguito alle recenti osservazioni di Hubble, il team ha riservato il tempo di osservazione sul telescopio spaziale Webb appena lanciato, che inizierà il lavoro scientifico questa estate. (Per ora, Webb è ancora in cantiere.) Vogliono mappare il monossido di carbonio del pianeta, che l’autore principale Thomas Mikal-Evans, un astrofisico del MIT, ha affermato che potrebbe aiutare i ricercatori a capire come si è formato Giove caldo.

“Esistenti da miliardi di anni”: gli esopianeti inghiottiti dal magma possono evolversi in atmosfere ricche di acqua

L’ultima parola

Tansu Dylan del Massachusetts Institute of Technology ha spiegato Galassia quotidianay Che… “Le misurazioni raccolte durante questo lavoro sono sensibili all’acqua. In sostanza misuriamo lo spettro del vicino infrarosso del pianeta da tutti gli angoli di visuale e poi “deduciamo” la composizione e la temperatura dell’atmosfera superiore. James Webb Space Telescope Noterai anche WASP-121b. Queste osservazioni amplieranno la copertura della lunghezza d’onda e consentiranno la verifica del contenuto di carbonio nell’atmosfera, che può rivelare dove si è formato il pianeta sul disco protoplanetario”.

Maxwell MoAstrofisico, Einstein Fellow della NASA, Università dell’Arizona via Tansu DylanE il natura E il Istituto di Tecnologia del Massachussetts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.