Opinione: Ancelotti vecchio stampo decolla da ‘Italian Job’ per cementare la sua eredità

In questo periodo dell’anno scorso, Carlo Ancelotti era un uomo dimenticato. Una stagione iniziata in modo promettente con l’Everton si è conclusa in modo piatto quando i Toffees hanno raggiunto il centro del tavolo. Quando il Real Madrid è venuto a chiamare il veterano italiano, non molti fan dell’Everton lo stavano pregando di restare.

Questa volta, due mesi fa, Ancelotti era un uomo indesiderato. La schiacciante sconfitta dell’ultimo minuto in casa del Paris Saint-Germain negli ottavi di finale di Champions League ha visto l’ex tecnico dell’AC Milan aggrapparsi alla sua posizione di allenatore del Real Madrid. Dopo quella sconfitta a Parigi, si sparse la voce che i suoi giorni a Madrid fossero contati.

Stasera Ancelotti è l’uomo.

Ancora una volta Ancelotti è il re d’Europa e il Madrid è il campione d’Europa. E ancora una volta Ancelotti ha fatto le cose a modo suo.

Carlo Ancelotti, allenatore del Real Madrid

La modalità Finale di Champions League di sabato è stata decisa nei primi 15 minuti della partita. A volte nel primo tempo, il Real Madrid ha dovuto cavalcare la fortuna. Thibaut Courtois ha giocato come un indemoniato e lo ha salvato dopo aver bloccato artisti del calibro di Mohamed Salah e Sadio Mane. Al Sadd è sicuro di esplodere, la pressione ripagherà e il Liverpool vincerà il settimo titolo europeo.

Il Liverpool ha spinto il Madrid in alto sul campo e ha cercato di spingere il Real a terra. D’altra parte, il Madrid si è seduto, ha assorbito la pressione e ha mantenuto le sue energie. Era un piano rischioso contro un Liverpool che in passato aveva battuto squadre molto migliori delle undici del Real Madrid.

READ  Il Celtic ha aperto i colloqui per Diego Laxalt mentre i media italiani hanno riferito di un accordo scontato con la nazionale uruguaiana

È riuscito. Nel secondo tempo, il Liverpool ha esaurito completamente il carburante. Nei primi 45 minuti Luka Modric e Toni Kroos non riuscivano a toccare palla, mentre Casemiro affogava in un mare rosso di pressione costante.

Nella ripresa Modric e Kroos hanno partecipato sempre di più al match. Fede Valverde ha iniziato a far esplodere i suoi polmoni commerciali e quando l’uruguaiano ha trovato spazio sulla destra per segnare il gol di Vinicius, il Liverpool sembrava una squadra esausta mentre cercava disperatamente di tornare al centro.

Questa fatica che il Liverpool provava non era solo fisica, ma mentale. Andy Robertson non è riuscito a battere il primo uomo a portare più cross, il passaggio di Thiago è diventato un pesante fardello e la consueta percezione del gioco di Fabinho è diventata volubile. Anche Jurgen Klopp sembrava privo di energia nel secondo tempo.

Jurgen Klopp si è ridotto dopo la partita

Forse il momento in cui questa stanchezza mentale è stata più evidente, quando Naby Keita ha tentato per la prima volta un tiro di piede dal limite dell’area di Madrid, che è volato innocuo nel cielo di Parigi.

Ancelotti ha giocato la partita alla perfezione. Con una sorta di prestazione di rimbalzo, il Real Madrid ha assorbito la pressione del Liverpool, permettendo loro di battersi e optando per i Reds in contropiede.

La semplicità del programma di gioco e dell’approccio tattico di Ancelotti è qualcosa che non vediamo più spesso. Per la maggior parte della partita, il Real Madrid ha provato a giocare palle lunghe sopra le teste di Robertson e Alexander-Arnold. Ben lontani da sistemi complessi e robotici come quelli del Liverpool guidato da Klopp o del Manchester City di Pep Guardiola. Entro la fine della partita, il Liverpool stava pubblicando il piano abbreviato del gioco, ovvero il suo rilascio nei confronti del grande Virgil van Dijk.

READ  Mason Mount rivela che la star Jorginho è il principale bluff al Chelsea

Ancelotti ha giocato brillantemente stasera. È tornato alle sue origini italiane e ha messo insieme una squadra che si è lanciata ad ogni tiro, si è lanciata in ogni contrasto e si è imbattuta nel buon vecchio modo di perdere tempo per una buona procedura. Una vera e propria prestazione di rovescio, qualcosa di simile a quello che avrebbe fatto il mitico Milan Ancelotti.

E quando finalmente il Real Madrid ha sfondato, la tattica di Ancelotti si è rivelata giusta. Il Real Madrid è riuscito a raggiungere il Liverpool nel secondo tempo e ha approfittato dello spazio lasciato da Robertson quando ha bombardato un attaccante, quando Vinicius ha girato dietro Alexander-Arnold nell’angolo posteriore per segnare la vittoria.

Vinicius Junior è stato il campione di Madrid

Non prendiamoci in giro neanche. Il Liverpool è la squadra migliore. Lo hanno dimostrato per lunghi periodi stasera e se giochi a questa partita 10 volte, il Liverpool vincerà sei o sette volte. Avrebbero dovuto vincere questa partita.

Ma non dovrebbe contare nulla.

Prima della finale, c’era molta influenza dall’eredità della Champions League del Real Madrid. Lo spirito dell’iconica gloria europea del passato sta spingendo il Madrid a un livello che poche squadre possono raggiungere. Il Real Madrid crede che dovrebbero essere sempre i campioni d’Europa. La loro storia lo richiede.

Ma stasera, probabilmente non dovremmo prenderci il merito di fantasmi, eredità o storia. Invece, il merito di stasera dovrebbe andare a un uomo e un uomo solo. Stasera Ancelotti ha fatto marcia indietro rispetto agli anni passati. Mostra che ci sono molti modi diversi per vincere la partita. Ha dimostrato che non è necessario essere la squadra robotica più addestrata al mondo per vincere i campionati.

READ  Il greco spiega perché il tennis è lo sport più 'duro'

A volte tutto ciò di cui hai bisogno è cuore, coraggio e un po’ di vanto. E con Don Carlo al timone, che vuol dire che il Real Madrid non escogita un’altra rapina per portare a casa questo trofeo nel giro di pochi anni per la quindicesima volta.

Ricevi gli ultimi titoli sportivi direttamente nella tua casella di posta iscrivendoti ai nostri avvisi e-mail gratuiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.