Paul Gascoigne ricorda il momento “spaventoso” di 8.000 fan travolti in vacanza in Italia

Paul Gascoigne ha pensato a un “momento spaventoso” al ritorno in Italia per una vacanza dopo il suo periodo con la Lazio – quando 8.000 tifosi si sono accalcati per vederlo dopo essere stato colpito dal vento che si trovava nella zona.

Il leggendario centrocampista è stato una celebrità durante i suoi tre anni a Roma e ha deciso di tornare in patria circa cinque anni dopo aver lasciato il club – dirigendosi in montagna per una vacanza tranquilla – ma il suo viaggio di relax si è presto trasformato in qualcosa di diverso. dopo aver colpito un ventilatore.

Parlando con BT Sport Per la loro serie What I Wore, Gascoigne ha ricordato di essere stato “disturbato” dai fan, ma ha elogiato i fan della Lazio per essere sempre stati dietro di lui durante il suo soggiorno nella capitale italiana e per avergli dato un’accoglienza adorabile quando ha firmato di nuovo dal Tottenham nel 1992.

Paul Gascoigne ricorda di essere stato aggredito da 8.000 fan in Italia mentre era in vacanza

Gascoigne è diventato un personaggio famoso nei tre anni trascorsi alla Lazio dal 1992 al 1995

Gascoigne è diventato un personaggio famoso nei tre anni trascorsi alla Lazio dal 1992 al 1995

Erano le 10.000 in aeroporto [when he first joined]Distruggere i nervi! ” Egli ha detto.

Ti abitui a cose del genere. I fan sono stati fantastici cantando il mio nome. ricordo di essere andato [to Italy] Una volta, ho lasciato il posto e sono tornato cinque anni dopo per una vacanza, e mi sono un po’ seccato. Sono andato in montagna.

“C’era un caffè, qualcuno che lo possedeva è entrato e ha detto: ‘Tu Gascoigne!’ Ho detto: “No, non lo sono”. Ho visto una mia foto dietro di lui e ho detto “Oh ****”. Lo vedo al telefono, poi 40 minuti dopo sono arrivate 8000 persone e ho dovuto chiamare i ragazzi della sicurezza, quindi è stato molto spaventoso.

READ  Daniel Ricciardo rivela che uno dei più accaniti concorrenti nello sport gli ha dato la convinzione di appartenere alla Formula 1

Il 54enne è diventato un nome familiare nel calcio dopo le sue esibizioni e la passione per il gioco ai Mondiali del 1990 in Italia con l’Inghilterra, ed è stato una firma di spicco della Serie A al suo arrivo.

Il mitico centrocampista in visita in montagna a cinque anni dall'abbandono della Lazio

Il mitico centrocampista in visita in montagna a cinque anni dall’abbandono della Lazio

Ha ammesso di essere stato educato da grandi stelle durante il suo periodo in Italia, specialmente contro il Milan

Ha ammesso di essere stato educato da grandi stelle durante il suo periodo in Italia, specialmente contro il Milan

Ma è rimasto profondamente scioccato quando ha affrontato alcuni dei migliori giocatori del sorteggio – tra cui Paolo Maldini, Franco Baresi e Marco van Basten quando ha affrontato il Milan, scherzando sul fatto che aveva “un tocco” in una partita mentre la Lazio veniva schiacciata.

Ha aggiunto: “Quando ho giocato contro il Milan, ho detto: ‘Va bene, dimostrerò loro quanto sono bravo’. Ma lo hanno fatto”. [Ruud] gola, [Franck] Rijkaard, Van Basten, Baresi, Maldini. Penso di aver ricevuto un tocco in 90 minuti! Distrutto 5-0. Era un fenomeno.

Inter, Juventus, lottate con noi. Ma il Milan ha fatto molta paura. Possono pulire tutto. I ricordi contro di loro erano molto buoni.

Ha giocato 47 partite in totale per la Lazio, segnando sei gol, prima di passare ai Rangers nel 1995.

‘Gazza’ ha creato un nuovo entusiasmante capitolo per se stesso a Glasgow, segnando 39 gol in 104 partite, e ha ancora un altro grande torneo giocando a Euro 1996, che è stato un campionato casalingo per l’Inghilterra.

Come ha notato Gascoigne,

Gascoigne ha anche parlato della “distruzione” dello scozzese Colin Hendry dopo averlo colpito in modo superbo per il suo superbo tiro a Euro 1996.

Per l’Inghilterra sarebbe finito tutto con un crepacuore – di nuovo ai rigori – ma Gascoigne è stato in grado di godersi un momento di brillantezza individuale nella fase a gironi quando il suo splendido gol contro la Scozia ha segnato una vittoria per 2-0 a Wembley.

Il colpo sarà sempre ricordato a causa della sua famosa celebrazione della “poltrona del dentista”, ma anche per come ha ingannato lo scozzese Colin Hendry mentre si infilava la palla sopra la sua testa prima di sparare in rete. Gascoigne ha detto che è ancora in contatto con Hendry mentre ricorda un incontro a Londra.

L’ho visto a Londra e mi ha detto: “Gazza, che ci fai a Londra, pensavo vivessi a Bournemouth?”

Ho detto: ‘Cosa fai a Londra? Pensavo di averti lasciato a Wembley?’ Ogni volta che lo vedo dice: Non parlarne Gaza. Ma sì, l’hai rovinato, povero ragazzo. L’ho appena distrutto.

L’ultimo episodio della serie “What I Wore” di Paul Gascoigne su BT Sport è ora disponibile per la visione sul canale YouTube di BT Sport. Per maggiori informazioni su BT Sport, vai su www.bt.com/sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *