Open d’Italia: Perdono Serena Williams e Naomi Osaka, e Simona Halep è infortunata

Serena Williams gioca solo la sua quinta partita sul campo da giugno 2018

Serena Williams ha segnato la fine della millesima partita della sua illustre carriera, con una sconfitta diretta contro l’Argentino Club Podoroska agli Open d’Italia.

La 39enne americana, che ha giocato la sua prima partita ufficiale da metà febbraio, ha perso 7-6 (8-6) 7-5.

Podoroska sembrava fiduciosa al suo primo incontro con la 23 volte campionessa del Grande Slam, quando ha raggiunto gli ottavi di finale.

Naomi Osaka ha subito una seconda sconfitta consecutiva sulla terra battuta, mentre la difesa del titolo di Simona Halep è finita per infortunio.

La giapponese n. 2 del mondo Osaka ha perso 7-6 (7-2) 6-2 contro l’americana Jessica Bigula in un duro colpo ai suoi preparativi per gli Open di Francia, che inizieranno il 30 maggio.

Nel frattempo, la partecipazione di Halep al torneo Dirt Court Grand Slam – che ha vinto nel 2018 – è tornata in equilibrio dopo che un esame ha mostrato che aveva un polpaccio sinistro strappato.

La rumena, terza classificata al mondo, ha dovuto essere aiutata a uscire dal campo a causa di un infortunio che l’ha costretta al ritiro contro la tedesca Angelique Kerber.

Halep, che era in vantaggio 6-1 3-3 quando è stata costretta a fermarsi, soffriva e sembrava sul punto di piangere mentre si rotolava sulla sedia.

“Domani farò una risonanza magnetica per capire l’infortunio in modo più dettagliato, ma al momento non siamo sicuri di quando recuperare”, ha twittato mercoledì sera il due volte campione del Grande Slam.

Ma quella è stata una giornata più diretta per l’australiano numero uno al mondo Ashley Barty, che ha raggiunto il terzo turno battendo il Kazakistan Yaroslav Shvedova 6-4, 6-1.

Williams deve fare prima del Roland Garros

In un giorno in cui nove delle prime 10 donne giocavano a Roma, la maggior parte dell’attenzione si è concentrata sul ritorno della Williams per la partita d’azione.

L’ultima apparizione dell’americano nelle semifinali dell’Australian Open è arrivata contro l’Osaka il 18 febbraio.

Il volto della 44esima testa di serie Podoroska, che ha sorprendentemente raggiunto le semifinali del Roland Garros lo scorso anno, sembrava tutt’altro che ideale mentre cercava di trascorrere del tempo sul campo nella capitale italiana questa settimana.

L’ottava testa di serie Williams non ha avuto forza e ha lottato nella prima di servizio per tutta la partita, perdendo solo il 48%, e non è stata in grado di sfruttare nessuna delle tre opportunità di intervallo che le si sono presentate.

Podoroska inizialmente ha lottato per terminare la partita quando Williams ha eliminato il vantaggio per 5-2 dell’argentina 5-5 nel secondo set, prima che Podoroska riacquistasse la calma per battere un avversario dei primi 10 per la terza volta nella sua carriera.

La Williams non avrebbe dovuto giocare di nuovo prima dell’inizio degli Open di Francia, ma dopo questa sconfitta ha lasciato intendere che ora poteva cercare di aggiungere un torneo al suo programma.

“È stato decisamente positivo andare un po ‘lontano e cercare di essere lì, ma ovviamente posso fare meglio con le Legioni”, ha detto in una conferenza stampa.

“Forse ho bisogno di qualche altra partita, quindi cercherò di scoprirlo con il mio allenatore e la mia squadra e vedere cosa vorremmo fare.

“Mi alleno da mesi, ma è decisamente diverso sulla terra per fare questo ultimo aggiustamento”.

Il linguaggio del corpo di Osaka illustra le paure dell’argilla

Naomi Osaka fa un ritorno nella sua partita italiana aperta contro Jessica Bigula
L’Osaka ha commesso 37 falli facili, perdendo contro Bigula in un’ora e 27 minuti

Osaka, che ha ricevuto un addio al primo turno, ha spesso lottato con il fango e il linguaggio del corpo negativo – anche quando ha rotto la racchetta – e ha mostrato il suo disagio nei confronti della fiduciosa Pigula.

Dopo una partita di apertura serrata in cui ha sperperato tre punti nel girone, il livello di Osaka è scivolato al secondo posto e Bigula al 31 ° posto ha dominato il mondo.

Bigula, 27 anni, ha mantenuto la sua concentrazione e disciplina per capitalizzare i successi sempre più sorprendenti di Osaka, battendo 4-2 quando la quattro volte campionessa del Grande Slam ha sparato un potente tiro e ha continuato a segnare la più grande vittoria della sua carriera.

Per il 23enne Osaka, la sconfitta è arrivata sulla scia di una sconfitta al secondo turno agli Open di Madrid all’inizio di questo mese.

Leggi l'immagine del logo sulla BBC - bluPiè di pagina - blu

READ  Slow Journey to Italy: Be My Journey

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *